Animenta: raccontare per sensibilizzare. Intervista tra anime toniche

Aurora, Laura e Riccardo sono le anime fondatrici di Animenta, associazione nata con l’intento di parlare di Disturbi del Comportamento Alimentare. La nostra redattrice Alessia (@origin_ale) li ha conosciuti in un’intervista arricchente e tonificante, in concomitanza del compimento di un anno di attività.
Se siete curiosi di scoprire il mondo che si cela dietro i progetti che questi ragazzi propongono, andate a leggere l’articolo!

@animenta_dca

#Animenta #Movimentolilla #DCA #Anime #Raccontare #Sensibilizzare #Tonificazionedellospirito #Guarigione #Storie #Prevenzione #Informazione #Educazionealimentare #Scofniggerelepaure #Socialmedia #Sorriso #Significatievidenti #Scuole #Ragazzi #Interazione #Progetti #Pasta #CookingTherapy #Speranza #Condivisione #Intervista #ThePassword #Unito

Hikikomori, un fenomeno sociale. Intervista a Elena Carolei.

Il termine hikikomori viene dal giapponese e significa letteralmente “stare in disparte”. Esso deriva dalle parole hiku (“tirare”) e komoru (“fuggire”) e indica una persona che ha scelto di “scappare” fisicamente dalla vita sociale di persona, spesso isolandosi e confinandosi in casa o nella propria stanza. Questo tipo di scelta è dettato da fattori personali e sociali di varia natura. In Italia il fenomeno è diffuso, ma molto poco conosciuto. Per permettere a questa condizione di avere la visibilità che merita di avere, la nostra redattrice Malvina Montini (@malvim95) ha intervistato Elena Carolei, presidente di Hikikomori Italia Genitori.

#hikikomori #hikikomoriitalia #elenacarolei #marcocrepaldi #sensibilizzazione #isolamentosociale #problemisociali #psicologiasociale #psicologia #attualità #giovani #socialità #pandemia #didatticaadistanza #HikikomoriParliamone #malvinamontini #thepassword #thepasswordunito

Tag:
INSTAGRAM:
@hikikomoriitalia
@elenacarolei
@marcocrepaldi
@malvim95

FACEBOOK:
Hikikomori Italia
Elena Carolei
Marco Crepaldi
Hikikomori Italia – Genitori

Università e salute: che fine hanno fatto?

5/12 am Federica Seni

In questi ultimi due anni, che fine hanno fatto l’istruzione, gli studenti e le scuole in generale? Quando si accende la TV, si sente parlare di qualunque argomento o prodotto: dalle patatine fritte buonissime sull’isola più sperduta dell’Oceano Indiano all’ultimo modello di scarpa cosmica, che ti mostra lo spazio mentre passeggi. Ma che ne è stato della salute mentale degli studenti? La nostra redattrice Federica Seni ha raccolto con un sondaggio le opinioni degli studenti dell’Università di Torino sulla salute mentale e su quanto, secondo loro, l’Università e i media hanno contribuito a far fronte a questa situazione.

#thepasswordunito #università #salutementale #salute #psicologia #studenti #dad #unito #sondaggio #socialmedia #tv #televisione #lockdown #covid #covid19 #torino
IG: @mrs.docker
@dott.ssa_federica_mondelli
@salutementale.ita

Potere alle parole (giuste)

Mai come in quest’ultimo anno abbiamo capito l’importanza di scegliere le parole giuste, tanto da avere la necessità di crearne di nuove, in un vero e proprio “glossario della pandemia”.

Se da un lato c’è l’intuizione che esista una realtà a sé stante, la cui esistenza è indipendente dal modo in cui la descriviamo, dall’altra c’è la constatazione che i nomi che diamo alle cose non sono quasi mai semplici etichette, ma gesti sociali veri e propri, che guidano il modo in cui interpretiamo il mondo.

In che modo il linguaggio partecipa alla creazione della realtà, e perché – per dirla alla Nanni Moretti – “le parole sono importanti”?

Ce ne parla Rebecca Boazzo nel suo nuovo articolo.

#linguaggio #linguistica #poterealleparole #leparolesonoimportanti #veragheno #linguaggioinclusivo #inclusività #comunicazione #sociolinguistica #linguaitaliana #glossario

@a_wandering_sociolinguist

Nella mente di un procrastinatore

Se guardando questo post hai pensato: “Dai, questo articolo lo leggo domani”, allora è proprio l’articolo che fa per te. Quante volte ci siamo detti la famosa frase: “Comincio lunedì?”. Forse una di troppo.

Siamo tutti un po’ procrastinatori, ma sappiamo che cosa succede nella nostra mente quando rimandiamo qualcosa?

Scopriamolo leggendo questo articolo di Beatrice Segato, ispirata dal TedTalk di Tim Urban, blogger e procrastinatore seriale.

#procrastinare #procrastinazione #timurban #tedtalk #psicologia #ThePassword #ThePasswordUnito

Schizofrenia e dissociazione dalla realtà

Schizofrenia, termine di origine greca il cui significato rimanda a “divisione del cervello”. In che cosa consiste? Giulia Bertolino, in questo nuovo articolo, delinea le caratteristiche di tale malattia. La schizofrenia è un disturbo psichiatrico, più specificatamente una psicosi cronica, caratterizzata da disfunzioni a livello cognitivo, comportamentale e affettivo. La caratteristica delle malattie psicotiche è il distacco dalla realtà esterna e l’incapacità di esaminarla ed entrarci in contatto: tale disturbo comporta deliri, allucinazioni, illusioni etc.
Ma, quali sono le cause? Quali sintomi comporta? Vi sono più tipologie di schizofrenia?
Leggiamo insieme!

#psicologia #schizofrenia #dissociazione #disturbopsichiatrico #disturbipsicologici #psicosi #allucinazioni #deliri #paranoie #disturbomentale

Lockdown e ripercussioni: vi è un aumento dei suicidi?

Lockdown. Isolamento. Paura dei contagi. Queste risultano essere le parole chiave del biennio 2020/2021, anni che rimarranno sicuramente nei libri di storia. Giulia Bertolino, in questo nuovo articolo, si propone di mettere in luce, tra le conseguenze del lockdown, un fenomeno che sta oramai spaventando la comunità degli psicologi, ovvero un aumento preoccupante dei tassi di autolesionismo e tentativi suicidi tra i giovani italiani. Questo aumento ha portato a registrare 300 adolescenti ricoverati in pronto soccorso nel giro di un anno.
Cosa spinge gli adolescenti a mettere in atto tali comportamenti? E in che misura la seconda ondata del lockdown ha a che fare con questo spaventoso aumento?

Disturbo dissociativo d’identità

Vi siete mai realmente chiesti che cosa significhi e che cosa comporti vivere con più identità? Giulia Bertolino, in questo nuovo articolo, indaga e spiega il Disturbo Dissociativo d’Identità, le sue cause e i suoi sintomi.
L’unica condizione per cui si sviluppa una dissociazione è la presenza di traumi infantili a cui l’individuo non riesce a far fronte. Il DID viene spesso confuso con il bipolarismo; la differenza è che il primo contempla la presenza di una o più identità conviventi, mentre il secondo designa semplicemente un’oscillazione fra stati d’animo, spesso contrastanti.
Questo fenomeno è così complesso e variabile che alcune “sub-identità” possono avere ideali completamente opposti a quelli della “identità originaria” e addirittura parlare una lingua diversa. Non tutte le persone che lo sperimentano, tuttavia, vivono questa “possessione”: alcuni provano solo una forte depersonalizzazione.

Sociopatia e psicopatia: parliamo dello stesso disturbo?

Psicopatia e sociopatia. Che cosa sappiamo realmente di questi due disturbi? Spesso vengono confusi, usati come sinonimi o erroneamente attribuiti a qualsivoglia comportamento o atteggiamento che non riscontriamo come “normale”.
In questo articolo, Giulia Bertolino illustra brevemente le peculiarità dei due disturbi, identificandone punti in comune e differenze… E tu? Cosa aspetti a saperne di più?

#psicologia #psicopatia #disturbipsicologici #sociopatia #malattiementali #differenze

Effetto spettatore: la diffusione di responsabilità

New York, 1964. Kitty Genovese, giovane ragazza, viene brutalmente assassinata di fronte a diversi testimoni, i quali, non intervennero per aiutarla o intervennero tardivamente.
Giulia Bertolino, in questo nuovo articolo, indaga e analizza il fenomeno sottostante a questo avvenimento: la diffusione di responsabilità. In cosa consiste?
Si tratta di un fenomeno sociopsicologico caratterizzato dalla probabilità che un soggetto si assuma meno responsabilità per un azione se presenti altri soggetti. La peculiarità di questo fenomeno è che è riscontrabile quotidianamente nella vita di ognuno di noi. Andiamo insieme un po’ più nel dettaglio!