Joker – Tutte le sfumature del principe del crimine

Joker nasce come nemesi per eccellenza dell’eroe pipistrello, con la sua prima comparsa nel 1940 nel primo numero della serie a fumetti “Batman” dalla collaborazione di Bob Kane, Bill Finger e Jerry Robinson. Con il tempo e i vari adattamenti, non solo cinematografici, il Principe dei Criminali evolve e cambia, adattandosi al momento storico e soprattutto alla società che lo crea. Due restano comunque i tratti caratteristici: il ghigno inquietante da pagliaccio e la pazzia.  

Le origini del personaggio sono vaghe e non sono mai state presentate al pubblico in maniera ufficiale. Scopriamo la nascita del villain nella storia a fumetti scritta da Alan, dove ci viene descritto un possibile passato del criminale, già accennato in “Detective Comics n. 168” del 1950. Non esiste però un’unica versione riconosciuta, è lo stesso Joker inoltre a raccontare storie ogni volta diverse, rendendo così difficile conoscere la verità.

Sembra che il sorriso inquietante, i capelli verdi e la pelle bianca, siano gli effetti dell’acqua di scarico delle sostanze chimiche in cui Joker è finito a causa di Batman. Secondo la storia, la visione del suo stesso viso lo avrebbe portato alla pazzia. Le labbra tirate in un sorriso eterno sono ispirate dal protagonista del romanzo L’uomo che ride di Victor Hugo e dell’omonimo film del 1928 che diede a Robinson l’idea. 

Prima dell’ultimo film in cui vediamo cimentarsi nell’impresa il noto Joaquin Phoenix, altri quattro sono stati gli attori che hanno portato al cinema i panni di questo inquietante e sadico criminale.

CAESAR ROMERO
Nel 1966 Joker compare per la prima volta sul grande schermo nel film Batman: The Movie di Leslie H. Martinson, tratto dalla popolare serie televisiva omonima. Il Joker di Romero è molto più stravagante e comico. L’attore sembra divertirsi più che vivere un profondo odio nei confronti del protagonista e della città di Gotham. (“Certo, è molto divertente. Ci divertiamo molto a fare questo film. È una parte in cui puoi fare tutto ciò che ti è sempre stato detto di non fare come attore. In altre parole, puoi ottenere tutto quello che vuoi ed esagerare.”) Non è inquietante, non ha un nome né un passato turbolento, i costumi sono dai colori brillanti, il trucco ricorda una maschera disegnata. Sembra un teatrante sul palco che allieta gli spettatori con le sue espressioni buffe e i gesti esagerati.

JACK NICHOLSON
Nell’89, 20 anni più tardi, Tim Burton riporta il mondo di Gotham sul grande schermo. In questo film viene presentata allo spettatore la trasformazione del personaggio che da semplice gangster psicopatico diventa il più pericoloso criminale della città. E’ un personaggio istrionico, piuttosto teatrale ma in modo dichiarato rispetto al suo predecessore, che si definisce un artista e considera ogni suo gesto un’opera d’arte o una performance d’avanguardia.

HEAT LEDGER
Una delle interpretazioni più note ed amate è sicuramente quella di Heath Ledger. Questo Joker di distacca totalmente da quelli precedenti: non più pagliaccio colorato ma una sua versione molto più cupa, umana. A renderlo più inquietante è anche il trucco meno definito che nel corso del film si rovina rendendo il personaggio ancora più reale. Ledger ci regala un personaggio psicopatico e sociopatico, dalla risata incontrollata e tic caratterizzanti, con l’obiettivo di seminare caos e distruzione. L’attore è entrato quasi in simbiosi con il ruolo, aggiudicandosi l’oscar post mortem ed entrando nella storia.

JARED LETO
A differenza dei suoi predecessori non appare in un film dedicato interamente a nemici di Batman. A rendere il suo compito difficile sono la raccolta del testimone per questo ruolo ma soprattutto la scarsa presenza del personaggio all’interno del film, che compare quasi sempre in compagnia di Harley Quinn. Un Joker magro, appariscente, il cui aspetto è curato quasi più della personalità, dai capelli brillanti e i denti placcati d’oro. Un gangster psicopatico e violento, ricoperto di tatuaggi, tra cui sulla mano l’iconico sorriso.

Daniela Frezzati