La promozione della cultura del post-pandemia: cos’è cambiato e cosa deve cambiare

La crisi che la pandemia ha portato con sé ha coinvolto ogni settore economico, raggiungendo anche quello artistico – di per sé già in una situazione precaria.
Dalle ceneri del 2020, però, si sente il bisogno di ricominciare: in questo caso, la ripartenza sta rivoluzionando concezioni antiche e pregiudizi ben sedimentati su un ambiente da sempre considerato elitario. E allora cos’è che deve cambiare, affinché l’arte nel post-pandemia venga valorizzata per davvero? #thepasswordunito #thepassword #promozione #cultura #spettacolo #arte #mostre #gallerie #musei #pandemia #covid19 #covid #rebeccaisabelsiri #comune #stato #torino #influencer #giovani

Attivismo social(e)

Post tutti neri, foto con scritte sulle mani, petizioni online e battaglie a suon di hashtag. Cosa succede quando gli influencer dettano l’agenda politica?

Dai Ferragnez a Aurora Ramazzotti, l’attivismo performativo è un fenomeno sempre più riscontrabile online.
Ne parliamo nell’ultimo articolo di Rebecca Boazzo.

#attivismodigitale #attivismoperformativo #clicktivism #slacktivism #filterbubble #influencer #fedezelezioni2023 #filterbubble #bolledifiltraggio #ecochamber #bias #confirmationbias #biasdiconferma
@fraoggiano @will_ita

Missing White Woman Syndrome e l’ossessione social per la vittima “perfetta”

Nel 2004 la giornalista americana Gwen Ifill conia il termine “Missing white woman syndrome” (Sindrome da donna bianca scomparsa) per indicare l’ossessione mediatica verso un certo tipo di vittima “perfetta”: donna, giovane e bianca.

Il recente caso Gabby Petito ha ampiamente dimostrato che questo tipo di attenzione da parte della stampa è prevalente e si è ovviamente allargata anche ai social.

Ci sono conseguenze tangibili e negative? A quanto pare si: la MWWS allontanerebbe l’attenzione da casi ugualmente importanti che meriterebbero lo stesso livello di allerta.

L’articolo è della nostra Daniela Carrabs.

#MWWS #GabbyPetito #GwenIfill #USA #influencer #social #socialmedia #crime #truecrime #vittima #vittimaperfetta #Twitter #TikTok #Italia #transfobia #TheVision #thepassword #thepasswordunito #unito

Modest fashion, il mercato emergente di abbigliamento femminile

Il termine Modest Fashion si riferisce ad un trend relativo alla moda femminile in cui i capi di abbigliamento sono differenti rispetto agli standard consueti al mondo “occidentale”, in quanto maggiormente coprenti e non aderenti o trasparenti. Tale moda è senza dubbio riconducibile al mondo musulmano e ai dettami della Šarīʿa, la legge islamica, che propone è un vestiario che si può definire modesto, con l’obiettivo di sottrarsi da occhi indiscreti ed evitare l’oggettivizzazzione.

Il mercato del Modest Fashion ha recentemente attirato l’attenzione dei giganti della moda, si configura, quindi, come un mercato che promette di continuare a crescere.

TikTok e celebrità: Charli D’Amelio

Se hai installato TikTok sul tuo smartphone, è impossibile che tu non conosca il suo nome. Charli D’Amelio appare continuamente nella pagina dei “Per te”, una serie di video selezionati  in base agli interessi dell’utilizzatore. Ma Charli D’Amelio sembra entrare nelle pagine di chiunque, avendo raggiunto un successo di fama mondiale in soli pochi mesi…

TikTok: molto più di un balletto.

È diventato un fenomeno virale ed è impossibile non averne mai sentito parlare: TikTok è il nuovo social che sta spopolando fra tutti, non soltanto tra i giovanissimi, come erroneamente si è inclini a pensare. Utilizzata in 150 paesi e tradotta in 75 lingue, attualmente vi risultano iscritti quasi più di un miliardo di utenti….

Dacci oggi il nostro like quotidiano.

Dagli headquarters di Menlo Park, la nuova intuizione: rimuovere il contatore dei like sulla piattaforma di Instagram. Riuscirà Mark Zuckerberg a liberarci dai nostri mali?