L’Eros spiegato da Eva Cantarella: tra emancipazione, misoginia e omosessualità

In questo suo ultimo articolo, Federica Seni Ferreri spiega quanto il tema dell’Eros nelle sue diverse forme sia stato tabù per molto tempo.
Eva Cantarella, docente universitaria di Dritto Romano e Greco, è stata la prima studiosa a parlare nei suoi saggi dell’amore e della sessualità nel mondo antico.
Cosa stupisce delle sue letture? Il fatto che dopo millenni, pochi sono i passi avanti che sono stati fatti dalla società contemporanea. I diritti riguardanti le donne e la sfera omosessuale costituiscono recenti conquiste, che sono frutto di sacrifici e sforzi da chi è vissuto prima di noi. Conoscere la situazione della donna nell’antichità e paragonarla a quella dei giorni nostri ha effetti preoccupanti: pochi sono i passi avanti e, fino a qualche anno fa, la situazione della donna e degli omosessuali dal punto di vista giuridico doveva, e tuttora deve, far fronte a una grave mancanza di tutela e a condizioni svantaggiose.

#evacantarella #greciaantica #eros #amore #dirittidelledonne #omosessualità #storia

Il concetto di 仁 (rén)

Mentre il concetto di individuo, in Occidente, viene da sempre considerato come un’entità a sé stante, in Cina invece il soggetto si percepisce a partire dalla relazione che ha con gli altri. In altre parole, non è possibile immaginare il singolo isolandolo dal contesto in cui vive. Da qui le varie differenze culturali tra il mondo cinese e quello occidentale. Il termine 仁 (ren), indicante l'”umanità” o la “benevolenza” ci viene presentato da Malvina Montini, sinologa in erba, nel suo ultimo articolo.

#cina #culturacinese #ren #仁 #confucio #pietàfiliale #individuo #individualismo #collettivismo #chineseculture #benevolenza #umanità #malvinamontini #relazioni #reciprocità #cultura #中国文化 #孔子

Da taggare:
@malvim95
@radiocinaitalia
@loscaffalecinese
@cinainitalia
@anvedicina
@cinarte
@leggerelacina
@incinaalmondo
@associna
@hubitaliacina
@fior_di_cina
@parliamodicina
@impariamo_il_cinese
@unamicocinese
@confuciounito
@leggerelacina
@china_files
@chinesepills
@doyoureallyknoechina
@nonsolobacchette

Dalla Tebaide alla Commedia: un seminario su Stazio – parte 2

Dal 12 febbaio al 5 marzo, per quattro settimane, si sono tenuti via Webex gli incontri organizzati dall’Università degli Studi di Torino per il seminario “Dalla Tebaide alla Commedia (e oltre). Nuovi studi su Stazio e la sua ricezione”.
Monica Schianchi ha partecipato agli incontri di seminario e ce ne parla nel suo articolo.
In questa seconda parte vengono descritti gli ultimi due incontri, nei quali è stato analizzato quanto quanto Stazio, attraverso la descrizione di un mito classico, racconti aspetti fondamentali della sua contemporaneità romana e quanto sia stato ripreso e riletto in chiave allegorica nella più grande opera della Letteratura italiana: la Commedia.

#Stazio #seminario #Tebaide #Achilleide #Silvae #Giovenale #Dante #Commedia #Convivio #Petrarca #unito #università #thepassword #thepasswordunito

Il Giardino degli angeli, l’ennesima libertà negata

Un’ennesima violenza si consuma nei confronti della libertà di scelta delle donne. La scoperta di Francesca, che ha recentemente superato un aborto, ha rivelato una consuetudine tutta particolare gestita da alcune associazioni cristiane in accordo con gli ospedali di molti comuni italiani. L’usanza sarebbe quella di effettuare una sepoltura, con tanto di lapide che reciti un numero indicativo del feto ed il nome della madre, senza che i genitori ne vengano messi minimamente al corrente. Ce ne parla @antonioruggie.ro nel suo nuovo articolo.

#aborto #donna #legge194 #chiesa #thepasswordunito #unito #linkinbio

Dalla Tebaide alla Commedia: un seminario su Stazio – parte 1

Dal 12 febbaio al 5 marzo, per quattro settimane, si sono tenuti via Webex gli incontri organizzati dall’Università di Torino per il seminario “Dalla Tebaide alla Commedia (e oltre). Nuovi studi su Stazio e la sua ricezione”.
Monica Schianchi ha partecipato agli incontri di seminario e ce ne parla in questo articolo: la figura di Stazio è una testimonianza fondamentale della poesia di età flavia. Stazio (45 – 96 d.C. ca), autore di due poemi epici, Tebaide e Achilleide, e di un carme bucolico, Silvae, viene analizzato nel modo in cui riprende e viene ripreso da altri autori suoi contemporanei e successivi. In questa prima parte vengono descritti i primi due incontri, nei quali sono intervenuti professori da tutto il mondo.

#unito #stazio #tebaide #carolenewland #stefanorebeggiani #stefanobriguglio #francescaeconimo #laviniagallimillic #virgilio #lucano #classicilatini

Il genio di Alberto Giacometti

La nostra redattrice Federica Seni Ferreri @federicamoon ci parla di Alberto Giacometti, artista di spicco e di fama mondiale del Novecento.
La sua raffinatezza e la sua sensibilità hanno contraddistinto il suo stile, annoverandolo tra gli artisti più rappresentativi del XX secolo.
Lo conoscevate?

#artecontemporanea #artemoderna #artista #albertogiacometti #giacometti #muesociasagranda #surrealismo #fondationgiacometti #federicaseniferreri

La storia del sale: dal Neolitico ai nostri giorni

Sin dall’antichità, il sale è un elemento particolarmente importati a fini non soltanto alimentari, ma anche economici e religiosi. In questo nuovo articolo di @Simona Ferrero, ne ripercorriamo la storia: dal Neolitico, ai Babilonesi, che dedicavano il sale al dio Marduk, agli Egizi, che lo usavano per la mummificazione, ai romani, che lo utilizzarono come forma di pagamento per i soldati (da lì il termine salario). Vista l’importanza ricoperta nel corso del tempo da questa straordinaria sostanza, non ci sorprende che fino al 1975 il sale sia stato monopolio di Stato, in Italia.

#sale #storia #neolitico #Grecia #Roma #salario #Egitto #monopolio #thepassword #thepasswordunito

Concorso Rabah Aissat: un esempio di autogestione per borghi più belli e puliti

Nel 2006, Rabah Aissat, presidente della provincia di Tizi-Ouzou, nella regione algerina della Cabilia, ha indotto il concorso per il borgo più bello e pulito della regione.
Nel suo nuovo articolo, Ginevra Gatti ci parla dei paesi sempre più numerosi che nel corso degli anni hanno partecipato al concorso. Così facendo, la regione è stata travolta da un’ondata di autogestione che ha notevolmente migliorato le condizioni di vita degli abitanti, nonché attirato centinaia di turisti.
Se vi serve una meta originale da mettere in lista per quando si potrà viaggiare di nuovo, venite a scoprire i villaggi più belli e puliti della Cabilia!

@TiziOuzoupropre #concorsorabahaissat #rabahaissat #tiziouzo #cabilia #zougva #sahel

Giornalisti uccisi per mano mafiosa: la storia di Mauro De Mauro

Nel 2017 lo Stato Italiano ha riconosciuto il 21 marzo come “Giornata Nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, voluta da Don Ciotti a partire dal 1996.

Tra l’infinita lista delle vittime innocenti di mafia figurano undici giornalisti italiani uccisi perché facevano il loro lavoro e sulla cui morte aleggia una nube di mistero.

Tra questi ricordiamo Mauro De Mauro, rapito nel 1970 da Cosa Nostra perché vicino a verità fondamentali che non avrebbero dovuto mai vedere la luce.

#fabianabrio #misteriitaliani #vittimedimafia #giornalisti #maurodemauro #giuseppefava #peppinoimpastato #giornatadellamemoria #libera #donciotti

Disturbo dissociativo d’identità

Vi siete mai realmente chiesti che cosa significhi e che cosa comporti vivere con più identità? Giulia Bertolino, in questo nuovo articolo, indaga e spiega il Disturbo Dissociativo d’Identità, le sue cause e i suoi sintomi.
L’unica condizione per cui si sviluppa una dissociazione è la presenza di traumi infantili a cui l’individuo non riesce a far fronte. Il DID viene spesso confuso con il bipolarismo; la differenza è che il primo contempla la presenza di una o più identità conviventi, mentre il secondo designa semplicemente un’oscillazione fra stati d’animo, spesso contrastanti.
Questo fenomeno è così complesso e variabile che alcune “sub-identità” possono avere ideali completamente opposti a quelli della “identità originaria” e addirittura parlare una lingua diversa. Non tutte le persone che lo sperimentano, tuttavia, vivono questa “possessione”: alcuni provano solo una forte depersonalizzazione.