Crisi di genere

Negli ultimi tempi si sente parlare sempre più spesso di crisi di genere e di segregazione occupazionale, in particolar modo in concomitanza con periodi di crisi economiche, politiche o sociali.

Nel suo nuovo articolo, Fabiana Brio vi parla di Mancession e Shecession, rispettivamente periodo di crisi che grava maggiormente sui lavori definiti maschili e quello che grava maggiormente su lavori definiti femminili.
L’utilizzo di tali categorie rimanda ad una problematica più ampia tipica del nostro Paese, ovvero la segregazione occupazionale, una distribuzione non uniforme delle professioni tra individui o gruppi di individui differenti.

Le parole pronunciate dal nuovo premier Draghi rappresentano un primo segnale positivo e riaprono la questione: uomini e donne avranno finalmente lo stesso valore?

#fabianabrio #crisidigenere #shecession #mancession #crisi #covid19 #segregazioneoccupazionale #disuguaglianze #premierdraghi #unito #thepasswordunito #thepassword

Lo sci e la politica: il caso Samira Zargari

L’allenatrice della nazionale iraniana femminile di sci alpino non è stata presente ai mondiali di Cortina 2021. Perché? Il marito ha opposto il veto coniugale che impedisce alle donne di espatriare senza l’autorizzazione del marito.
Nel suo nuovo articolo, Ginevra Gatti prende spunto da questo episodio per riflettere sul rapporto tra sport e politica e sul ruolo che l’uno svolge nell’altra e viceversa.

She is a scientist: il progetto per eliminare gli stereotipi di genere nella scienza

L’11 febbraio è la giornata mondiale delle donne nella scienza. Per questa ricorrenza, Marta Fornacini ha intervistato Nicole Ticchi, fondatrice di She is a scientist.

She is a scientist è un progetto online che si occupa di narrare il ruolo della donna nella scienza, con l’obiettivo di eliminare gli stereotipi di genere dalla comunicazione e arrivare ad una parità di trattamento tra uomini e donne.

Per tutto il mese di febbraio verranno raccontate le storie personali e professionali di molte donne, con lo scopo di normalizzare la figura della scienziata. Non mancheranno anche gli eventi in diretta, che potrete seguire sui loro social!

#sheisascientist #scienza #ricerca #donne #scienziata #gendergap #genere #ThePassword #ThePasswordUnito #Unito #MartaFornacini

Ripercussioni del Covid sulle donne: Una stanza tutta per sé

Nel suo nuovo articolo, Ginevra Gatti riflette su come leggere Una stanza tutta per sé, in questo periodo, possa portare a una riflessione sull’impatto della pandemia sull’emancipazione femminile.

Questa emergenza globale ha portato molti adolescenti a partecipare alle attività didattiche da remoto; tuttavia, i dati sembrano mostrare che ciò abbia ripercussioni soprattutto sulle ragazze, che, quest’anno, hanno abbandonato la scuola in numero massiccio rispetto agli anni precedenti.

Per quanto riguarda invece le donne adulte, si stima che le dimissioni femminili siano aumentate del 4,5% solo tra lo scorso dicembre e gennaio di quest’anno. Ciò sarebbe anche dovuto al fatto che sono proprio le donne, nel momento in cui le scuole sono chiuse, ad avere la tendenza a sacrificare il proprio lavoro per dedicarsi ai figli.
Una stanza tutta per sé ci ricorda quali sono gli spazi di cui abbiamo bisogno e che, in smart working e in DAD, vengono meno.

A skinny black girl: Amanda Gorman

“A skinny black girl descended from slaves and raised by a single mother” così si presenta Amanda Gorman nel testo della poesia “The Hill We Climb”, scritta e interpretata per la cerimonia di insediamento di Joe Biden e Kamala Harris.
Nel suo nuovo articolo, Marta Fornacini ci propone di fare la conoscenza di questo giovane talento, ancora sconosciuto ai più. La Gorman è una promettente poetessa che ha iniziato la sua carriera quando aveva solo 8 anni: da quel momento la scrittura è diventata il suo personale modo per esprimersi e per raccontare il mondo. Le sue poesie si ispirano sempre all’attualità toccando temi come femminismo, razzismo, e ingiustizie sociali. La poesia non è solo una forma d’arte ma un modo di fare politica, e ne ha dato prova con la sua appassionata interpretazione del 20 gennaio scorso.
La Gorman, nonostante la sua giovanissima età, ha alle spalle un lungo percorso nel quale ha anche fondato un’organizzazione no profit volta a includere giovani con scarsi mezzi economici in progetti di scrittura creativa.

La vagina non è un tabù – E se potessi non avere il ciclo ogni mese?

Ogni donna nel corso della sua vita si è detta almeno una volta che avrebbe fatto qualunque cosa per non avere il ciclo, ma che questo non è possibile.
Non è del tutto vero e in questo articolo di Monica Schianchi scopriamo come.
Esistono pillole, come la seasonique, che si prendono ininterrottamente per tre mesi e solo alla fine del terzo compare il ciclo, facendo sì che, in un anno, anziché dodici/tredici mestruazioni, una donna ne abbia soltanto quattro.
Tante donne preferiscono avere il ciclo ogni mese, per una questione di sicurezza mentale. Se invece questo non dovesse essere un problema, ricordate che, prima di intraprendere un percorso del genere, è necessario parlarne con un medico, ascoltare i suoi consigli e fare tutti gli accertamenti necessari.
Non avere il ciclo deve essere una liberazione, non un rischio.

#seasonique #pillola #mestruazioni #dolorimestruali #pillolastagionale #lavaginanonèuntabù #thepassword #thepasswordunito

Il mondo dell’Arte ricorda Pinin Brambilla Barcilon

Lo scorso 12 dicembre si è spenta a Milano Pinin Brambilla Barcilon, una delle restauratrici più influenti del XX secolo, nota soprattutto per il restauro del Cenacolo di Leonardo da Vinci.

Nel curriculum della restauratrice, che vantava oltre 70 anni di carriera, vi sono interventi su alcune delle più importanti opere d’arte italiane.

Nel 2015 Pinin Brambilla è stata co-fondatrice del Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”, che collabora con L’Università degli Studi di Torino in quanto istituto di eccellenza per la formazione universitaria dei restauratori e per la ricerca scientifica nel settore dei beni culturali, e lo ha diretto fino al 2012.
Attualmente presso il Centro di Venaria è conservato il Fondo Pinin Brambilla, un archivio composto da tutta la documentazione prodotta dalla restauratrice nel corso della sua carriera.

Nel 2019 è stata insignita dall’Università di Torino della laurea Honoris Causa in Conservazione e Restauro dei Beni culturali «per aver conservato alle presenti e tramandato alle future generazioni il nostro patrimonio artistico e per aver insegnato che il restauro serve a vedere e rivedere con occhi sempre nuovi le opere d’arte».

La leggerezza dello slut shaming

Ragazze, vi è mai capitato che vi criticassero per una maglietta troppo scollata? Per una gonna troppo corta? Per aver parlato troppo liberamente della vostra vita sessuale?
In questo articolo di Ilaria Cavallo si parla di questo fenomeno, che si chiama slut shaming, e che consiste nel mortificare una donna per i propri atteggiamenti sessuali o per il proprio abbigliamento, considerati sconvenienti.
Si tratta di un pregiudizio, di un’etichetta che molto spesso sono le donne stesse ad attaccare alle altre donne, come è stato per quella maestra torinese vittima di revenge porn, criticata perché una maestra “non dovrebbe fare certe cose”. O, come capita ancora troppo spesso, quando una donna è vittima di violenza sessuale e si cerca di minimizzare la colpa dell’uomo enfatizzando abiti o atteggiamenti provocanti.
Oggi come non mai si cerca di abbattere gli stereotipi, ma vedendo quanto ancora sia diffuso lo slut shaming, si capisce quanta strada ancora ci sia da fare.

#slutshaming #bodyshaming #stereotipi #revengeporn #Torino #IlariaCavallo #Thepassword #Thepasswordunito

Nudo su Instagram, il social censura il curvy. È #Instabodyshaming?

Negli ultimi tempi si sta lottando sempre di più per abbattere i canoni che impongono un modello di bellezza irraggiungibile, ma per ogni passo avanti sembra che se ne compia uno indietro e che il body shaming sia un avversario arduo da battere. Questa volta è stato Instagram a finire al centro delle polemiche a causa di nudi censurati.
Qualcuno ha mostrato troppo, o ciò che si è visto non era un corpo scultoreo? La seconda ipotesi.
La modella plus size Nyome Nicholas-Williams si è vista censurare da Instagram una foto che la ritraeva in topless con un braccio a coprire il seno, e la stessa situazione è capitata a Celeste Barber, comica australiana. Le stesse pose non vengono al contrario censurate quando sono ritratte donne magre e bianche.
Pare comunque che i social si siano affrettati a prendere posizione: in un post del 28 ottobre Nyome ha entusiasticamente reso pubblico che «Oggi è il giorno in cui Instragram e Facebook cambiano la loro politica per assicurare che tutti i tipi di corpo –cioè i corpi neri over size- saranno trattati equamente sulle piattaforme».

“Mrs America”: l’eterna lotta per i diritti delle donne

Uscita per la prima volta già ad aprile ma trasmessa solo in questi giorni in Italia dalla versione plus di Tim Vision, Mrs America ci racconta la storia dell’attivismo femminista degli anni ’70 negli Stati Uniti.Il filo conduttore di questi nove episodi è la storia dell’approvazione dell’ERA, l’Equal Rights Amendment, una proposta di emendamento alla…