Zelensky: il servitore del popolo

Nel 2015 debutta la serie televisiva ucraina “Servitore del popolo”, diretta e interpretata da Volodymir Zelensky.

La commedia parla di un professore che a seguito di un suo video diventato virale, nel quale critica i principali problemi dell’Ucraina, viene eletto Presidente.

La profezia si avvera quattro anni dopo: Zelensky diventa presidente. A seguito della drammatica situazione che l’Ucraina sta affrontando, il leader ucraino è riuscito a costruirsi un vero e proprio palcoscenico da eroe.
Ce ne parla Petra Pogliano nel suo ultimo articolo.

#ucraina #guerra #crisirussoucraina #Putin #Zelensky #attualità #politica #relazioninternazionali #ThePassword #ThePasswordUnito

“Che manca?”: nuova vignetta di @vignette_incazzate

La nostra @vignette_incazzate sta forse prevedendo il futuro? Ci auguriamo caldamente di no!

Nel frattempo possiamo solo sperare che la fine di questa terribile e inutile guerra arrivi il prima possibile.
Tutta la nostra solidarietà al popolo ucraino.

Potete seguire gli aggiornamenti sul conflitto nelle nostre stories.

#pandemia #guerra #riscaldamentoglobale #ucraina #russia #attualità #politica #relazioninternazionali #vignetta #vignetteincazzate #ThePassword #ThePasswordUnito

Ucraina: tra Est e Ovest

Negli ultimi giorni, al confine con l’Ucraina, si sono stanziati gruppi di soldati russi. Gli Stati membri della Nato sono divisi tra sostenitori del Paese e neutrali: i primi stanno inviando armi per la difesa, i secondi temono troppo per la sicurezza dell’Europa, da una parte, e per i rapporti con la Russia, dall’altra.

Le tensioni tra Russia, Ucraina e Nato ebbero origine nel 1989, quando Bush e Gorbačëv si accordarono con una sorta di “patto non scritto”, constatando che la Nato non avrebbe dovuto allargarsi ai Paesi dell’Est, e quindi ai Paesi del Patto di Varsavia, tra cui l’Ucraina.

Ce ne parla la nostra redattrice @em.agli nel suo nuovo articolo.

#usa #russia #putin #nato #ucraina #crisiucraina #politica #attualità #thepassword #thepasswordunito #emilyaglì