Forse non tutti sanno… come sono nati alcuni dei giochi più famosi

La diffusione del Covid-19 ci ha obbligati alla quarantena e così, rinchiusi tra le pareti domestiche, ci siamo visti costretti a rallentare, se non quasi fermare, i nostri ritmi quotidiani. Sicuramente può essere un’occasione per tirare fuori dagli scaffali quei giochi, di società e non solo, che molti di noi usano meno di un tempo, se non proprio mai. Ma vi siete mai chiesti come sono nati e chi li ha inventati?

Partiamo dal famosissimo ed enigmatico rompicapo cubo di Rubik, detto anche cubo magico. Fu inventato a scopo didattico nel 1974 dal professore di architettura e scultore ungherese Ernő Rubik. Inizialmente venne utilizzato solo dai matematici ungheresi ma in seguito ebbe una larghissima diffusione tanto che nel gennaio del 2009 ne erano stati venduti nel mondo 350 milioni! Sapevate che le combinazioni che il cubo può assumere sono 43 miliardi di miliardi?

I mattoncini Lego, invece, furono inventati nel 1947 dal falegname danese Ole Kirk Christiansen e da suo figlio Gotfred. I due insieme crearono i primi mattoncini in plastica che iniziarono ad essere prodotti soltanto due anni dopo nella loro fabbrica, fondata nel 1916 e poi chiamata nel 1932 proprio “Lego” dall’unione delle parole danesi leg got, ovvero “gioca bene”.

Anche il nome di Subbuteo nasce da una situazione particolare: nel 1947 l’ornitologo Peter Adolph, ispirandosi al gioco New Footy, creò il suo nuovo gioco che inizialmente voleva chiamare The hobby, il passatempo. Questo però è anche il nome di un tipo di falco, il falco subbuteo, secondo nome scientifico. Ecco che allora Adolph decise di utilizzare la seconda parte del nome del falco per brevettare il suo gioco.

E la Barbie? Fu inventata nel 1956 in Svizzera da Ruth Handler, moglie di Elliot Handler, uno dei fondatori della Mattel, importante casa produttrice di giocattoli. Ruth vide in un negozio una bambola, Lilli, in plastica alta quasi 30 cm, ne comprò tre e le modificò fino a quando non raggiunse il risultato che immaginava. Alla prima Barbie diede il nome di Barbara Millicent Roberts, Barbara come sua figlia.

Sicuramente non possiamo dimenticarci di Monopoli. Il nome del famoso gioco da tavolo nasce dal concetto di monopolio, il dominio del mercato da parte di un singolo. Fu brevettato il 31 dicembre 1935 da Charles Darrow che era disoccupato. Erano gli anni della Grande Depressione, e nel suo molto tempo libero inventò il gioco che tutti conosciamo dove si comprano o perdono case e denaro che è stato tradotto in 19 lingue e ha reso Darrow milionario.

Chissà se, durante questi giorni in cui restare a casa è fondamentale, non sarà uno di noi ad avere l’ispirazione e l’intuizione che gli permetterà di creare un nuovo e divertente gioco da lanciare sul mercato!

Fabiana Cupi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...