#DirtyWalkChallenge, l’iniziativa green che tutti possono adottare

I danni dell’inquinamento ormai non sono più un mistero e, finalmente, i media contribuiscono alla sensibilizzazione sull’argomento. Spesso, però, sorge spontanea la domanda “che cosa si può fare concretamente?” e una delle possibili risposte arriva da un ragazzo dell’alessandrino, Emanuele Gigante, 22 anni, studente universitario di Scienze Geologiche a Pavia, che oggi spiega a The Password la sua personalissima iniziativa che sta pian piano conquistando la provincia e non solo. Si tratta della #dirtywalkchallenge, ovvero delle passeggiate tra la natura durante le quali, armati di sacchetti, si raccolgono, differenziando, i rifiuti che si trovano sul proprio cammino.

Come nasce questo progetto innovativo?

Devo ammettere che nasce per puro caso. Un giorno, decisi di iniziare a fare delle belle passeggiate nella mia zona, su per i colli cassanesi. Di solito quando una persona va a fare delle camminate i motivi sono due: il primo è quello di dimagrire o magari restare in forma, mentre il secondo è proprio quello di rilassarsi e di disconnettersi un po’ da tutti i problemi. Camminando, per l’unica strada che collega tutti i vari paesi, non potevo non notare la mole di rifiuti situati ai bordi. Tanto che, durante le prime passeggiate, inciampai in un sasso rischiando di finire sopra a dei cocci di vetro e lattine arrugginite. Ecco dunque la decisione di fare un video per testimoniare una parte di rifiuti situati su quella strada e la conseguente decisione di creare questo progetto.

54041377_2048173528819672_6478085664884654080_nSi tratta di un progetto che può svolgere chiunque? Alcuni tuoi amici mi pare che abbiano già raccolto la “chiamata”. Che motivi ci sono per unirsi a te e a questa iniziativa green?

Questa iniziativa può coinvolgere tutti, dal più piccolo al più grande. L’accumulo di rifiuti ai bordi delle strade è davvero un problema riscontrabile da chiunque. Soprattutto coloro che, come me, vanno a fare delle semplici passeggiate per rilassarsi e godersi un po’ il panorama che ci offre la nostra zona. Per fortuna, in un modo o nell’altro, anche se a piccoli passi, questa iniziativa ha iniziato a coinvolgere un po’ di persone. Ma purtroppo come in tutto ci vuole il suo tempo. Mi piacerebbe che si creassero piccoli gruppetti, in qualsiasi parte d’Italia, dove, camminando insieme, si possa in qualche modo contribuire alla raccolta dei rifiuti ai bordi delle strade nella propria zona, postando una foto con i sacchetti pieni e facendo girare la #DIRTYWALKCHALLENGE. I social media hanno un grande impatto sulle persone e basta poco per mettersi all’opera.

Prima di #dirtywalkchallenge, ti eri già interessato alla tutela dell’ambiente?

Prima della Dirty walk diciamo che ho sempre fatto, nel mio, il dovere da cittadino civile. Ma è grazie a questa camminata “illuminata” che ho potuto davvero capire dove siamo arrivati. E siamo davvero quasi al punto di non ritorno.

53673345_567036927126383_1469877115955445760_nPensi che attraverso i canali social l’iniziativa possa coinvolgere anche gente al di fuori della provincia di Alessandria? Quali sono i canali da sottoscrivere per non perdersi nulla?

Ho creato una pagina facebook e instagram entrambe intitolate Dirty Walk, dove chiunque può scrivermi e inviarmi foto delle proprie escursioni con raccolta, che sarò ben felice di mettere sul profilo, per far sì che questo “movimento” si espanda a macchia d’olio in tutt’Italia. Sarebbe una vera e propria soddisfazione vedere questa iniziativa in espansione in tutte le regioni, perché in quel momento sarei certo che le mie parole sono state davvero capite. Bisogna attivarsi per l’ambiente in cui viviamo. Dobbiamo ricordarci che siamo noi gli ospiti e siamo noi quelli che si devono adattare. Non la natura. “L’indifferenza è la condanna dell’esistenza”.

Veronica Repetti

 

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Veronica Repetti ha detto:

    Grazie mille, sono contenta tu l’abbia apprezzato!

    "Mi piace"

  2. valter scarfia ha detto:

    L’ha ribloggato su NON DI SOLA TECNOLOGIA …e ha commentato:
    Apprezzo moltissimo questo tipo di iniziative, quindi ribloggo ringraziando.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...