Scribble Pen, la penna rivoluzionaria: truffa o realtà?

Spuntata nel 2012, la Scribble Pen sembrava l’invenzione che avrebbe rivoluzionato il futuro dell’illustrazione. Un sogno diventato realtà per gli artisti di tutto il mondo grazie a una penna in grado di acquisire il colore direttamente attraverso l’interazione con oggetti della nostra realtà quotidiana. La penna sarebbe in grado di percepire il colore su qualunque superficie tramite dei sensori RGB, per poi essere immediatamente pronta all’uso sia su tablet che, incredibilmente, su carta.

Incredibilmente è la parola chiave riguardo a questo progetto poiché, nonostante la Scribble Pen abbia un sito ufficiale con tanto di tasto “preorder” per garantirsi questa magica invenzione e video esplicativo su Youtube, il prodotto sembrerebbe ancora suscitare l’incredulità di molti. Ad agosto del 2014 il progetto Scribble Pen era stato lanciato su Kickstarter (sito in cui chiunque può effettuare una donazione a favore di un progetto) e aveva guadagnato circa tre volte l’ammontare necessario per la sua realizzazione in pochissime ore; peccato che i fondatori abbiano cancellato il progetto due giorni dopo. Il motivo principale di questa cancellazione fu l’impossibilità di mostrare un prototipo della penna al team di Kickstarter, che aveva iniziato a dubitare della serietà del progetto.
Il progetto Scribble Pen fu poi spostato su Tilt, sito simile a Kickstarter, con tanto di video in cui veniva mostrato il tanto agognato prototipo della magica penna. Il video stesso però rendeva ancora più dubbiosi e mostrava palesemente un prodotto tutt’altro che reale e ben diverso come design dal prodotto “finito” che viene mostrato attualmente sul sito.

scribble

Truffa o realtà? Tutto sembrerebbe propendere per la prima. Eppure il sito parla chiaro: la Scribble Pen sarà disponibile proprio quest’anno, addirittura al 50% di sconto a pochi giorni prima del lancio. Ovviamente non è un prodotto economico: la versione per tablet costa 200 dollari, mentre quella per carta ben 600.  Viene però garantito un servizio più che soddisfacente e, oltre alla “magica” abilità di acquisire colore, le altre caratteristiche presenti sono una batteria a lunga durata (ben 15 ore) ricaricabile tramite micro cavo USB, resistenza alla luce e all’acqua, compatibilità con iPhone, Android Tablets, e iPad. La ciliegina sulla torta è la possibilità di convertire il codice dei colori in Pantone, RGB, CMYK, ed HEX.

Troppo bello per essere vero, in tutti i sensi. Se per caso questa penna dovesse rivelarsi una truffa, ci sarebbero varie difficoltà per le vittime di denunciare la compagnia Scribble, poiché non risulta registrata in nessuno dei 51 stati USA. Inoltre nessuna delle persone menzionate nel progetto -tali Robert Hoffman e Mark Barker- sembrano esistere al di fuori del sito di Scribble Pen.

Quindi è possibile acquistare questa penna? Sì, ma a vostro rischio e pericolo. Ciononostante non si può fare a meno di sperare che la Scribble Pen si riveli autentica, facilitando così la vita di milioni di artisti.

Federica Messina