Risolatte -Ricette per studenti affamati-

20170311_175421-01Le nuove lezioni sono incominciate e abbiamo sempre più bisogno di una colazione nutriente che ci possa dare la giusta carica per affrontarle al meglio.
E cosa fare per non ripiegare sulle solite merendine confezionate e spesso molto care? Beh, noi vi proponiamo un delizioso risolatte fatto con le vostre mani, sano e genuino.

Del risolatte si conoscono molteplici versioni, ma la sua più grande virtù è dovuta al fatto che la sua preparazione è una delle più semplici ed economiche in assoluto, oltre al fatto che non occupa troppo tempo, soprattutto alla mattina. Inoltre lo si può aromatizzare con quello che più piace, ad esempio, con la vaniglia ma anche – per chi proprio non sa resistere al cioccolato di mattina – col cacao amaro, ed anche arricchirlo con frutta secca, uvetta e frutti rossi.
Vi ho incuriosito? Allora mettiamoci all’opera!

Ingredienti per una porzione di risolatte
50g di riso (potete usare quello che più preferite ma non il parboiled)
200ml di latte (per gli intolleranti qualsiasi alternativa vegetale va benissimo)
2-3 cucchiai abbondanti di zucchero
1/2 mela
aroma vaniglia o limone q.b.
frutta secca a piacere
cannella (facoltativo)

Per prima cosa fate bollire in un pentolino un po’ di acqua e, senza salare, cuocete il riso per il tempo indicato sulla confezione.
Nel frattempo aromatizzate il latte con la vaniglia e scioglietevi lo zucchero, mescolando con cura. Dopodiché scolate il riso e passatelo velocemente sotto l’acqua fredda. Scolatelo ancora per poi riporlo nuovamente nel pentolino con il latte. Raggiunta l’ebollizione, abbassate la fiamma e fatelo cuocere lentamente, mescolando di tanto in tanto per evitare che si appiccichi al fondo del pentolino. Una volta che il riso avrà assorbito tutto il liquido, versatelo in una ciotolina e decorare con delle fettine o dei cubetti di mela, con la frutta secca tagliata grossolanamente e una spolverata generosa di cannella.20170311_175305-01.jpeg

Il risolatte può essere anche un vero e proprio dessert, non solo adatto alla colazione e, fidatevi, se lo servite a fine pasto con una pallina di gelato – ma anche due, eh – accanto, farete un figurone!

Dominietto Sara