‘A spasso nel tempo’ con il Balon

Ogni città che si rispetti ha un mercato delle pulci dove trovare di tutto e di più: da libri antichi a vestiti vintage, da cartoline d’altri tempi a cianfrusaglie alle quali lo scorrere del tempo ha donato valore. Per Torino si tratta del Balon, presente nel quartiere Borgo Dora dal 1857.

Il 23 ottobre si è tenuta la prima festa del Balon: A spasso nel tempo. Nonostante la pioggia cadesse a tratti forte, a tratti fastidiosa, il tempo non ha scoraggiato curiosi e mercanti, né tanto meno gli eventi previsti per la giornata. I venditori si sono arrangiati con grossi teli con cui coprire i loro tesori di legno e di carta, i gruppi musicali che suonavano per le strade – gruppi indi rock, jazz, anni ’50-’60, country folk, swing – hanno continuato sotto tettoie, i figuranti in costume (che dal medioevo ad oggi ripercorrevano tutte le tappe storiche dell’Occidente) continuavano a passeggiare indisturbati, protetti spesso dai loro ingombranti cappelli.

img_20161023_110608  img_20161023_105630

Il mercato copriva tutte le vie principali del quartiere, partendo da quelle adiacenti a Porta Palazzo: via Mameli, Piazza della Repubblica, via Borgo Dora, Piazza Borgo Dora. Vi si potevano trovare bancarelle di collezionismo, ma anche esposizioni di auto e di moto d’epoca, aree dedicate allo street food (con certi profumini che mettevano l’acquolina in bocca). E poi – in mezzo alle bancarelle più varie – alcune che si distinguevano per il livello e l’originalità della merce artigianale: è il caso ad esempio del laboratorio La Mescla, che vendeva non solo abbigliamento e accessori, ma anche disegni e oggetti di design. La Mescla è un atelier di due talenti, lei stilista e disegnatrice, lui principalmente designer, ogni loro creazione è frutto di lavoro manuale e di grande cura (per più informazioni visitare la loro pagina Facebook).

Ma il fine dell’evento era anche – o soprattutto – quello di riqualificazione del territorio. Per questo erano presenti le più grandi associazioni della zona, come il Sermig (Servizio Missionario Giovani), associazione di stampo cattolico che dal 1983 ha sede nel vecchio arsenale militare di Torino (dove sono state realizzate armi per la prima e per la seconda guerra mondiale) trasformato nell’Arsenale della Pace.

img_20161023_111551

Era presente anche Casarcobaleno, che nasce per rispondere alle esigenze non solo della popolazione LGBT di Torino ma anche della città tutta, e Associazioni e Comitati Riuniti di Porta Palazzo. Si tratta di un’organizzazione di cittadini volontari, che ha come scopo la riqualificazione di Porta Palazzo e delle zone limitrofe, è impegnata nella lotta contro l’illegalità e promuove il concetto di sicurezza partecipata.

img_20161023_124542
Mappa degli insegnamenti della scuola Holden

Ultima – ma non per importanza (non serve neanche dirlo) – la prestigiosa scuola Holden. Dal 2013 la scuola Holden si è spostata in Piazza Borgo Dora 49, nell’ex Caserma Cavalli, da tempo abbandonata. All’esterno della scuola si sono tenuti eventi sportivi e una piccola mostra di poesie; per la giornata erano previste visite guidate all’interno. L’impressione, camminando per i corridoi della scuola e visitando le aule, è quella di trovarsi all’interno di un’allegra e delicata opera d’arte.

img_20161023_125522
Mensa della scuola

Chi è interessato alla scuola Holden e ai suoi progetti, tenga d’occhio Fronte del Borgo: la nuova sala-biblioteca della scuola aperta a tutti.

Trovate il mercato del Balon ogni sabato, con il Balon del sabato, e la seconda domenica di ogni mese, con il Gran Balon. Fateci sapere quali vecchie curiosità troverete fra i banchetti dell’antiquariato.

Per maggiori informazioni: www.balon.it

Silvia Gemme