Quando nasce un profumo

E’ uno dei dettagli più evanescenti, ma allo stesso tempo più persistenti, che una persona possa indossare. Non si vede, non ha un colore, ma può cambiare completamente lo stile e la percezione che si ha di qualcuno. Resta impresso nonostante sia solo un’impressione. Di cosa stiamo parlando? Del profumo.

Entrato da diversi anni nell’Olimpo delle creazioni più prestigiose di una Casa di moda, il profumo è una miscela a base alcolica di oli essenziali, che può essere vaporizzata sul corpo umano e che, a contatto del calore di questo, sprigiona una fragranza. Esistono diverse tipologie, che variano a seconda della concentrazione delle essenze all’interno della boccetta: la colonia, l’Eau de Parfum e l’Eau de Toilette. Una singola fragranza, però, non è composta da un solo elemento, ma da diversi che si diffondono in momenti separati: esistono infatti le note di testa, quelle immediatamente percepite, le note di cuore e le note di coda, che vengono percepite anche dopo ore.

In un profumo non è importante solo l’elemento olfattivo; lo è anche l’aspetto della boccetta: un elemento fondamentale, che presenta il prodotto al suo interno e su cui i designer investono tempo e risorse, trasformando le loro creazioni in meraviglie per gli occhi. In passato, questo aspetto era marcato anche nei campioncini (versioni più piccole dei profumi), tant’è che spesso questi “mini-flaconi” venivano collezionati e oggi hanno un gran valore.

La creazione di un profumo è un processo complesso, che procede per fasi. Ma, in concreto, chi è che compone una nuova fragranza? È un prodotto che a prima impressione può sembrare semplice, ma che in realtà nasconde molti segreti. Non a caso la sua creazione è affidata a una figura professionale specifica, comunemente definita naso. I nasi, ovvero i Maitre Parfumeur, sono gli addetti alla creazione di una fragranza: ovviamente sono dotati di un olfatto particolarmente sviluppato e possono contare in modo particolare sulla loro “memoria olfattiva”, così da poter ricordare e riconoscere un incredibile numero di fragranze. Sono loro a mixare e odorare centinaia di combinazioni diverse per creare il profumo perfetto da proporre poi alla Casa produttrice, che passerà alla selezione.
A processo ultimato, quando il profumo e il design della boccetta sono completi, si passa ovviamente alla produzione e alla distribuzione. Il prodotto che ne deriva può avere maggiore o minore successo, ma raramente viene indossato in modo anonimo. In casi particolari, diventa un vero e propri oggetto di culto, amato e acquistato per anni.

Uno tra tutti, probabilmente il più famoso della storia, è sicuramente Chanel n.5. Portato al successo grazie alla diva hollywoodiana Marilyn Monroe, che ha affermato di indossarlo a letto, questa fragranza si basa sulle note di muschio e gelsomino (in passato usate dalle prostitute) ed è stato uno dei primi a essere creato dalla miscela di più essenze, con l’aggiunta di alcuni componenti chimici. Il suo nome nasce al momento della selezione, durante la quale sarebbe stato scelto quale nuovo profumo avrebbe rappresentato la casa Chanel per quell’anno; venne scelta la quinta fragranza proposta: da qui Chanel N.5. Anche il suo design, minimale ma elegante, è passato alla storia e, nonostante siano passati novant’anni dalla sua creazione, non smette di sorprendere e di essere amato in tutto il Mondo; in occasione dell’anniversario è stato leggermente modificato, mantenendo, però, il suo aspetto tradizionale.

Un elemento iconico e senza tempo, che non ha nulla da invidiare a una stoffa o un abito: per quanto la sua persistenza sul corpo non sia visibile, un profumo si trasforma ben presto in un elemento di stile che in qualche maniera contraddistingue chi lo porta. Quando nasce un profumo, insomma, nasce un Mondo nuovo ed unico, pieno di sfaccettature: un Mondo in grado di stupire e esprimere se stessi senza il bisogno di parlare.

di Alessia Alloesio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...