A cento anni dalla fine

A cento anni esatti dalla fine del primo conflitto mondiale, un libro ci spiega come ricordare quella pagina di storia eroica e drammatica.

L’antisemitismo in Europa

Il 18 Novembre si è tenuto alla GAM di Torino, un convegno sull’antisemitismo organizzato dal Gruppo Sionistico Piemontese. Sono intervenuti: Emanuel Segre Amar, presidente del Gruppo e poi Giulio Meotti, giornalista e scrittore, Vittorio Robiati Bendaud, coordinatore del Tribunale Rabbinico Centro Nord Italia e scrittore, Ugo Volli, professore e semiologo. Il primo relatore a parlare…

Herzl, il padre d’Israele

Lo storico inglese Paul Johnson ha scritto: «Herzl è uno dei personaggi più complessi della storia ebraica. Come nel caso di Disraeli, i suoi modi impetuosi e teatrali nascondevano tragiche profondità». Ma chi era Theodor Herzl? Nella prima fase della sua vita, era solamente un giornalista ebreo ashkenazita nato a Budapest e di lingua tedesca….

Zero K – Don Delillo

“Tutti vogliono possedere la fine del mondo”. È questo l’enigmatico incipit di Zero K dell’americano Don Delillo. Ross Lockart è un uomo forgiato dai soldi, un “self made man”. Si era fatto un nome analizzando il profit impact dei disastri naturali, aiutando le aziende a trarre profitto dai cataclismi. La sua seconda moglie, la giovane…

Iran: fra dittatura e letteratura

Teheran 1995. Il regime islamista di Khomeini ha in mano il potere e sembra invincibile, le macerie materiali e morali della guerra Iran-Iraq sono ancora ben visibili e le vie e le università sono teatro di violenze tremende. In questo scenario da film post-apocalittico, la docente universitaria Azar Nafisi decide di cimentarsi in un’avventura ardua…

Il lamento di Roth

Il 22 Maggio scorso il mondo ha perso un grande scrittore: Philip Roth. Era, nelle parole di Harold Bloom, “il culmine di un enigma irrisolto nella letteratura ebraica dei secoli XX e XXI”. “Le complesse influenze di Kafka e Freud e il malessere della vita ebraico-americana” e di malessere, nelle sue opere, ve n’era davvero…

Un elegante provocatore

Martedì 25 giugno 1974, gli italiani trovarono in edicola un nuovo quotidiano: “Il Giornale”. A fondarlo, fu “l’elegante provocatore” Indro Montanelli. Classe 1909, corrispondente durante le guerre coloniali dell’Italia fascista in Africa, fedele al Fascismo ma non conformista, insieme a Mino Miccari ruppe con le posizioni ufficiali del Regime. In particolare, si schierò contro il…

Lewis: uno storico fra due civiltà

Il 19 Maggio 2018 ci ha lasciato Bernard Lewis. Storico, esperto di vicino oriente e professore alla School of Oriental and African Studies dell’Università di Londra. Nato in Gran Bretagna da una famiglia ebraica, cominciò fin da giovanissimo a studiare il vicino e medio oriente, la religione islamica e il mondo arabo, fino a diventarne uno…

Libri in valigia: Un uomo

Pubblicato per la prima volta nel 1979, Un uomo di Oriana Fallaci è il romanzo che racconta la vita di Alekos Panagulis e la sua storia d’amore con l’autrice. Il giovane Panagulis è condannato a morte a seguito di un fallito attentato dinamitardo ai danni del tiranno ellenico Georgios Papadopulos, che allora era a capo del…

Houellebecq economista

Avete sempre fatto un gran fatica a capire l’economia? Se la risposta è positiva, allora dovete proprio cimentarvi con i romanzi di Michel Houellebecq. Il perché è chiaramente spiegato da Bernard Maris, una delle vittime dell’attacco terroristico alla redazione di Charlie Hebdo, nel suo formidabile saggio Houellebecq Economista (Bompiani Overlook). Se volete comprendere come lo…