Trattativa Stato-mafia

Che una trattativa tra pezzi dello Stato Italiano e Cosa Nostra ci sia stata si sapeva già grazie ad altre sentenze definitive, ma la sentenza pronunciata dalla Corte di Assise di Palermo in merito al processo su di essa è fondamentale, anche se si tratta di una sentenza di primo grado per altri motivi.

Il reato contestato a tutti gli imputati, escluso l’ex Ministro degli Interni Nicola Mancino accusato di falsa testimonianza e poi assolto perché il fatto non sussiste, è violenza o minaccia a corpo politico, amministrativo o giudiziario dello Stato, ove in questo caso i corpi sono tre: i governi Amato e Ciampi per il 1992 e il 1993, e il primo governo Berlusconi del 1994. Sembra un controsenso, ma non lo è.

I giudici hanno ritenuto provata la tesi della Procura: a partire dal gennaio 1992, quando la Cassazione confermò in maggioranza le pene inflitte ai boss nel Maxiprocesso, Cosa Nostra, guidata da Totò Riina, mise in atto una strategia molto chiara: eliminare chi aveva tradito le promesse. Si iniziò con l’omicidio di Salvo Lima a Mondello nel marzo del ’92, quando poi i vertici del ROS, Reparto Operativo Speciale dei Carabinieri, nelle persone di Mori, De Donno e Subranni, avviarono e portarono avanti un dialogo con Cosa Nostra, usando come intermediario don Vito Ciancimino per parlare con Riina prima e con Provenzano poi. Come scriveva Falcone su La Stampa, prima della strage di Capaci, la minaccia che i mafiosi rivolgevano allo Stato era questa:

Il rapporto si è invertito: ora è la mafia che vuole comandare. E se la politica non obbedisce, la mafia si apre la strada da sola.

Dal 1992 al 1993 i vertici del ROS si sono fatti intermediari, portatori della minaccia mafiosa verso lo Stato Italiano, presa successivamente in carico da Marcello Dell’Ultri, fondatore di Forza Italia – attualmente in carcere per concorso esterno in associazione mafiosa – nella cui sentenza i giudici hanno evidenziato il carattere di trait d’union fondamentale ed insostituibile tra Cosa Nostra e Silvio Berlusconi.

Marcello Dell’Utri, appena condannato a dodici anni come il suo amico Antonino Cinà, boss e medico fedelissimo a Totò Riina, è stato la cinghia di trasmissione tra la mafia e Berlusconi, sia l’imprenditore prima, che il politico e Presidente del Consiglio poi.
Antonino Di Matteo ha dichiarato:

Che la trattativa ci fosse stata non occorreva che lo dicesse questa sentenza. Ciò che emerge oggi e che viene sancito è che pezzi dello Stato si sono fatti tramite delle richieste della mafia. Mentre saltavano in aria giudici, secondo la sentenza qualcuno nello Stato aiutava Cosa nostra a cercare di ottenere i risultati che Riina e gli altri boss chiedevano. È una sentenza storica.

Una sentenza storica che afferma non solo l’esistenza della Trattativa, ma anche la correttezza della Procura nell’individuarne i protagonisti.
Questa sentenza, ancora di primo grado e quindi non definitiva, apre la strada alla verità su un momento storico che ha certamente cambiato e sconvolto la storia contemporanea e recentissima del nostro paese.

Mentre in Italia giudici, poliziotti, magistrati, giornalisti, cittadini per bene morivano, saltavano in aria, perdevano familiari e amici in questa guerra tra noi e loro, pezzi del nostro Stato si sono adoperati e alacremente spesi per trattare con gli altri, con quelli che le bombe le mettevano. L’Italia merita di sapere con certezza chi siano i traditori che trattarono, merita di sapere tutta la verità.

Cecilia Marangon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...