La (non) vita dei campi profughi e la scuola che salva i giovani

Il nuovo articolo di Anna Franzutti ci racconta di un progetto che incentiva l’istruzione e la creatività dei ragazzi che vivono nei campi profughi. Still I rise è un’organizzazione indipendente con l’obiettivo di favorire l’educazione in alcuni dei punti più critici del pianeta. Dall’hotspot di Samos, dove tutto è iniziato, alla Siria e la Turchia, ma il progetto si sta espandendo. Da Mazí, la prima scuola costruita da Still I rise, è nata una mostra che ha fatto il giro del mondo testimoniando la vita quotidiana dei ragazzi di un campo profughi, raccolta in un libro i cui guadagni contribuiscono a finanziare il progetto educativo.
@anna_franzu #annafranzutti @govoninicolo @letsnick @stillirisengo #thepassword #thepasswordunito #unito #campoprofughi #migranti #scuola #minori #diritti #umani #volontariato #organizzazioni #educazione #futuro

Unione europea e migranti: tra valori e l’accordo con la Turchia

Il 10 maggio al Campus Einaudi si è tenuto il seminario L’Unione europea di fronte alla emergenza profughi, tenuto dalla professoressa Mola, docente di “Diritto dell’Unione Europea” presso il Dipartimento di Giurisprudenza, e dalla professoressa Poli, docente di “La Convenzione Europea dei Diritti dell’uomo”. Oggetto del seminario è stato il comportamento che l’Unione Europea dovrebbe…