Le donne dimenticate

Dalle Rime, CLXXXVIII: Quasi vago e purpureo giacinto che ‘n verde prato, in piaggia aprica e lieta, crescendo ai raggi del più bel pianeta, che lo mantien degli onor suoi dipinto, subito torna languidetto e vinto, sì che mai non si vide tanta pièta […] Cavalcanti? Dante? Petrarca? No, la mano che scrisse questi versi…

Sylvia Plath, poesia e psicosi

Sylvia Plath è stata un’autrice statunitense, famosa non solo per i suoi incredibili scritti, ma anche per le controversie che hanno caratterizzato la sua vita privata. Nata a Boston nel 1932, la scrittrice mostra interesse per la poesia fin dalla tenera età, anche se inizialmente ha riscosso un successo solo marginale. La vita di Sylvia…

Dietro le quinte del balconcino dei MCCS, il più amato di Torino

Via dei Mercanti 3, per chiunque viva o visiti Torino, è un indirizzo che non si può ignorare. È infatti dal 2011 porto sicuro, o meglio palcoscenico, per qualsivoglia artista che abbia voglia di condividere la propria arte dal balcone di un monolocale nel cuore del Quadrilatero Romano. Negli ultimi sette anni si sono esibiti un migliaio…

Lana Del Rey e gli echi del passato

“Sono una scrittrice, prima di tutto. Ho cominciato a scrivere da quando ero molto piccola. Poi sono diventata cantante.” Queste sono le parole della malinconica e sensuale artista statunitense Elizabeth Woolridge Grant, in arte Lana Del Rey. Autrice dall’immagine controversa e incompresa, da icona pop a diva in stile New Hollywood, è considerata da molti…

Mirò e il sogno della liberazione dell’Io

All’inizio del ‘900 la certezza nella capacità dell’arte di restituire in maniera fedele la realtà comincia a svanire. Il soggetto dell’opera non può più essere il mondo esterno perché nella superficie della tela risulta quasi falsificato e frainteso. La nuova realtà che l’arte è chiamata a riflettere è quella dell’interiorità, dell’inconscio che risiede “altrove”, lontano…

Il MeP: l’alba della poesia libera

Abbiamo intervistato alcuni ragazzi del Movimento per l’Emancipazione della Poesia, che dal 2010 diffonde le proprie composizioni anonimamente, affiggendole sui muri delle principali città italiane -e non solo- allo scopo di restituire prestigio alla poesia.
Se siete curiosi di saperne di più a riguardo, questo articolo fa per voi!

Il Giardino delle Parole

Il debole rombo di un tuono, il cielo carico di nubi. Forse pioverà. E allora, resterai con me? dal Man’yoshu, Libro 11, verso 2,513   A chi ha sempre creduto che lo Studio Ghibli e Hayao Miyazaki fossero il top dell’animazione giapponese, voglio far conoscere Il Giardino delle Parole (titolo originale 言の葉の庭, Kotonoha no niwa)…