Il mestiere dell’odiatore

Coloro che sono familiari con i romanzi di Murakami Haruki, riconosceranno l’assonanza del titolo con il romanzo “Il mestiere dello scrittore”.

E in effetti – oggi più che mai – il mestiere dell’#odiatore e l’arte della scrittura sono strettamente collegati.

In questo articolo di @lightbluealice si osserva il fenomeno degli #haters, soprattutto quelli contemporanei, il cui #odio si riversa sui social network alla pari di veri e propri raid.

L’odio sui social è un fenomeno di gruppo: si forma nei gruppi segreti su Telegram o su Facebook, per poi convergere negli sh*tstorms.
E oggi, l’odiatore non prende più di mira solamente personaggi famosi, oppure le minoranze, bensì il “nemico pubblico” del mondo intero – che però per l’hater non esiste – la pandemia.

#iosonoqui #bollainformativa #coronavirus #debunker #thebunking #discorsid’odio #divulgazione #facebook #fakenews #hater #hatersgonnahate #informazione #negazionisti #notiziefalse #odiare #pandemia #shitstorm #telegram #vitimedìodio #thepassword #thepasswordunito #unito

Donald Trump bannato da Twitter: chi controlla chi controlla?

Antonio Ruggiero, nel suo nuovo articolo, ci parla della decisione di sospendere gli account di Twitter e Facebook del presidente uscente Donald Trump, decisione che ha sollevato un’importante questione della nostra epoca.
È giusto che account e possibilità di parola vengano negati a discrezione di criteri e motivazioni decise esclusivamente da vertici aziendali?
Dobbiamo permettere che le potenti aziende Big Tech si riservino questo esclusivo potere di far parlare fin quando non si risulta scomodi?

The Social Dilemma – dove eravamo rimasti.

The Social Dilemma è il documentario Netflix più chiacchierato del momento perché propone una riflessione sull’impatto dei social network nelle nostre vite quotidiane dal punto di vista dei cosiddetti “pentiti della Silicon Valley” ovvero i principali creatori e responsabili di tutto quello che attualmente compone il mondo dei social. Noi di The Password vi abbiamo…

La rivendicazione dei capezzoli

Nell’ambito dalla rappresentazione della nudità sui social media, che già di per sé non è consentita, spicca una particolare problematica che riguarda una parte del corpo che, pur presente in entrambi i sessi, viene censurata in modo selettivo solo in quello femminile: i capezzoli. Anche se abbiamo alle spalle millenni di storia dell’arte che ritrae…

“Io sono Giorgia”

“Io sono Giorgia, sono una donna, sono una madre, sono cristiana”. Chi in questi giorni non ha sentito ovunque questo slogan, trasmesso in tutte le sue varianti? In meno di una settimana la cosiddetta “Giorgia Meloni Challenge” è diventato un fenomeno virale, i social ne sono stati invasi e anche chi non è tra gli…

Vero. Il social network che non sapevi di volere.

Il periodo di boom dei social network è passato da qualche anno. Adesso siamo più refrattari alle novità, difficilmente qualcuno di noi ha installato sul telefono un social che sia diverso dai soliti cinque (Facebook, Instagram, Twitter, Tumblr e Snapchat). Eppure nelle ultime ore sta prendendo piede un “nuovo” social network, Vero, che si pone…

Il caso Aaron Westerberg e Fazi Editore

Aaron Westerberg è un pittore ed apprezzato artista americano, cresciuto a San Diego, i cui lavori sono conosciuti a livello internazionale e sono stati esibiti in diverse gallerie negli Stati Uniti. Fazi Editore, invece, è una casa editrice italiana fondata nel 1995. Il collegamento tra questo artista e questa casa editrice non è così ovvio da…