7 motivi per viaggiare in ostello

Da quando ho compiuto la maggiore età ho cominciato a viaggiare attraverso l’Europa nei posti più disparati, ma per quanto siano state esperienze sempre diverse ed ognuna emozionante a modo proprio, ci sono due costanti che hanno caratterizzato i miei viaggi: ho sempre (o quasi) scelto di soggiornare in ostello e, nonostante vi abbia conosciuto ragazzi di ogni nazionalità, mai mi è capitato di trovarvi anche solo un ragazzo italiano in viaggio. Da qui è sorta la domanda: perché i giovani italiani non viaggiano in ostello?

hostel1
L’autrice di spalle una sera in un ostello di Lisbona.

Parlando con amici e conoscenti mi sono resa conto che il bagaglio culturale dell’italiano medio è pieno di pregiudizi e luoghi comuni riguardo agli ostelli, per questo motivo è più propenso a viaggiare in hotel o in appartamento: quando racconto dei miei viaggi capita che mi senta domandare “In ostello? Ma non era sporco? E la valigia, come facevi con la valigia? Sicura che non ti abbiano rubato nulla?”. Ma non indugiamo oltre: ecco i 7 motivi per cui tutti i giovani italiani dovrebbero viaggiare in ostello.

  1. Conoscere giovani da tutto il mondo
    Immaginatevi seduti da soli nella sala comune del vostro ostello mentre mangiate la vostra cena e scorrete Facebook dal vostro smartphone; quando ecco che una ragazza bionda dall’accento americano si avvicina al vostro tavolo, vi chiede se può sedersi accanto a voi e quella che si prospettava una tranquilla serata in solitaria diventa un’ottima occasione per fare amicizia. Che viaggiate da soli o in gruppo, sicuramente in camerata o in uno degli spazi comuni dell’ostello avrete l’occasione di conoscere giovani di ogni nazionalità e, perché no, potrete decidere di trascorrere la serata in loro compagnia.
  2. Risparmiare
    Viaggiare costa e noi giovani, si sa, siamo sempre senza soldi, ma viaggiare in ostello è il modo migliore per chi ha un budget esiguo: un posto letto in camerata costa in media dai 10 ai 20 euro a notte, inoltre avere la possibilità di fare la spesa e cucinare la propria cena, invece che mangiare fuori tutti i giorni, comporta un risparmio considerevole. Ciò non significa non assaggiare la cucina locale: per mangiare il piatto tipico uno strappo alla regola va fatto, ma altrettanto divertente può essere comprare i prodotti del luogo al supermercato e cucinarli da sé.
  3. Falsi pregiudizi
    Ovviamente è capitato anche a me una volta di ritrovarmi in un ostello sporco e con il personale poco competente, ma quella non è affatto la regola. Generalmente l’ostello medio è pulito, dotato di armadietti con lucchetto in cui riporre il bagaglio e gli effetti personali, di una presa -con tanto di luce per la lettura- accanto ad ogni letto, di bagni e docce calde, di cucina con fornello e frigorifero, di chiavi elettroniche, wifi e di una sala comune ben arredata in cui mangiare, leggere o lavorare al portatile. Il sito più consultato per prenotare e assicurarsi di scegliere al meglio è Hostelworld.com, assolutamente affidabile.
  4. Il Free Tour
    Quasi tutti gli ostelli come si deve danno la possibilità a coloro che vi soggiornano di partecipare ad un free tour, che consiste in un giro a piedi per la città durante il quale una guida turistica vi illustrerà storia, cultura e curiosità del posto. Si è liberi di abbandonare il gruppo in qualsiasi momento e alla fine del tour, se è stato gradito, vi è la possibilità di lasciare un’offerta.
  5. Il Pub Crawl
    Se non bastassero le chiacchierate in sala comune a farvi uscire dal vostro guscio di timidezza o se foste particolarmente amanti della vita notturna ma poco conoscitori della zona, ecco che ci pensa il pub crawl, cioè il giro per locali e club che molti ostelli organizzano per coloro che ci soggiornano: impossibile non fare amicizia.
  6. Conoscere gente (di nuovo)
    Lo ribadisco, conoscere persone da ogni parte del mondo è la parte più bella di ogni viaggio: se viaggiate in gruppo, ampliarlo non può che rendere l’esperienza più divertente, e se viaggiate da soli tornare la sera in ostello e chiacchierare un po’ è quel che ci vuole dopo una giornata trascorsa solamente con se stessi. Inoltre quale metodo migliore per tenere in allenamento l’inglese se non parlarlo.
  7. È fatto a misura di giovane
    Per questo viaggiare in ostello è una “figata” e arricchisce ogni viaggio in maniera unica e inaspettata.

Irene Rubino

2 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...