Iron Widow, una recensione spoiler-free: tra mecha, poliamore e storia cinese.

Iron Widow è il romanzo Young Adult d’esordio di Xiran Jay Zhao, pubblicato in Italia da Rizzoli, che racconta in chiave fantascientifica la storia di Wu Zetian, la prima e unica Imperatrice donna della Cina. Qui re-immaginata nei panni di una contadina diciottenne, la giovane Zetian decide di arruolarsi come pilota concubina nell’esercito di Huaxia, la sua nazione, da anni sotto gli attacchi di creature aliene conosciute come Hundun. Tuttavia Zetian non si è arruolata per un bisogno patriottico, bensì per vendicare sua sorella uccidendo il pilota che ne ha causato la morte, e per ribaltare il misogino sistema di pilotaggio dei mecha usati in battaglia, le Crisalidi.
Gaia Sposari ce ne parla in questa recensione senza spoiler.

#ironwidow #theironwidow #xiranjayzhao #youngadult #libriyoungadult #rizzoli #rizzolieditore #storiacinese #mitologiacinese #fantascienza #distopia #wuzetian #thepassword #ThePasswordUnito

“La moda veste la pace”: la Torino Fashion Week 2022 e l’intervista con Tukwini Mandela

Villa Sassi apre le porte alla Torino Fashion Week per la sua settima edizione: una location d’eccezione per celebrare il tanto desiderato ritorno delle sfilate in presenza. La Torino Fashion Week è un progetto nato dalla mente di Claudio Azzolini e Federica Leonetti con lo scopo di riportare la moda a Torino facendo conoscere gli stilisti e l’artigianato locali. Quest’anno in passerella non solo stilisti torinesi ma anche internazionali in una cornice di pace e inclusività. Ce ne parla Alessandra Picciariello nel suo articolo attraverso un’intervista a Tukwini Mandela, nipote dell’ex-presidente sudafricano e CEO di House of Mandela, brand che ha sfilato all’evento.

#TorinoFashionWeek #TFW2022 #LaModaVesteLaPace #thepassword #ThePasswordUnito #Torino #NelsonMandela #TukwiniMandela @houseofmandela @torinofashionweek @barbara_odetto @claudio_azzolini_tfw @federica.leonetti.80 @luigisilvestro

Consultoria FAM: a Torino la sanità transfemminista che viene dal basso

I consultori sono ad oggi luoghi di burocrazia, poca empatia e stigmatizzazione. Invece di donare supporto, spesso la sanità pubblica è fonte di problemi e di disagio per chi non si rispecchia nel prototipo di persona disegnato dalla società cis ed etero.
Per questo nasce a Torino la Consultoria Transfemminista FAM, un luogo di ascolto e aiuto per chi si sente perso e non trova spazio nella sanità pubblica. Attraverso consultazioni, attività e dibattiti la Consultoria affronta tematiche quali l’IVG, l’identità di genere, la sessualità e molto altro. Scopri di più su questo bellissimo progetto nell’ultimo articolo di Caterina Malanetto (cate_a.m).

#consultoriafam #torino #csoagabrio #sessualita #identitadigenere #transfemminismo #ivg #inclusivita #lottatransfemminista #lgbtqia+ #donne #thepassword #ThePasswordUnito

TAG:
@consultoriafam
@nudm_torino
@microclinica_faith
@seitr4ns
@martinamartonsky

Malala Yousafzai e il cambiamento nelle piccolezze.

Il cambiamento ravvisabile nelle grandi cose è indubbiamente gratificante. Ma c’è una verità, a volte più scomoda da metabolizzare: il cambiamento, quello vero, parte dalle situazioni relegate al margine. Perchè i visionari, quelli che il cambiamento lo vedono, spesso hanno troppi mezzi per portarlo avanti. Troppe responsabilità. Il cambiamento parte da chi non ha nulla da perdere, da quelli che assurgono ad antieroi. Nel suo ultimo articolo, Valerio Abrami ha voluto descrivere loro tramite una figura che li incarna pienamente: Malala Yousafzai. Non una visionaria futurista, ma umile donna che, prima di vederlo, ha capito che il cambiamento va sentito. Con il cuore leggero dei piccoli passi, senza l’affanno della corsa.

#malala #pakistan #diritti #femminismo #studio #libertà #nobel #rivoluzione #donne #thepassword #thepasswordunito

Dora Maar, uno sguardo in rivolta

Il nome di Dora Maar compare spesso associato al nome di Picasso, ma la fotografa, pittrice, poetessa francese di origine croata era molto più di una musa triste. Attraversiamo, grazie alla nostra redattrice Sofia Racco, alcune delle tappe più significative della sua carriera nel mondo del surrealismo e oltre.

#doramaar #arte #donne #fotografia #pittura #Novecento #surrealismo

@cameratorino
@enciclopedia.delle.donne
@womenfromhistory

Mamme e figli dietro le sbarre

Il 30 maggio scorso, la Camera dei deputati ha approvato una prima proposta di legge a favore della tutela dei bambini in carcere con le madri detenute: 241 voti a favore contro 7 contrari, un’idea firmata dal deputato Paolo Siani. Attualmente la situazione italiana è abbastanza complicata, in quanto molti bambini sono costretti a crescere…

Anna e la mappa del suo cervello: parliamo di Sclerosi Multipla!

“Siate come le piante che, anche nel buio, cercano una via verso la luce, fonte della linfa vitale”. Anna lancia, con queste parole, il suo appello a tutti coloro che si ritrovano immersi nella realtà della Sclerosi Multipla. L’abbiamo conosciuta e, a una settimana dal 30/05, Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla, la redattrice @origin_ale tratta, sotto forma di intervista, l’argomento.

@ancng9
@iovivolasclerosimultipla
@gaiapresotto
@ivancottini
@karminshiff
@francescamannocchi
@antonellaferrari_official
@aism_onlus

#sclerosimultipla #anna #alessiacongiu #forza #coraggio #thepassword #thepasswordunito #paura #futuro #incertezza #dolore #famiglia #donne

Essere figli di Sex Workers: da Stromae a Romain Gary

Attraverso il nuovo singolo di Stromae “Fils de joie” e l’acclamato romanzo “La vita davanti a sé” di Romain Gary, nell’ultimo articolo di Maël Bertotto verranno raccontate persone che, come dichiara il cantante, “ci sono, ma non vogliamo vedere”. Sono i figli delle sex workers, invisibili alla società, ma che hanno una lezione importantissima da darci: nonostante abbiano patito per tutta la loro vita le cattiverie di chi si faceva guidare dai pregiudizi, hanno utilizzato l’affetto della madre come arma contro i torti subiti.

#sexworkers #stromae #filsdejoie #romaingary #lavitadavantiasé #çacommenceauj #musica #letteraturacontemporanea

@stromae
@neripozza
@faustinebollaert
@cacommenceauj

Mind The Gap: definire la non conformità

Mind The Gap colpisce ancora con il tema della “non conformità”, a partire da una questione cruciale: come la si può definire?
La nostra redattrice @origin_ale affronta, in questo articolo, alcune delle tematiche emerse durante la tavola rotonda dell’08/05. Un dibattito ritmato da idee e da spunti di riflessione particolarmente formativi si è evoluto in dilemmi di elevata importanza femminista… e non solo.
@midthegap_fest
@circololettori
@offtopictorino
@femminismoquotidiano
@caraseimaschilista
@belledifaccia
#unito #thepasswordunito #femminismointersezionale #femminilità #mindthegap #offtopic #circolodeilettori #donne #corpinonconformi #anticonformismo #conformità #omologazione #bellezza #stereotipi #capitalismo #economiaindividualista #riflessioni #confronto #tavolarotonda #conformizzare #assistenzialismo #disabilità #produttività #mondo

Mind The Gap: decostruire per un futuro più equo

L’8 maggio si sono tenuti gli eventi conclusivi di Mind The Gap, festival del femminismo intersezionale. I due incontri di questa giornata, a cui abbiamo partecipato, hanno avuto al centro il tema della decostruzione: per raggiungere un mondo più equo rispetto a quello in cui viviamo, è necessario cambiare le lenti con cui guardiamo e trattiamo determinati argomenti. Questo sia per quanto riguarda come intendiamo il femminismo in Occidente, sia riguardo alla rappresentazione della disabilità nel mondo dello spettacolo. Mettersi in discussione non è facile, ma di sicuro tutti gli sforzi fatti porteranno ad una società paritaria.

#femminismodecoloniale #decostruire #uguaglianza #disabilità #mindthegap #thepassword #ThePasswordUnito