“Cucina con me Torino”: il volontariato e la cucina

Se vi piace cucinare e volete fare qualcosa di positivo per altre persone, forse Cucina con me Torino è l’attività che fa per voi. Quello che si fa è semplice: si organizza il menù di una cena, ognuno cucina qualcosa, lo si porta in dormitorio e lì si mangia tutti insieme.

Il gruppo Cucina con me è nato in maniera del tutto spontanea circa cinque anni fa. Una quarantina di amici, volendo fare qualcosa di diverso per Capodanno, organizzò il cenone in un dormitorio. Siccome la serata era andata così bene, e gli ospiti del dormitorio erano stati così contenti della loro iniziativa, decisero di continuare. Da allora il gruppo si è ristretto, consolidato e aperto a chiunque voglia partecipare.

Ciò che davvero caratterizza Cucina con me rispetto alle molte realtà simili sono due cose: la cena assieme agli ospiti del dormitorio e le attività che vengono organizzate durante o dopo la cena. Karaoke, disegno, cineforum, giochi da tavolo, chitarra… la serata è sempre seguita da qualcosa, o – in mancanza di un’attività – per lo meno da due chiacchiere tutti insieme. Nessuno dei membri di Cucina con me è un esperto di psicologia o di riabilitazione, ma c’è un’attenzione alle attività che possono far venire fuori le abilità e le inclinazioni delle persone, e che possono svagarle un po’. Ad esempio è stato notato che il disegno riscuote sempre successo. Una sera c’era una ragazza appena uscita dal carcere, che durante la cena non aveva parlato con nessuno, era rimasta sempre in disparte col suo compagno, ma quando ha visto che si disegnava le si sono illuminati gli occhi. È venuto fuori che aveva fatto il liceo artistico e che sapeva disegnare, e alla fine della serata era contenta perché il suo disegno era stato apprezzato dagli altri.

Non mancano gli eventi: nel 2016 è stata organizzata una festa in dormitorio, dove i volontari e gli ospiti hanno dipinto l’ingresso del dormitorio e, come sempre, hanno cenato insieme.

Quest’anno Cucina con me Torino è cresciuto e ora garantisce, coi turni dei suoi volontari, due cene al mese, sempre di domenica. Il dormitorio è quello di via delle Ghiacciaie, anche se il progetto è quello di crescere abbastanza da coprire anche altri dormitori.

Chiunque voglia partecipare può scrivere alla pagina Facebook di Cucina con me Torino. Ma se qualcuno non se la sentisse di partecipare direttamente alle serate, è bene specificare che i modi di aiutare sono tanti. Cucinare e basta, o donare prodotti non deperibili da portare in dormitorio, sono altri modi per contribuire.

Silvia Gemme

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Hello Lettore ha detto:

    Che bella iniziativa.. complimenti!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...