Palazzo Nuovo con la mascherina: il Flash Mob sull’AmianTO

Poche ore fa, in centro, davanti alla sede umanistica, vi è stato un Flash Mob dedicato alla questione che da settimane grava su molti studenti di Unito: l’amianto.

Foto di Silvia Gemme
Foto di Silvia Gemme

Con la chiusura di Palazzo Nuovo, molti studenti si sono riuniti oggi, muniti di mascherine, in 5 minuti di serietà e silenzio, davanti all’edificio che normalmente erano abituati a frequentare ma che si è rivelato per quello che è, ovvero un luogo pericoloso per la salute.
Da qui l’idea di alcuni studenti del DAMS, anch’essi sfrattati dalla sede: manifestare in modo pacifico e originale, dimostrare l’indignazione di tutti con un gesto particolarmente eloquente.
Riesco a parlare con uno degli organizzatori, Alessandro Principato, che gentilmente si rende disponibile per raccontarci qualcosa di più prima dell’inizio dell’evento, che precisamente si è svolto dalle 12.00 alle 12.05.
Foto di Silvia Gemme
Alessandro Principato, Foto di Silvia Gemme
Fa parte del gruppo ‘Dove e Quando’, nato da pochissimo, composto da altri ragazzi del DAMS come lui, che ha intenzione di occuparsi di Flash Mob e manifestazioni artistiche, approfittando, quindi, per quanto tristemente, della situazione critica di molti studenti e docenti per esordire in questo ambito.

In cosa consiste il Flash Mob di oggi?
Si tratta di un’iniziativa molto semplice e, speriamo, efficace. Le persone che aderiranno staranno in piedi davanti a Palazzo Nuovo con delle mascherine sulle vie respiratorie in silenzio, per 5 minuti. Ci sono subito venute in mente le mascherine, perchè sono un rimando esplicito all’amianto, ma in secondo luogo sembrano (e sono) dei bavagli, perchè comunque chiudendo il polo umanistico dell’Università di Torino è un po’ come se avessero imbavagliato il mondo della parola.
Abbiamo quindi pensato che l’immobilità qui davanti e il silenzio fossero abbastanza esplicativi del nostro disagio.

L’evento su Facebook ha riscosso 670 partecipazioni e oggi alla manifestazione stessa ci sono state un centinaio di figure immobili davanti al Palazzo incriminato.

Flash Mob Palazzo Nuovo Foto di Silvia Gemme
Flash Mob Palazzo Nuovo
Foto di Silvia Gemme

Nasi e bocche coperti dalla mascherine, sguardi di rancore, corpi tesi immobili e anche un po’ di pioggia per completare il panorama tetro e desolante che tutti noi siamo costretti a subire, ma che non vogliamo accettare, nella speranza che questa iniziativa non passi inosservata.

Veronica Repetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...