THE JAB: la band canavese ad aprire il Liga Rock Park

Il Liga Rock Park Contest è stata una selezione di giovani esordienti, dai 18 ai 30 anni, band o solisti, che avrebbero aperto il concerto di Ligabue a Monza (24 e 25 settembre). Sono stati 184 i video caricati, prima sottoposti al voto del pubblico online e poi passati al vaglio della giuria. I vincitori sono stati quattro (tre band, un solista) e, tra loro, i The Jab, esibitisi sul palco di Monza di fronte a 80mila persone domenica 25 settembre.

Jab significa “colpo”, quelli che dava il nonno pugile di Alessandro – il cantante – da cui il gruppo prende il nome. Il gruppo è giovanissimo (i componenti hanno 18-19 anni) e ha già ottenuto parecchi riscontri. I The Jab si sono esibiti al Tavarock 2016, hanno vinto i contest “Tweed and Shout”, “Rock cover parade “(con esibizione in Francia), “Diventa la stella del carnevale” (con esibizione in apertura ai Fratelli di Soledad). Ma è indubbiamente con il Liga Rock Park Contest che arriva il riconoscimento più grande per il gruppo canavese (tutti i componenti sono infatti della zona di Ivrea).

– Chi siete? Come vi siete formati?

11800573_725104927594132_2771681121295489779_nSiamo Alæ (chitarra, voce), Rio (tastiere, cori), Dave (batteria, percussioni), Ice (basso, cori), Kevin (chitarra solista). La nostra prima formazione risale alla fine del 2013, anche se quella attuale suona insieme da circa un anno. Il progetto nasce quasi interamente in ambito scolastico, fatta eccezione per Rio, l’ultimo arrivato, conosciuto durante una sessione di registrazione del nostro primo EP (presso lo spazio arte giovani di Ivrea).

– Quale genere sentite più vostro?

La questione genere musicale è da sempre un’incognita per la Band. Le nostre influenze sono molteplici, nonché completamente opposte. Il tutto, attualmente, genera un mix tra Pop, Rock, Elettronica e Prog Metal.

– Noi pubblico vediamo il prodotto finito, ma come si lavora davvero in una band?

Il pubblico ascolta il prodotto finito, il quale nella maggior parte delle volta nasce dal caso. In sala prove lo spunto è spesso individuale; l’arrangiamento invece coinvolge tutti i membri della Band, e in fase di produzione anche Erik Calvo e Gabriele Gigli (producers). I testi sono interamente scritti da Alæ. Il divertimento principale consiste nell’avere un obiettivo comune, nel suonare fino ad odiarsi, per poi salire sul palco e suonare musica che entusiasmi il pubblico. Le difficoltà? Non sono poche, ma la principale sta nel conciliare tutti i nostri gusti musicali in un unico pezzo, e i litigi in merito sono all’ordine del giorno.

– Raccontateci di Monza.

Vorremmo partire da un numero: 80.000, 80.000 spettatori. Si potrebbero raccontare mille aneddoti, ma forse ne basta uno: una volta sul palco, dopo aver messo da parte l’adrenalina, ci siamo guardati l’un l’altro in segno di intesa. Una sola sensazione ci accomunava. Il nostro posto nel mondo era quello, su quel palco ci sentivamo a casa.

– Quali sono i vostri progetti per l’immediato futuro?

Attualmente stiamo registrando il nuovo singolo, dal titolo Polvere. A breve inizieranno le riprese del videoclip, ed entro la fine di novembre la canzone sarà disponibile sui nostri profili social e su YouTube. Il 14 ottobre suoneremo al Maker Faire di Roma, concerto promosso dalla SIAE.

 

Qui Regina, il brano con cui i The Jab hanno vinto il contest.

Silvia Gemme

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...