L’eredità di padre Pino Puglisi, detto 3P

Oggi, 28 anni fa, un prete minuto con le orecchie grandi e un cuore ancora più grande, veniva assassinato davanti al portone di casa sua dai sicari di Cosa Nostra.
La sua colpa? Aver puntato sui giovani, aver cercato di togliere dalla strada e dal giro della malavita quanti più ragazzi possibile, aver messo in pratica i precetti del Vangelo.
Padre Pino Puglisi, detto 3P, è stato il primo prete assassinato dalla mafia e oggi, nel giorno del suo 84° compleanno e anniversario di morte, vogliamo ricordarlo con l’insegnamento più grande che ci ha lasciato: se ognuno fa qualcosa…
Leggi perché è stato definito un prete antimafioso e in che modo ha sfidato Cosa Nostra nell’articolo di @beblitzz.

#3p #padrepinopuglisi #mafia #antimafia #cosanostra #palermo

19 luglio

  Sono passati ventiquattro anni da quel 19 luglio 1992, quando alle 16:58 il giudice Paolo Borsellino saltò in aria insieme a Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina; sono passati ventiquattro anni da quella Fiat 126 rubata, riempita di esplosivo e lasciata in via D’Amelio pronta ad esplodere….

Uno scontro lungo (almeno) vent’anni

Immaginiamo un salotto, un divano, un tavolino, delle tazzine di caffè e due amici, due ex colleghi di cui uno più anziano e con più esperienza dell’altro. Immaginiamoli parlare del loro lavoro, delle difficoltà e delle speranze che vi hanno riposto e delle soddisfazioni, a volte amare, che la passione per il loro mestiere gli…