1964: la Biennale della rivoluzione pop

L’arte contemporanea sembra essere ancora fonte di indignazione e scalpore, perfino per noi fruitori del 2021, abituati a qualsiasi tipo di provocazione. Come avrebbe reagito il meno smaliziato pubblico degli anni ’60 alla famosa banana di Cattelan?
La Biennale di Venezia del 1964 fece conoscere al mondo la pop art newyorkese, destando addirittura lo scandalo della Chiesa. Qualcuno parlò di “morte dell’arte”. Perfino il Presidente della Repubblica non si presentò alla cerimonia di apertura. A giudicare dalle reazioni a quella che poi venne definita la Biennale “della rivoluzione”, il pubblico contemporaneo e quello di 57 anni fa hanno davvero molto in comune. L’articolo è di Daniela Carrabs.

#biennalevenezia #venezia #leonedoro #popart #arte #artecontemporanea #rauscheberg #cattelan #bananacattelan #’60 #thepassword #thepasswordunito #unito

La Taverna del Santopalato e le formule futuriste

Nel 1930 Marinetti firmò il Manifesto della cucina futurista. Seguì a ruota l’apertura della Taverna del Santolapato, a Torino in via Vanchiglia 2. Il locale, oltre ad essere visivamente progettato come una metallica macchina da guerra, secondo gli ideali futuristi, proponeva agli avventori una serie di prelibatezze descritte nel “Formulario futurista per ristoranti e quisibeve”. Fra un Placafame e un Canreplastico, l’esperienza avrebbe coinvolto tutti i sensi a 360°, con l’uso di musica, rumori e profumi per stimolare l’appetito. Siete curiosi di conoscere qualche formule futurista? Ve le racconta Daniela Carrabs!

#tavernadelsantopalato #santopalato #cucinafuturista #manifestodellacucinafuturista #filippomarinetti #futurismoitaliano #futurismo #viavanchigliadue #viavanchiglia2 #torino #torinovanchiglia #artetorino #storiatorino #artepiemonte

Salvatore Garau: l’arte invisibile agli occhi.

L’arte può perdere completamente la propria forma tangibile e diventare totale assenza? Qual è il confine tra opera d’arte e filosofia? La pandemia ha influito sulla concezione dell’arte contemporanea?
Sono tutte domande che sorgono spontanee nel momento in cui osserviamo una Scultura Invisibile, ultimo progetto dell’artista Salvatore Garau, che ha deciso di trasformare il “niente” in un capolavoro.
Come ha fatto ce lo racconta @GiuliaCalvi nel suo nuovo articolo.

#arte #artecontemporanea #SalvatoreGarau #scultureinvisibili #scultura #BiennaleVenezia #Fontana #Duchamp #covid19 #thepassword #thepasswordunito

I giochi olimpici attraverso l’architettura

Fra nuovi palazzetti, stadi mastodontici, archistar e polemiche, i giochi olimpici sono un’occasione irripetibile per la rimessa a nuovo di tutte le città che negli anni si sono succedute come ospiti.

Attraverso un viaggio nel tempo e nello spazio (dagli Stati Uniti degli anni ‘30, passando per la Cina del nuovo millennio) nel nuovo articolo di Daniela Carrabs cercheremo di conoscere brevemente 7 spettacolari opere architettoniche che hanno segnato l’evoluzione urbanistica, non solo in ambito olimpico ma a livello mondiale.

#architettura #Olimpiadi #giochiolimpici #storia #sport #villaggiolimpico #olympiastadion #yoyoginationalgymnasium #torrecalatrava #stadionazionalepechino #arcelormittalorbit

10 artisti contemporanei che (forse) non conoscevi

Si può ancora parlare di arte, oggi? Tra gli artisti contemporanei sembra esserci una gara a chi stupisce di più il pubblico. Un’arte “usa e getta” che è molto in linea con il nostro tempo e che continua a spaccare a metà la critica.

Scivoli alti 8 metri, cani molto glossy, banane appese ai muri e artisti-influencer che hanno trasformato la propria vita quotidiana in un’opera d’arte social. Tutto questo, e molto altro, è arte contemporanea.

Di queste opere e dei loro dieci artisti ci ha parlato Federica Seni nel suo nuovo articolo.

Li conoscevate?

#arte #art #artecontemporanea #gam #artwork #mauriziocattelan #jeffkoons #contemporaryart #thepassword #thepasswordunito #unito

I magazine indipendenti e la rivincita della carta stampata

In un contesto digitale e iperconnesso, la riappropriazione di un tempo di lettura lento e consapevole è diventata necessaria.
Le nuove tecnologie, spesso incolpate della presunta morte della carta stampata, dimostrano invece quanto i magazine indipendenti abbiano da offrire in termini di qualità e approfondimenti.
Ma cosa sono gli indie-mag e perché abbiamo sempre più bisogno di questi progetti, creati a partire dalla sperimentazione, dal piacere della ricerca e dalla bellezza come motore primario? Ne parla il nuovo articolo di Rebecca Boazzo.

#rivisteindipendenti #indiemag #indipendenti #rivisteletterarie #riviste #magazine #editoria #editoriaindipendente #editoriaindie

TAG IG:
frabs_magazine
brillo_magazine
toilet_mag

Riviste indipendenti italiane varie (ig):
archiviodotcom
sirenejournal
megazinnerivista
meneliquemagazine
dispensa_magazine
ossi_fanzine
suq.magazine
thepassengermagazine
ilbestiariorivista
mulierismagazine
laseppia
stigmazine
rivistafrute
ctrl_magazine

Altri che vendono/stampano riviste indipendenti (ig):
ilibridielena
latipografa_toscana
versolibri
noi_libreria
edicola_518
digressioni_editore
edicola_bosco
edicolaerno

Facebook:
https://m.facebook.com/Ti-ho-Rivista-Rubrica-sulle-riviste-letterarie-indipendenti-312328709104648/

TOward2030 – Goal 3: salute e benessere

Garantire la salute e il benessere è il terzo obiettivo dell’Agenda 2030, il programma per lo sviluppo sostenibile sottoscritto dai Paesi membri dell’ONU.

Il Goal 3 ha come obiettivo quello di attirare l’attenzione sull’urgenza sanitaria nel mondo, garantire a tutti le cure mediche, migliorare il benessere e promuovere la vita.

Mentre i Paesi sviluppati tra cui anche l’Italia mostrano dati molto incoraggianti, non si può dire lo stesso per i cosiddetti Paesi in via di sviluppo o ancor di più per il “Terzo Mondo”, nel progetto Toward 2030, si è partiti dalla necessità di guardare con speranza al futuro.

Per il Goal 3 l’artista Luis Gomez, ha realizzato la sua opera in San Salvario, poco distante dalla stazione di Porta Nuova, una bellissima rosa bianca che cresce nel cemento del quartiere.

Scopriamo insieme l’opera “Come le cose più belle” grazie al nuovo articolo di @ashraf_rami

@luisgomezdeteran
@toward.2030
#luisgomez #luisgomezdeteran #comelecosepiùbelle #goal3 #goodhealth #salute #benessere #toward2030 #agenda2030 #onu

Il mondo dell’animazione: Sidèrea e En Rang par deux

Il mondo dell’animazione: Sidèrea e En Rang Par Deux
Quando si sente parlare di animazione, pare per un attimo che le persone vengano catapultate in una sorta di viaggio nei ricordi della loro infanzia.
Il mondo animato non è dedicato soltanto all’infanzia. I suoi contenuti sono molto più profondi e universali di quanto si possa credere. La nostra redattrice @FedericaFerreri ha intervistato le illustratrici digitali Carlotta Vacchetti ed Elisabetta Bosco, autrici dei cortometraggi Sidèrea e En Rang Par Deux, per far capire quanto variegato sia il mondo dell’animazione.
Lo conoscevate?
#animazione #sidèrea #enrangpardeux #cinema #arte #centrosperimentalecinematografia #artista #grafico

Arte contemporanea nel contesto urbano a Torino

Con il ritorno in giallo è di nuovo possibile visitare mostre, musei e gallerie, che purtroppo sono stati fra i luoghi meno discussi nei dibattiti sulle riaperture. Cosa può offrire la città di Torino, nel vasto panorama culturale che la contraddistingue? Ci sono tre luoghi molto particolari, lontani dal centro città ma che incarnano il perfetto connubio fra ambiente urbano e arte contemporanea. Sono la Fondazione Merz, le OGR e la Fondazione Sandretto, che in comune hanno il riutilizzo dell’archeologia industriale al servizio della cultura.
#artecontemporanea #torino #archeologiaindustriale

Pamart: la fluid painting di Pamela Naranzoni

Pamart: la fluid painting di Pamela Naranzoni
Nel periodo del lockdown alcune persone hanno deciso di reinventarsi, scoprendo nuove passioni e passioni.

La nostra redattrice @federicamoon ha intervistato Pamela Naranzoni, in arte Pamart, che ha fatto della Fluid Painting una professione, portandola ad aprire anche un negozio.

Si tratta di una tecnica che può essere utilizzata in modi diversi, utilizzando il phon come pennello per la Dutch pour oppure il bicchiere e il movimento della tela per la flip cup.

Conoscevate questa tecnica particolare?

#arte #pamart #pamartacrilici #dutchpour #fluidcup #fluidpainting #intervista #artista #artecontemporanea #fluidart #artnow