Lipstick Effect

Il lipstick effect, letteralmente effetto rossetto, è una teoria economica secondo la quale in tempi di crisi le donne tenderebbero ad acquistare una quantità maggiore, almeno in termini di valore, di rossetti di marca. Nonostante la teoria possa trovare fondamenti fondamenti razionali ed evoluzionistici, l’evidenza empirica è carente e la recente pandemia ha messo ancora più in discussione la questione.

#lipstickeffect #effettorossetto #economics #economia #crisi #crisieconomica

Nft, tra creator economy e criptoarte

“Se è su internet, è gratis”: quante volte ci è capitato di pensarlo?

Immaginate ora di poter avere un certificato digitale che attesti la proprietà di un meme diventato virale, di una gif di Nyan Cat, del primo Tweet della storia o di un video di NBA.
Tutto questo è oggi possibile grazie ai cosiddetti Nft, “Non Fungible Tokens”, certificati di autenticità digitali.

Come funzionano concretamente e che cosa c’entra tutto questo con il mercato dell’arte? Ce ne parla Rebecca Boazzo nel suo nuovo articolo per The Password.

#nft #nonfungibletokens #criptoarte #criptovaluta #criptovalute #blockchain #economia #arte #meme #nftart #nftartist #blockchaintechnology #crypto #ThePassword #ThePasswordUnito

@ilmondodelbitcoin @carrara_michele_

La Grande Recessione

La crisi finanziaria del 2008, anche chiamata Grande Recessione, è uno degli avvenimenti più significativi del secolo: originatasi dal mercato immobiliare statunitense, si è ben presto trasformata in crisi finanziaria, diffondendosi in quasi tutto il mondo.

Se ne parla spesso, ma cosa è davvero successo? Quali ne sono state le cause? E, soprattutto, quali furono le soluzioni adottate?

Se volete scoprirlo leggete l’ultimo articolo della nostra redattrice Simona Ferrero!

#GrandeRecessione #crisifinanziaria2008 #economia #mercato #finanza

Innovaction: Beyond Technology. L’innovazione nel nuovo evento del MARKETERs Club Torino

Cos’hanno in comune un operatore di micromobilità in #sharing, la creazione di packaging #ecosostenibili e una #startup innovativa per lo shopping #secondhand?

Scoprilo il 25 giugno, in un evento totalmente online e gratuito organizzato dal MARKETERs Club Torino (@mktrsclub.to), INNOVACTION: Beyond Technology.

In una giornata tutta a tema #innovazione, alcuni relatori provenienti dalle realtà più dinamiche del momento sveleranno il “dietro le quinte” delle strategie di #comunicazione e #marketing adottate per far fronte alle continue sfide del mercato.

Vi raccontiamo di più nell’articolo di Rebecca Boazzo al link in bio, dal quale potrete direttamente registrarvi all’evento.

#MDay21 #mktrsclub #marketersclub #marketers #innovazione #tecnologia #economia #finanza #unito #torino #evento #webinarjam #mediapartnership

@lucatorre87 @lucaflorentino @ottosunove @andymonza @davidelun

Conti pubblici: cosa ci aspetta per questo 2021?

Che la pandemia abbia pesato molto sulle tasche dello Stato non è una novità, ma di quanto esattamente?
Nel nuovo articolo di Simona Ferrero, cerchiamo di fare chiarezza su alcuni concetti e numeri chiave per cogliere l’entità del problema nella sua interezza.
Quando si parla di conti pubblici, tipicamente tre sono le grandezze da analizzare: la crescita del PIL, il deficit e il debito pubblico. In questo articolo andremo ad analizzarle singolarmente.
Non solo: perché, in poche parole, il debito pubblico è dannoso? E questo debito quando scade?

#economia #contipubblici #debitopubblico #PIL #crescitaeconomica

The Andaman Islanders

Tra il 1906 e il 1908, Alfred Reginald Radcliffe-Brown, uno dei più noti antropologi dello scorso secolo, compì un viaggio nelle isole Andamane, dove studiò le strutture sociali ed economiche delle popolazioni locali, riassunte in seguito in The Andaman Islanders.
Nel suo nuovo articolo, Simona Ferrero ci porta a scoprire uno dei capitoli più interessanti del libro. Questo è incentrato sulla divisione del lavoro che avveniva sulla base di età e sesso, e del commercio, che avveniva prevalentemente all’interno dello stesso villaggio, costituito da 6-10 famiglie non legate fra loro da vincoli di parentela.

#radcliffebrown #theandamanislanders #isoleandamane #antropologia

Il crollo della lira turca

Lunedì 22 marzo 2021, il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha licenziato il governatore della banca centrale, Naci Ağbal, per aver alzato il tasso di interesse in un tentativo disperato di contenimento dell’inflazione.
A seguito dell’annuncio del cambio di guida dell’istituzione, la lira turca è crollata drammaticamente provocando la fuga del capitale estero, soprattutto per mano degli investitori giapponesi.
Ce ne parla nel dettaglio Simona Ferrero nel suo articolo.

#liraturca #bc #turchia #crollo

La storia è sempre storia contemporanea

Era l’8 agosto del 1956 quando nella miniera del Bois du Cazier si consumò la tragedia nella quale persero la vita 262 minatori, di cui più della metà erano emigrati italiani. Il fenomeno delle migrazioni è antico e complesso, caratterizzato da violenze, difficoltà, lotte e pregiudizi. La paura del diverso, della novità è un’emozione intrinsecamente umana e partendo da questa consapevolezza bisogna agire. L’integrazione degli italiani in Belgio è un esito felice di questo incontro, difficile e sofferto. Oggi più che mai, in un mondo sempre più globalizzato e connesso, costruire una società all’insegna della multiculturalità e del rispetto dei diritti umani è un dovere e una responsabilità. Perché in fondo quello che ci rende tutti uguali è il nostro essere umani; Marcinelle non è poi tanto diversa dalla tragedia avvenuta a Lampedusa nel 2013. Nel suo nuovo articolo, Arianna Guidotto delinea il tema delle migrazioni in Italia dall’Ottocento ai giorni nostri.

#dirittiumani #economia #integrazione #Lampedusa #Marcinelle #migrazioni #xenofobia #Thepassword #Unito

2030: dove saremo?

A chi non piace lasciarsi trasportare dalla fantasia e immaginare il futuro?
Lasciando da parte auto voltanti e tale-trasporto, Simona Ferrero, nel suo nuovo articolo, ci porta a vedere quali saranno i giganti economici del futuro in base a cosa prevedono i dati e cosa ci insegna la storia. Ci soffermeremo, poi, sul ruolo della crescita demografica e dell’innovazione tecnologica e su come questi elementi incidono sulla produttività e sul PIL.

Corea del Sud e del Nord: Kim il-Sung contro la saggezza del mercato [parte 1]

Come la Germania, anche la poverissima Corea, potenza sconfitta, venne divisa nel 1948 in quelli che erano i due sistemi economici concorrenti. Oggi, trascorsi poco più di settant’ anni da quella divisione, chiaro ci appare il vincitore:
• il PIL pro capite dei nordcoreani, stando ad alcune stime, non supera i 583 dollari, mentre quello dei sudcoreani è di circa 31000 dollari annui (collocando lo stato in dodicesima posizione per PPP);
• secondo l’indice della libertà economica la Corea del Sud si colloca al ventisettesimo posto tra paesi più liberi del mondo con un punteggio di 90,7 punti su 100 nella categoria libertà di impresa, appena dietro la Germania (venticinquesimo posto) e davanti al Giappone, (trentesimo). La Corea del Nord, al contrario, si colloca al 180° posto con solo 5 punti su 100 nella stessa categoria;
• la Corea del Nord riesce a malapena a garantire la sussistenza in ambito agricolo, la Corea del Sud, nonostante la sua dimensione ridotta (circa 1/3 dell’Italia) si aggiudica l’ottava posizione per export e i suoi marchi sono noti in tutti il mondo (Samsung, Hyundai, LG).

Studieremo dunque, in due articoli distinti, le vicende che hanno portato questi due Stati a esiti così diversi, attraverso l’analisi svolta da Rainer Zitelmann in “La forza del capitalismo”.