Forse non tutti sanno… che cos’è il “mukbang”

Mentre online la gente in Italia discute su cosa sia o debba essere una webstar e piovono critiche su Youtube, in Corea del Sud da anni esiste il “mukbang”.

Ma che cos’è? Il termine deriva dalle parole coreane “mangiare” e “broadcast”. Sulla piattaforma di streaming coreana AfreecaTV ragazzi e ragazze sono diventati famosi semplicemente mangiando. E non solo famosi, ma anche ricchi. Durante gli streaming, infatti, non sono inconsuete le donazioni da parte del pubblico e le sponsorizzazioni da parte di aziende e network, esattamente come succede con YouTube e Twitch. Certi host arrivano a guadagnare diecimila dollari al mese, sponsorizzazioni escluse. Non si tratta di persone come Matt Stonie o Furious Pete, rispettivamente tre e quattro milioni di iscritti su Youtube, o come Adam Richman, il conduttore di “Man VS Food”, che sono diventati famosi per le gare di abbuffate: grandi quantità di cibo in poco tempo con tanto di tornei e record mondiali. Le grandi quantità di cibo, qui, sono consumate con molta calma mentre l’host interagisce con il pubblico, parlando del più e del meno. Come se il pubblico fosse un altro commensale seduto alla tavola dell’host. Spesso e volentieri gli host, sia ragazzi che ragazze, sono persone che streammano tutti i giorni e che tuttavia presentano una linea e un fisico invidiabile, cosa che lascia spazio a diverse preoccupazioni sulla loro salute. Si è stimato che circa il 5% di tutti i profili che streammano su AfreecaTV sono di mukbang, e come tipologia di intrattenimento è approdata anche su YouTube e Twitch, spesso sotto il nome di “Social Eating”.

korean-man-who-records-himself-eating-for-a-living-reveals-surprisingly-muscular-body-world-of-buzz-4

Preoccupazioni e domande sulla salute di questi host, sia a proposito della quantità di cibo (spesso spazzatura) che ingurgitano sia su come facciano a mantenere il fisico da spiaggia, e sulla cultura dell’alimentazione ai giorni nostri sono più che fondate. Ma in ultima analisi il mukbang dà da pensare anche su cosa sia l’intrattenimento in streaming. Davvero possiamo lamentarci di chi guadagna giocando ai videogiochi mentre ci sono persone che vengono pagate per mangiare davanti ad una webcam?

Emilia Scarnera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...