Banksy a Betlemme: la Street Art come denuncia sociale

«Fondamentalmente Betlemme è stato un luogo sacro per secoli e secoli e adesso hanno costruito un enorme muro di cemento nel bel mezzo della città. È anche la tela più grande mai esistita e spero che con qualche bomboletta spray lo possiamo trasformare nell’opera d’arte più grande del mondo, ma soprattutto quella che durerà meno.» Banksy, 2007 (citazione tratta dal documentario “L’uomo che rubò Banksy”, di Marco Proserpio, 2018)

Tra i 70 muri oggi esistenti nel mondo, costruiti per chiudere i confini, fermare i migranti o nascondere la povertà, la barriera di separazione eretta per volere di Israele al confine con la Cisgiordania è di sicuro, suo malgrado, uno dei più noti esempi di discriminazione, ingiustizia e oppressione.

Tra gli artisti, locali e internazionali, che hanno messo a disposizione la propria arte a difesa di soprusi e discriminazioni sociali attraverso la realizzazione di graffiti sulla parte palestinese del muro che divide Betlemme, il più noto è sicuramente Banksy.

L’intento del misterioso artista di mantenere alta l’attenzione su queste tematiche lo ha spinto oltre all’espressione artistica e si è concretizzato nella realizzazione di un ostello, il The Walled Off Hotel, aperto nel 2017 a Betlemme, definito provocatoriamente dallo stesso Banksy “l’albergo con la vista peggiore del mondo”, poiché si affaccia direttamente sul muro.

Tra i numerosi murales realizzati dall’artista di Bristol a Betlemme, una ha subito una vicenda molto particolare che è stata raccontata in un documentario di Marco Proserpio con la voce narrante di Iggy Pop, “L’uomo che rubò Banksy”, presentato nel 2018 al Torino Film Festival. L’opera in questione è il controverso murales che raffigura un soldato che chiede i documenti a un asino eseguito sul muro di un’abitazione di Betlemme, asportato e venduto all’asta su Ebay.

#Artists4italy, l’arte come medicina contro il Coronavirus

    Anche il mondo dell’arte scende in campo per fare la propria parte e dare una mano durante la crisi Coronavirus. Marcello Polito e Nicolò Stabile sono due giovani imprenditori italiani che nel 2017 hanno creato la Plan X Art Gallery, una galleria d’arte contemporanea non convenzionale con sede a Milano e a Capri….

Se questa è arte pubblica. Cosa ci ha lasciato il 2019?

Anno di Biennali ma poca arte pubblica: questa è l’affermazione che più si sente negli ambienti dove si respira critica d’arte. Anzitutto, cosa intendiamo con l’espressione “arte pubblica”? Tutta quell’espressione artistica che è destinata all’uso pubblico, che entra nel tessuto sociale e nella struttura urbana delle città. Abbiamo cercato di creare una lista con le…

LAVAZZA, TRA LA CULTURA DEL CAFFE’ E TOWARD 2030

L’inverno è ormai alle porte, il sole a Torino non fa capolino da qualche settimana, e allora quale miglior periodo per dedicare il weekend alla scoperta delle realtà museali della città? La Nuvola Lavazza, in via Bologna, è sicuramente una delle tappe da non perdere perché non è solo un semplice museo, ma è un’esperienza…

MurArte: una città a colori

Nonostante le molte giornate uggiose di queste ultime settimane, passeggiando per Torino avrete, quasi sicuramente, potuto osservare qualche nota di colore in più. Non è solo merito della stagione autunnale, che con il suo foliage crea paesaggi dai caldi colori capaci di far meravigliare anche i più grandi. Diversi muri, facciate di edifici pubblici e…

Intervista a Mono Carrasco, artista del mondo

Héctor “Mono” Carrasco è pittore e muralista cileno, in Italia dal lontano ’74, quando fuggì dalla persecuzione politica del dittatore Pinochet. Mono crede da sempre nel valore dell’arte condivisa – i suoi murales sono sempre creati collettivamente, mai da lui solo – e dell’arte come veicolo di messaggi politici e sociali. La sua ultima opera,…

Here – dove l’arte incontra la condivisione

La quarta edizione di Here è stata inaugurata il 17 maggio e si concluderà questa domenica, 26 maggio, ed è aperta tutti i giorni dalle 17 alle 21. La mostra autogestita è la più grande d’Europa nella sua categoria e ospita 200 artisti da tutto il mondo, di cui circa 50 fissi, occupanti uno studio…

Habitat: l’arte in Barriera di Milano

Torino è notoriamente una città piena di storia e di monumenti che lo dimostrano. Numerose epoche si mischiano al suo interno, rendendola una città senza tempo, con testimonianze di ogni periodo storico. Fortunatamente, però, l’arte non si ferma mai e anche nel XXI secolo qualcuno ha contribuito creativamente all’abbellimento del capoluogo piemontese. Nel 2014, attraverso…