Pamart: la fluid painting di Pamela Naranzoni

Pamart: la fluid painting di Pamela Naranzoni
Nel periodo del lockdown alcune persone hanno deciso di reinventarsi, scoprendo nuove passioni e passioni.

La nostra redattrice @federicamoon ha intervistato Pamela Naranzoni, in arte Pamart, che ha fatto della Fluid Painting una professione, portandola ad aprire anche un negozio.

Si tratta di una tecnica che può essere utilizzata in modi diversi, utilizzando il phon come pennello per la Dutch pour oppure il bicchiere e il movimento della tela per la flip cup.

Conoscevate questa tecnica particolare?

#arte #pamart #pamartacrilici #dutchpour #fluidcup #fluidpainting #intervista #artista #artecontemporanea #fluidart #artnow

Per la prima volta in mostra “Le Signore dell’Arte”

Dal 2 marzo al 25 luglio 2021, Palazzo Reale a Milano ospita la mostra “Le Signore dell’Arte. Storie di donne tra ‘500 e ‘600”. In mostra le opere di 34 artiste del tardo Rinascimento e del Barocco, tra cui Artemisia Gentileschi, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, alcuni dipinti delle quali vengono qui esposti per la prima volta.  
Tra i prestiti richiesti, ne spicca uno in particolare: un’opera proveniente da una collezione privata libanese, che porta su di sé i segni dell’esplosione avvenuta lo scorso 4 agosto 2020 a Beirut.
Nonostante la chiusura temporanea dei musei, la mostra si può visitare online, scopri di più leggendo il nuovo articolo di Elena D’Elia!

@palazzorealemilano @ArthemisiaArte @Fondazionebracco
#lesignoredellarte #ITalentiDelleDonne #arthemisia #artemisiagentileschi

Il mondo animale di Ohara Koson

Nel suo ultimo articolo, la nostra redattrice Federica Seni @federicamoon ci parla di Ohara Koson, l’ultimo pittore naturalista giapponese. Autore di nicchia rispetto ai più conosciuti Hiroshige e Hokusai, la sua arte racchiude un gusto raffinato e un fascino da scoprire.

La produzione di questo artista è variegata: dalle stampe alle pitture, lascia emergere la sua passione e amore per la natura.

Lo conoscevate?

Il mondo dell’Arte ricorda Pinin Brambilla Barcilon

Lo scorso 12 dicembre si è spenta a Milano Pinin Brambilla Barcilon, una delle restauratrici più influenti del XX secolo, nota soprattutto per il restauro del Cenacolo di Leonardo da Vinci.

Nel curriculum della restauratrice, che vantava oltre 70 anni di carriera, vi sono interventi su alcune delle più importanti opere d’arte italiane.

Nel 2015 Pinin Brambilla è stata co-fondatrice del Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”, che collabora con L’Università degli Studi di Torino in quanto istituto di eccellenza per la formazione universitaria dei restauratori e per la ricerca scientifica nel settore dei beni culturali, e lo ha diretto fino al 2012.
Attualmente presso il Centro di Venaria è conservato il Fondo Pinin Brambilla, un archivio composto da tutta la documentazione prodotta dalla restauratrice nel corso della sua carriera.

Nel 2019 è stata insignita dall’Università di Torino della laurea Honoris Causa in Conservazione e Restauro dei Beni culturali «per aver conservato alle presenti e tramandato alle future generazioni il nostro patrimonio artistico e per aver insegnato che il restauro serve a vedere e rivedere con occhi sempre nuovi le opere d’arte».

Christo: “La bellezza, la scienza e l’arte trionferanno sempre”

Ci ha lasciato il grande artista Christo, uno degli esponenti più importanti della Land Art che dagli anni Sessanta aveva sfidato le regole del mondo dell’arte con installazioni artistiche su larga scala, rimanendo un artista amatissimo fino ai giorni nostri, soprattutto in Italia. Il 31 maggio scorso il panorama artistico internazionale ha dovuto salutare un…

Nutriamoci di arte: nella galleria di Corrado Zani

L’arte contemporanea è bistrattata. Abbiamo esaminato nell’intervista con Tecla i sentimenti stranianti che si provano di fronte a questo tipo di opere e l’importanza della comunicazione insita in ogni creazione. (Se non lo hai letto, clicca qui per l’articolo) Oggi abbiamo il privilegio di poterci non solo interrogare sul significato dei manufatti creativi, ma possiamo…

Dammi mille baci, poi cento, poi mille altri. I baci nell’arte

Oggi è la giornata mondiale del bacio, istituita nel 1990 in Gran Bretagna, poi diffusasi in gran parte del mondo, fino a divenire – attraverso l’hashtag #worldkissday – una tendenza da seguire. Il bacio: un gesto d’amore, di affetto e intimità così semplice, ma capace di apportare diversi effetti positivi al nostro corpo. Sembra, infatti,…

Torino: la ripartenza dei musei post Covid-19

Tutte le mostre e gli appuntamenti da non perdere a Torino in questa estate italiana all’insegna della (ri)scoperta del nostro Paese. Lo scenario artistico-culturale italiano al termine della fase 1 della pandemia da Covid-19 si presentava caotico e disomogeneo, ma sicuramente accomunato dalla grande voglia, nonché necessità, di ripartire al più presto. In seguito al…