Game of Thrones ha dieci anni. E io non riesco più a guardarlo

Il 17 aprile del 2011 andava in onda la prima puntata di Game of Thrones dando inizio a una delle serie che hanno più segnato la pop culture della nostra generazione.
Ma l’eredità di Game of Thrones è anche controversa e, a dieci anni dalla messa in onda dal primo episodio, molti fan hanno dovuto fare i conti con tale bagaglio.
Nel suo nuovo articolo, Ginevra Gatti riflette su cosa possa significare Game of Thrones nel 2021 per chi l’ha amato nel 2011 e si chiede se la discussione che circonda la serie non nasconda, in realtà, una discussione sulla natura stessa dell’intrattenimento e di come lo consumiamo.

#theironanniversary #got #GOT #gameofthrones #iltronodispade #asoiaf #asongoficeandfire #lecronachedelghiaccioedelfuoco #dandd #grrm #davidbenioff #danielweiss #georgemartin #windsofwinter #forthethrone #lindsayellis

Questione israeliana in pillole: 1948 (pt.2)

Nella prima parte della nostra rubrica sulla questione israeliana, abbiamo ripercorso gli eventi che hanno portato alla nascita di Israele e quelli che sono seguiti, dando inizio alla conflittualità tra lo stato ebraico e i vicini Paesi arabi e palestinesi.
In questa seconda parte, Ginevra Gatti continuerà a parlarci della fondazione dello stato di Israele, soffermandosi però sull’eredità tramandata dalle modalità in cui è avvenuta la partizione del mandato britannico e dalle particolari circostanze del momento e sull’impatto che questa ha avuto nella storia politica e militare della regione fino ad oggi.

#conflittoaraboisraeliano #israele #gaza #palestina #questioneisraeliana #questionepalestinese #sheikhjarrah #ereditàcoloniale #capitolhill2021 #gerusalemme

Questione israeliana in pillole: 1948 (pt. 1)

L’ultima recrudescenza del conflitto tra Israele e Palestina ha dominato i titoli di giornali nelle ultime settimane.
Può essere difficile orientarsi tra le miriadi di informazioni con cui siamo bombardati, per questo The Password vi propone una serie di articoli sulla questione israeliana che provino a mettere in luce elementi della questione spesso messi da parte in favore di una narrazione più ideologica ma fondamentali per comprendere veramente la complessità della questione.
Nella prima parte della serie, Ginevra Gatti vi parla della nascita dello Stato di Israele e delle eredità della partizione che ancora oggi interessano la regione.

#israele #palestina #sheikhjarrah #gaza #questionepalestinese #conflittoaraboisraeliano #questioneisraeliana #nakba #gerusalemme

UniTo: primo seminario di Diritto LGBTQ+

Il 10 maggio 2021 si è concluso il primo seminario dell’Università di Torino in tema di “Diritto LGBTQ”. Il seminario ha riscosso un enorme successo ed è stato aperto al pubblico a fronte dei numerosissimi iscritti.
Questa iniziativa del dipartimento di giurisprudenza nasce da una necessità di fornire agli studenti un percorso che tratti gli aspetti giuridici dei temi LGBTQ in maniera globale e approfondita.
Ginevra Gatti, che ha seguito per noi il seminario, nel suo nuovo articolo ci racconta dei principali temi trattati e del perché siano così importanti per chi vuole approfondire le tematiche LGBTQ.

@unitorino @identitaunite @avvocathy
#lgbtq #lgbt #lgbti #dirittolgbt #dirittolgbtq #diritto #giurisprudenzaunito #seminariodirittolgbtq #seminariodirittolgbt #lgbtunito #unito

Anna: la recensione

Anna è la nuova serie tv di Sky, tratta dal romanzo omonimo del 2015 di Niccolò Ammaniti.
In Anna, una malattia mortale che resta dormiente fino alla pubertà ha sterminato la popolazione adulta lasciando soltanto i bambini e i ragazzi sotto i 14 anni a lottare per sopravvivere.

Nel suo nuovo articolo, Ginevra Gatti prova a spiegare perché, nonostante tratti di una pandemia mortale, Anna sia stata così apprezzata dal pubblico anche nel 2021. In particolare, ci mostra come l’estrema liricità della serie, il suo sguardo crudo e sincero sulla natura umana, ne facciano un gioiello assolutamente da non perdere!

#anna #annasky #annaskynow #annaseriesky #giuliadragotto #niccoloammaniti #sicilia #alessandropecorella #giovannimavilla #recensione #serietv

Symphonic Variations: inizia la nuova stagione della Royal Opera House

Nel mese di maggio, dopo più di un anno di chiusura, la Royal Opera House di Londra riaprirà i battenti al pubblico.
In occasione della riapertura, già a partire da aprile, il teatro ha messo a disposizione degli spettatori 3 balletti da acquistare e guardare in streaming sul loro sito.
Ginevra Gatti, nel suo nuovo articolo, ci introduce a “Symphonic Variations”, considerato uno dei capolavori del coreografo inglese Frederick Ashton. La genesi di questo balletto, creato nel 1946, e raccontata nell’articolo, è l’occasione perfetta per riflettere su questo momento di riaperture graduali.

@royaloperahouse
#royaloperahouse #ourhousetoyourhouse #royalballet #coventgarden #frederickashton #ashton #symphonicvariations #lafillemalgardee #margueriteetarmand #thedream #atragedyoffashion #danzaclassica #danza #balletto #marianelanunez

Miss Papua Nuova Guinea e Mrs Sri Lanka: quando la bellezza si fa politica

Nelle ultime settimane, contro ogni aspettativa, i concorsi di bellezza hanno fatto parlare molto di sé. In particolare due episodi hanno fatto discutere per il loro legame con una cultura misogina ancora molto presente, sia nei concorsi, sia nei paesi d’origine delle vincitrici.
Nel suo nuovo articolo Ginevra Gatti ci fa conoscere l’episodio di Pushpika De Silva, Mrs Sri Lanka, cui è stata letteralmente strappata la corona dalla testa perché divorziata e di Lucy Maino, Miss Papua Nuova Guinea, destituita per aver twerkato in un Tik Tok divenuto virale.

I due episodi, secondo molti testimoni, riflettono un clima di misoginia nei rispettivi paesi, che spesso evolve in veri e propri atti di violenza.

#concorsibellezza #missmondo #missworld #misspapuanuovaguinea #missPNG #mrssrilanka #mrsworld #pushpikadesilva #carolinejurie #lucymaino #misoginia #violenzasulledonne #ilconcorso #misbehaviour #jenniferhosten

Concorso Rabah Aissat: un esempio di autogestione per borghi più belli e puliti

Nel 2006, Rabah Aissat, presidente della provincia di Tizi-Ouzou, nella regione algerina della Cabilia, ha indotto il concorso per il borgo più bello e pulito della regione.
Nel suo nuovo articolo, Ginevra Gatti ci parla dei paesi sempre più numerosi che nel corso degli anni hanno partecipato al concorso. Così facendo, la regione è stata travolta da un’ondata di autogestione che ha notevolmente migliorato le condizioni di vita degli abitanti, nonché attirato centinaia di turisti.
Se vi serve una meta originale da mettere in lista per quando si potrà viaggiare di nuovo, venite a scoprire i villaggi più belli e puliti della Cabilia!

@TiziOuzoupropre #concorsorabahaissat #rabahaissat #tiziouzo #cabilia #zougva #sahel

Femminismo e mobilitazione maschile: quando gli uomini diventano femministi

Negli ultimi anni sempre più uomini hanno iniziato a definirsi femministi e a fare attivismo con progetti di divulgazione, saggi e studi, affiancando le donne nella lotta per la visibilità e per il riconoscimento degli studi di genere.

Nel suo nuovo articolo, Ginevra Gatti riflette sulla possibilità di questo fenomeno di attrarre un pubblico maschile più ampio dalla parte della lotta femminista e ci presenta il lavoro di diverse associazioni.

Alcune hanno al centro dei loro obiettivi la riflessione che lega gli uomini alla lotta contro la società patriarcale, altre, pur occupandosi di altro, si sono guadagnate l’attenzione mediatica per aver detto di no all’indifferenza rispetto a questi temi.
Venite a scoprirle!

@bossyitaly @cimdrp @lorenzo.gasparrini @teatrandobiella @gianlucapeciola
#associazionecerchiodegliuomini #cerchiodegliuominitorino #maschileplurale #noino #fischiailventoassociazioneculturale #anpi

Lo sci e la politica: il caso Samira Zargari

L’allenatrice della nazionale iraniana femminile di sci alpino non è stata presente ai mondiali di Cortina 2021. Perché? Il marito ha opposto il veto coniugale che impedisce alle donne di espatriare senza l’autorizzazione del marito.
Nel suo nuovo articolo, Ginevra Gatti prende spunto da questo episodio per riflettere sul rapporto tra sport e politica e sul ruolo che l’uno svolge nell’altra e viceversa.