Dalla civiltà bizantina al XXI secolo: il passato è davvero così distante?

Chi sono questi bizantini?
Era un popolo dall’identità complessa che si poneva in continuità con la cultura greca classica, si identificavano anche come discendenti dall’Impero Romano tanto da autodefinirsi “romei”, ma se ne distinguevano nettamente per la simbiosi con la religione cristiana. Il centro dorato di questa millenaria civiltà è la città di Costantinopoli fondata nel 330 d.C. da Costantino I (l’odierna Istanbul).
I bizantini erano la sintesi perfetta della formula “letteratura e vita” in quanto la formazione culturale ne era la base fondante e lo studio non era soltanto di un’élite, ma i più grandi studiosi erano integrati nella vita politica e sociale.
Perché è importante approfondirne la conoscenza?
Infaticabili cultori del libro e amanti della lettura, ci hanno tramandato opere che oggi hanno formato e ampliato il nostro bacino di conoscenze, testi come l’Iliade e l’Odissea, Platone, Aristotele ecc.
Nel IX sec. inoltre hanno avviato la riscrittura in minuscola di tutti i manoscritti in maiuscola onciale, il corsivo che tutti noi conosciamo.
Indagandone i valori fondamentali, la struttura sociale, la politica teocratica possiamo scandagliare delle questioni che conducono ancora il nostro vivere quotidiano, e possiamo esserne più consapevoli cercando delle soluzioni per sradicare dei costrutti deleteri e obsoleti ma che purtroppo faticano ad assottigliarsi.

La storia di Sébastien Jacques (e Giulia Valentina)

Quella che leggerete è una storia di coraggio e solidarietà, che porta un messaggio di speranza. Non è forse proprio quello di cui abbiamo bisogno in questo periodo storico? Ma facciamo un passo indietro. Era il 2010 quando Sébastien Jacques, un giovane canadese studente del Virginia Tech College di Blacksburg, dove era entrato con una…

Nutriamoci di arte: nella galleria di Corrado Zani

L’arte contemporanea è bistrattata. Abbiamo esaminato nell’intervista con Tecla i sentimenti stranianti che si provano di fronte a questo tipo di opere e l’importanza della comunicazione insita in ogni creazione. (Se non lo hai letto, clicca qui per l’articolo) Oggi abbiamo il privilegio di poterci non solo interrogare sul significato dei manufatti creativi, ma possiamo…

Orti urbani: coltivare la passione dell’orto in città

In città può essere difficile coltivare la propria passione… per l’orto. Quando si è circondati da strade e palazzi, non si riesce ad immaginare che l’opportunità per mettersi in gioco in questo campo è dietro l’angolo, o quasi. A Torino infatti sono presenti numerosi orti urbani, ovvero spazi verdi messi a disposizione della comunità per…

L’incapacità di amare da filofobia

Ah, l’amour!Quanti sospiri, quanti sorrisi incondizionati, quante emozioni!L’amore è un sentimento così puro e innocente che scalda il cuore al solo pensarci: infatti, quando si è innamorati, si è come chiusi in una bolla di benessere e spensieratezza – la decantata vie en rose.Sembra quasi che tutti, sotto sotto, siamo innamorati dell’amore stesso e che…

Teatroterapia: consapevolezza in scena.

Quanti artisti conosciamo che fanno dell’arte la loro ancora di salvezza? E quanti fruitori dichiarano di ritrovarsi completamente in quello che un artista ha prodotto? L’espressione artistica di pensieri, musica, parole, emozioni ha un intenso potere sulla collettività. La medicina di comunità si basa proprio sul contesto sociale, elemento cruciale per il processo di guarigione….

Skam: un velo contro ogni discriminazione

Skam significa vergogna, disagio. Skam è il motore che anima le storie di ognuno dei protagonisti, costretti a vivere con disagio il loro essere giovani. Ma Skam, a nostro avviso, è anche quello che la serie ci restituisce: un misto di vergogna e disagio verso la mentalità chiusa e bigotta che anima il nostro tempo…