Olimpiadi 1980 – 1984: lo sport durante la Guerra Fredda

Le competizioni sportive internazionali, si sa, hanno sempre un risvolto geopolitico, e questo era anche più evidente in passato, quando il mondo era nettamente diviso in due blocchi, quello occidentale e quello sovietico.

Per la nostra rubrica estiva dedicata alle Olimpiadi, Marta Fornacini ci parlerà delle edizioni del 1980 e del 1984 tenutesi rispettivamente a Mosca e a Los Angeles e caratterizzate da un a dir poco invasivo intervento della politica nel mondo dello sport.

#Olimpiadi #nonsolosport #geopolitica #relazioniinternazionali #storia #politica #guerrafredda #Mosca #UnioneSovietica #LosAngeles #StatiUniti #USAURSS #sport #Tokyo2020 #boicottaggio #thepasswordunito #unito

Alta tensione tra Russia ed Ucraina

La tensione sul confine tra Russia ed Ucraina ha raggiunto livelli pericolosi. Dopo l’arresto del console ucraino da parte degli uomini di Putin, non sono più in pochi a rivolgere le attenzioni verso un nuovo probabile conflitto. La Russia ha stanziato diverse decina di migliaia di soldati lungo il confine territoriale, ma le informazioni ufficiali a riguardo scarseggiano. Quali sono le intenzioni del Cremlino? Quali potranno essere le risposte delle altre potenze internazionali? Scopriamolo insieme nel nuovo articolo di @antonioruggie.ro

#ucraina #russia #putin #biden #usa #donbass #unito #thepasswordunito #linkinbio #ilcorriere #l’internazionale #huffingtonpost #larepubblica #lastampa

#stopasianhate: un problema a lungo sottovalutato

Gli Stati Uniti si ritrovano a fare i conti con uno storico problema, sottovalutato da decenni: il razzismo nei confronti delle minoranze asiatiche. L’attentato alle Spa di Atlanta del 16 marzo, costato la vita a otto vittime, ha confermato che non si parla più di casi isolati ma di qualcosa di più radicato e sistemico, come tristemente denunciato dal movimento #stopasianhate. Le aggressioni proseguono senza che la polizia americana sembri seriamente intenzionata a fare qualcosa per arginare questa situazione, risultando a volte anche complice.

#stopasianhate #razzismo #odiorazziale #statiuniti #usa #atlanta #aggressioni

“Una storia americana”

Ripercorrere la carriera dei nuovi Presidente e Vicepresidente degli Stati Uniti per capire con quali armi affronteranno le emergenze del presente: questo è lo scopo di “Una storia americana. Joe Biden, Kamala Harris e una nazione da ricostruire”, il libro di Francesco Costa di cui ci parla @martafornacini nel suo nuovo articolo.
Un capitolo dopo l’altro, le vite dei protagonisti si intrecciano sempre di più agli eventi fondamentali della storia degli Stati Uniti, offrendoci così uno spaccato della vita politica americana dagli anni ’70 ad oggi.

#USA #UnaStoriaAmericana #Costa #JoeBiden #KamalaHarris #politica #internazionale #martafornacini #thepassword #thepasswordunito #unito #linkinbio @francescocosta21

Le conseguenze sociali del Covid: #StopAsianHate

Le aggressioni razziste nei confronti di cittadini di origine asiatica sembrano aumentare, soprattutto dopo il Covid-19.
Daniela Carrabs ci parla del movimento #StopAsianHate, nato negli USA in risposta a queste discriminazioni.
L’associazione si prefigge di portare all’attenzione pubblica questi episodi e combattere gli stereotipi alla base di queste violenze.

@stopaapihate @a3pcon

Il mondo sulla strada di Jack Kerouac

Sono gli anni ’50 e negli Stati Uniti si respira una nuova aria, la musica rock, il baby boom, l’euforia. Ha origine in questi anni l’incredibile movimento della Beat Generation colmo di personaggi stravaganti, pazzi e imprevedibili. Jack Kerouac parte per un viaggio senza una destinazione, alla ricerca dell’essenza della vita stessa. Riempie interi taccuini di storie e in mezzo a questa energia pulsante nasce On the road, il suo capolavoro, un urlo di libertà e di autodeterminazione. Marina Lombardi nel suo nuovo articolo ci racconta “la strada” di Kerouac e della mitica Beat Generation, percorsa sempre e soltanto in avanti.

#kerouac #ontheroad #lastrada #beatgeneration #viaggio #controcultura #USA #marinalombardi #thepasswordunito #thepassword #unito

La malnutrizione nel primo mondo: i deserti alimentari

Nell’articolo di Daniela Carrabs, secondo il dipartimento dell’agricoltura statunitense, quasi 24 milioni di cittadini non hanno libero accesso a frutta, verdura e prodotti freschi. Queste persone vivono nei food desert, aree desolate in cui il junk food e la povertà prevalgono e il primo supermercato può trovarsi anche a decine di chilometri di distanza. Come è possibile che questo accada in uno dei paesi più ricchi del mondo?

#malnutrizione #desertialimentari #obesità #fooddesert #junkfood #discriminazionerazziale

Che fine ha fatto Ronald McDonald?

A partire dall’apertura del primo ristorante nel 1940, McDonald’s è passato attraverso diversi cambi d’identità, probabilmente per fronteggiare le critiche sollevatesi attorno al marchio. Fra questi cambiamenti c’è il ri-orientamento da parte di McDonald’s verso un pubblico più maturo, alla moda e all’avanguardia. Questa nuova veste, però, non può più permettersi la presenza di un grosso clown con la parrucca rossa come testimonial dell’azienda. Che fine ha fatto, quindi, Ronald McDonald?

Chi è Kamala Harris?

Chi è Kamala Harris?
La donna che è stata eletta come vice presidente degli Stati Uniti d’America ha una storia eccezionale.

Nata a Oakland nel 1964 e figlia di immigrati. Frequenta le scuole tra la California e il Canada, prima di laurearsi in scienze politiche e in economia. Diventa avvocato in California dove comincia anche la sua carriera politica.

Vince un’elezione dopo l’altra, prima come procuratrice distrettuale, poi generale, fino alla carica di senatrice nel 2016.

Si è candidata anche alle primarie del Partito Democratico quest’anno, ma gli elettori non l’hanno ripagata. Poco male, il candidato scelto, Joe Biden, l’ha scelta come candidata alla vicepresidenza.

Volete saperne di più? Trovate il link nella nostra bio!

Articolo di @eraserdave

La Pace di Abramo

Lo scorso 15 settembre, ospiti di Trump alla Casa Bianca, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e i ministri degli esteri degli Emirati Arabi Uniti e del Bahrain, hanno firmato un documento già definito “trattato storico” per quanto riguarda gli equilibri geopolitici del Medio Oriente. I nuovi “accordi di Abramo” hanno la funzione di normalizzare…