Hong Kong: Fine dei giochi.

Avevamo parlato di come, all’inizio dell’epidemia di Covid, le attività di protesta in atto a Hong Kong si fossero arrestate o avessero diminuito d’intensità. Nelle ultime settimane, tuttavia, la situazione è tornata ad arroventarsi, ma nel mare di avvenimenti che si sono susseguiti, abbiamo deciso di raccontarvi quello che probabilmente metterà definitivamente la parola fine…

La Cina e la (mala) gestione dell’emergenza Covid-19

L’epidemia globale di Coronavirus, partita dalla regione di Wuhan, in Cina, potrebbe rafforzare il potere del governo di Xi Jinping. Questa è la previsione politica di molti studiosi e giornalisti del settore, che hanno osservato come, dopo l’iniziale caos, la Cina si sia rimessa in piedi molto velocemente e sia riuscita a contenere la propagazione…

Raga… ma Hong Kong?

Sulle nostre pagine avevamo trattato il problema di Hong Kong e delle sue proteste per una maggiore democratizzazione della città diversi mesi fa, in più articoli [1] [2]. Il tempo è passato ma la situazione non è cambiata: le proteste sono cresciute, sono finite prima sulla bocca di tutti e poi nel dimenticatoio mediatico, pur…

Xinjiang papers. La storia si ripete.

Le parole sono importanti. Ad esempio, se dicessi: “campo di concentramento”, cosa provereste? Se invece dicessi: “campo di rieducazione”? O ancora: “campo di lavoro”? Forse queste locuzioni suonano meglio?Per fortuna sono solo brutti ricordi di un passato lontano, roba da libri di storia.Eppure, sta succedendo. Ora. In questo momento. Mentre siete seduti alla scrivania o…

Caso Blizzard: aziende occidentali e proteste a Hong Kong

Non è un segreto che il governo cinese abbia attuato delle contromisure per diminuire la visibilità delle manifestazioni ad Hong Kong, soprattutto all’estero. Un chiaro esempio di come il governo cinese riesca ad influenzare per i propri scopi anche grandi aziende americane è l’episodio che coinvolge Blizzard Entertainment, una casa produttrice americana di videogiochi nota fra gli appassionati…

Nuova Via della Seta: opportunità o rischio?

La Repubblica Popolare Cinese sta lavorando ormai da anni a un progetto grandioso, che vuole unire economicamente Asia, Africa ed Europa: la Road and Belt Initiative, anche nota come Nuova Via della Seta, come l’antica strada commerciale che univa il vecchio continente all’estremo oriente. La Cina vuole impiegare nel progetto ben 100 miliardi di dollari,…