Raga… ma Hong Kong?

Sulle nostre pagine avevamo trattato il problema di Hong Kong e delle sue proteste per una maggiore democratizzazione della città diversi mesi fa, in più articoli [1] [2]. Il tempo è passato ma la situazione non è cambiata: le proteste sono cresciute, sono finite prima sulla bocca di tutti e poi nel dimenticatoio mediatico, pur continuando ad andare avanti. Negli ultimi giorni, tuttavia, la Cina è tornata prepotentemente alla ribalta dell’informazione mondiale per il Coronavirus 2019-nCoV e noi ci siamo chiesti: ma Hong Kong come se la passa?

La risposta più breve sarebbe: non troppo bene. Strano (o forse neanche troppo) ma vero, in questi giorni il problema principale di Hong Kong non riguarda più la legittimità del governo di Carrie Lam o il rapporto della città con Pechino, ma la galoppante epidemia di Coronavirus. Mentre questo articolo viene scritto, il 1 febbraio 2020, i decessi confermati per il virus sono 259, tutti nel mainland cinese e in particolare nella città di Wuhan. Se fino a poche settimane fa le sollevazioni di massa e i grandi assembramenti di persone contro il governo centrale erano all’ordine del giorno, la paura per la diffusione dell’epidemia ha svuotato Hong Kong. Niente più proteste, manifestazioni, affollamenti, la popolazione limita al minimo il contatto umano e sociale, con l’eccezione delle lunghe file davanti a cliniche e ospedali per ricevere mascherine chirurgiche per evitare il diffondersi dell’epidemia, che intanto ha già colpito 14 persone.

Per essere una città di 7 milioni e mezzo di abitanti, le strade sono un po’ vuote…

Altro grave problema per la città, al di là della momentanea sospensione dell’attività di protesta, è la risposta alla crisi sanitaria che la governatrice Lam sta mettendo in atto. Gran parte della popolazione è contrariata alla scelta di ridurre al minimo (senza però interrompere del tutto) i collegamenti tra l’isola di Hong Kong e la terraferma. Infatti, nonostante l’interruzione dei collegamenti tramite treni ad alta velocità con il mainland e nonostante la sospensione di emissione di visti per visitatori (permettendo solo a cittadini e pochi altri di entrare in città), la popolazione non ritiene le misure sufficienti per arginare il problema. Stando a quanto afferma il governo della città, la situazione non spaventa le autorità locali, che sono sicure che un isolamento totale porterebbe alla paralisi delle attività produttive e lavorative. Di diverso parere è invece la popolazione, più che convinta che Hong Kong rischi di trasformarsi in un lazzaretto.
Al malcontento si aggiunga anche l’incapacità della classe politica di fare fronte all’emergenza: è di questi giorni lo scandalo per cui un’esponente del governo della città (Ann Chiang) sostiene che la crisi sanitaria possa essere combattuta semplicemente sterilizzando in casa propria le mascherine, notoriamente monouso, già adoperate. Il quadro che si prospetta non è dei migliori.

E se la protesta contro la sudditanza della governatrice alla volontà del governo centrale cinese non può continuare nelle strade, molti medici e operatori sanitari hanno indetto uno sciopero per questi giorni, rischiando di paralizzare un sistema sanitario già in ginocchio per le chilometriche file. All’orizzonte si profila il rischio di una crisi sanitaria, in una città che nel 2003 aveva pagato lo scotto di oltre 300 vittime all’epidemia di SARS: i prossimi giorni saranno fondamentali per capire quanto Carrie Lam abbia a cuore il futuro dei propri cittadini e quanto, invece, risponda ciecamente agli ordini di Pechino.

Luca Negro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...