Ecoword – Piccolo vademecum per parlare di clima

Con l’avvicinarsi dell’uscita del cartaceo di The Password (sì esatto! Mi raccomando, correte a prenderne una copia appena inizierete ad avvistarlo), mi sono trovata a interrogarmi su come avrei potuto coronare la rubrica ecoword (la parola all’ecologia), volevo presentare infatti qualcosa di originale, non il solito report su come stiamo rapidissimamente rosicchiando come parassiti il…

Portraits – Le avventure di Nellie Bly

Se non avete mai sentito parlare di Elizabeth Cochran, mettetevi comodi, perché la sua storia è più che singolare. Nata nel 1864 nello stato della Pennsylvania e a 16 anni, orfana di padre, si trasferisce con la madre e i fratelli a Pittsburgh, una delle città più grandi dello stato. Nel 1885, dopo aver letto…

Portraits – Il giornalismo di Marie Colvin

Ricordare Marie Colvin rappresenta anche un atto di amore verso la verità. Quella verità estrema e tragica degli ultimi, soggetti a guerre, povertà e sofferenze, troppo spesso dimenticati o la cui storia non è mai stata voluta conoscere. Marie Colvin era infatti una giornalista statunitense: dopo la laurea a Yale e il lavoro all’United Press…

Compagni di vecchia data: guerra e mass media

Le tecnologie mediatiche sono da sempre legate a quelle belliche e si sviluppano parallelamente. Raramente, però, i media riescono a riportare la realtà della guerra: la loro più o meno forte dipendenza dal campo politico li rende più facilmente strumenti di propaganda e disinformazione che organismi al servizio dell’opinione pubblica e  del diritto all’informazione. Durante…

La sfortuna dei giornalisti

Per la morte di Daphne Caruana Galizia sono state fermate dieci persone, anche se in una prima conferenza stampa il Primo Ministro maltese Joseph Muscat aveva detto che gli arrestati erano otto, per poi correggersi con un tweet. Quindi i responsabili dell’autobomba che ha ucciso una giornalista che faceva bene il suo lavoro sono stati…