I luoghi proibiti della guerra

Kyritz-Ruppiner-Heide, nella Germania Nord orientale, per decenni è servita come base militare dell’esercito sovietico, usata come poligono di tiro per le esercitazioni del lancio delle bombe durante gli anni della guerra fredda. Un movimento di protesta della società civile durato 17 anni è riuscito a far sì che la brughiera non fosse più utilizzata per scopi militari dopo la riunificazione della Germania. La brughiera è ora un’area naturalistica parzialmente visitabile, ce ne parla Anna Franzutti
#annafranzutti #thepasswordunito #thepassword #unito #guerra #militare #natura #URSS #pace

AIESEC: crescere in giro per il mondo

Secondo AIESEC lo sviluppo del potenziale umano è la chiave per il raggiungimento della pace. Pertanto, attraverso esperienze di vario tipo, questa associazione si impegna da più di settant’anni ad affiancare i giovani nello sviluppo della leadership.
La nostra redattrice @em.agli ne ha parlato con Alessia Farci, vicepresidente e responsabile di marketing e relazioni esterne del comitato di Torino, e ce lo racconta nel suo nuovo articolo.

#aiesec #aiesectorino #aiesecitalia #giovani #internazionale #pace #skills #volontariato #tirocini #unito #thepasswordunito #Torino

25 anni di EMERGENCY

Il 15 maggio 1994 nasceva a Milano Emergency: associazione umanitaria fondata da Gino Strada per portare aiuto alle vittime civili delle guerre e della povertà. Nel corso di questi 25 anni – che si celebreranno dunque proprio nel mese corrente – l’Organizzazione è intervenuta in 18 Paesi, costruendo ospedali, centri chirurgici, centri di riabilitazione, centri pediatrici,…

Peace Therapy – dalla guerra si può guarire

Mass casualties. Così vengono chiamate le grandi emergenze, così ci si riferisce al gran numero di vittime e feriti provocate da un attacco di guerra, alla mobilitazione di tutto il personale medico nella zona colpita.  Emergency dal 1994 porta aiuto alle vittime civili della guerra e della povertà; tutt’ora opera in sette paesi, tra cui…

Anche Torino urla, in silenzio, “Je suis Charlie”.

Nelle ultime ore, in tutte le più importanti città del mondo, gruppi di manifestanti si sono riuniti per mostrare la loro solidarietà nei confronti delle vittime dell’attentato del 7 gennaio alla sede parigina della testata giornalistica satirica Charlie Hebdo. Anche Torino si è unita al lutto e oggi, dalle ore 18 in piazza Castello, è…