“Why so white?”: la nuova vignetta di @elle_fa_cose

Why so white? Perché così bianco? ⚪

Dal 30 agosto la Sicilia tornerà a tingersi di giallo, con le terapie intensive già sature dopo poco più di due mesi di zona bianca.
Allora cos’è andato storto?
La campagna vaccinale, che non ha portato i risultati sperati. I vaccinati sono, infatti, solo il 60% della popolazione. 💉

Con l’arrivo del vaccino pensavamo di poterci rilassare, eppure la nostra @elle_fa_cose ha dovuto ritrarre ancora una volta una nostra vecchia conoscenza.

Sarà solo un breve spin-off o l’inizio di una terza stagione? 🙈

#Sicilia #zonabianca #zonagialla #Covid19 #pandemia #vaccini #coronavirus #ThePassword #ThePasswordUnito

L’Università ai tempi del Covid, luci e ombre

Nell’ultimo anno le nostre #lezioni universitarie sono cambiate molto. Abbiamo conteso la connessione internet con fratelli e sorelle, sostenuto esami in pigiama e portato un po’ di #UniTo nell’Italia e nel mondo come “fuori sede ritornat* in sede”.

La #DAD ha modificato il nostro rapporto con l’Università?
L’ha migliorato o peggiorato?
Come sono cambiati i nostri spazi casalinghi, diventati luoghi di lezioni, esami e lauree?

Nel loro ultimo #reportage, Antonio Ruggiero e Sofia Cattaneo raccontano come il team di The Password si è relazionato in questi mesi con l’Università a distanza vissuta negli ambienti casalinghi.
Ecco qui le fotografie che hanno realizzato.

Anna: la recensione

Anna è la nuova serie tv di Sky, tratta dal romanzo omonimo del 2015 di Niccolò Ammaniti.
In Anna, una malattia mortale che resta dormiente fino alla pubertà ha sterminato la popolazione adulta lasciando soltanto i bambini e i ragazzi sotto i 14 anni a lottare per sopravvivere.

Nel suo nuovo articolo, Ginevra Gatti prova a spiegare perché, nonostante tratti di una pandemia mortale, Anna sia stata così apprezzata dal pubblico anche nel 2021. In particolare, ci mostra come l’estrema liricità della serie, il suo sguardo crudo e sincero sulla natura umana, ne facciano un gioiello assolutamente da non perdere!

#anna #annasky #annaskynow #annaseriesky #giuliadragotto #niccoloammaniti #sicilia #alessandropecorella #giovannimavilla #recensione #serietv

Il mestiere dell’odiatore

Coloro che sono familiari con i romanzi di Murakami Haruki, riconosceranno l’assonanza del titolo con il romanzo “Il mestiere dello scrittore”.

E in effetti – oggi più che mai – il mestiere dell’#odiatore e l’arte della scrittura sono strettamente collegati.

In questo articolo di @lightbluealice si osserva il fenomeno degli #haters, soprattutto quelli contemporanei, il cui #odio si riversa sui social network alla pari di veri e propri raid.

L’odio sui social è un fenomeno di gruppo: si forma nei gruppi segreti su Telegram o su Facebook, per poi convergere negli sh*tstorms.
E oggi, l’odiatore non prende più di mira solamente personaggi famosi, oppure le minoranze, bensì il “nemico pubblico” del mondo intero – che però per l’hater non esiste – la pandemia.

#iosonoqui #bollainformativa #coronavirus #debunker #thebunking #discorsid’odio #divulgazione #facebook #fakenews #hater #hatersgonnahate #informazione #negazionisti #notiziefalse #odiare #pandemia #shitstorm #telegram #vitimedìodio #thepassword #thepasswordunito #unito

Smart-working e influenze sociali: sarà davvero la pratica del futuro?

Durante il 2020 lo smart-working ha salvato molte aziende e garantito uno stipendio a molti lavoratori, ma può davvero diventare una pratica di lavoro del futuro? Siamo davvero pronti a questo cambiamento? Secondo alcune considerazioni la necessità di muoversi e incontrare persone, soprattutto a seguito della pandemia, sarebbe necessaria per il benessere psico-fisico di molti.

#attualità #covid19 #lavoro #pandemia #smartworking #2020 #marinalombardi

Contagion – il film premonizione di Steven Soderbergh

“Non parlare con nessuno. Non toccare nessuno.” Un virus, una pandemia globale, il distanziamento sociale e molte molte mascherine. No, non si tratta di un nuovo articolo riguardo al Covid-19. Vogliamo invece proporvi Contagion, un film del regista di origini svedesi Steven Soderbergh. Il film è stato presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di…

A proposito di vita

L’eccezionalità della situazione appena trascorsa è divenuta oggetto di studio e di analisi di molti pensatori, che come tutti si sono trovati chiusi in casa, costretti a ragionare sulle conseguenze politiche, sociali e morali di questa pandemia. Ci troviamo quindi a leggere una molteplicità di opinioni e punti di vista differenti, cosa che rende difficile…

March Sadness

Mark Emmett, il presidente della NCAA (la lega organizza lo sport americano a livello universitario), ha annunciato che – a causa del corona virus – tutte le competizioni maschili e femminili sono state cancellate. Se non avete familiarità con lo sport americano, questa potrebbe apparirvi come una notizia di poco conto. In un certo senso…