MUFANT – Museolab del Fantastico e della Fantascienza di Torino

Chi nell’ultimo periodo non ha sentito parlare con entusiasmo o con delusione del nuovo capitolo di Star Wars? Chi non ha mai sentito nominare personaggi come Spock, Yoda, Darth Vader, Iron Man e – perché no – anche Goku? La fantascienza e le storie fantastiche non sono solo “cose da nerd”, bensì parte della nostra cultura, del nostro immaginario, e lo sono da più tempo di quanto pensiamo.

È alla storia di questo genere che è dedicato il MUFANT – Museolab del Fantastico e della Fantascienza di Torino – partendo dalle opere gotiche ottocentesche (quali Il mostro di Frankenstein e Il moderno Prometeo) fino ad arrivare a Doctor Who. Visitandolo potete ammirare costumi, ricostruzioni, modellini, nonché una ricchissima collezione di libri e albi (pagine di fumetti degli anni ’30 e ’40 con Topolino e altri popolari personaggi a bordo di astronavi, la raccolta proveniente dal Fondo Riccardo Valla di riviste pulp di fantascienza dagli anni ’20 a inizio anni ’50). Potete conoscere la storia di questo genere, nato convenzionalmente nel 1926, quando Hugo Gernsback inaugura Amazing Stories, la prima rivista pulp di quella che lo stesso editore chiama “scientifiction”, e in seguito “science fiction”.

Il MUFANT non lascia fuori nulla: si passa per i tradizionali Star Wars e Star Trek, ma anche per gli eroi Marvel e DC, per i manga – Gundam, Dragon Ball, Sailor Moon, Cavalieri dello Zodiaco, nonché un’intera sezione in mostra temporanea dedicata a Capitan Harlock – per i cult horror – che fanno proprio il lato più spaventoso del progresso tecnologico – e infine per un’ultima parte della mostra, sebbene più ridotta, dedicata al fantasy. Perché “la fantasy moderna, così come la fantascienza, rappresenta una risposta culturale all’affermarsi della rivoluzione scientifica ottocentesca, ma – a differenza di essa, che accoglie e celebra l’innovazione – la fantasy la rifiuta (…) fu William Morris, scrittore e artista di idee socialiste, a diffondere in tutti i suoi ambiti di intervento l’idea che l’affermarsi del mondo tecnologico avrebbe addirittura accresciuto decadenza e ineguaglianza sociale e che l’unica via di salvezza sarebbe stata quella di riscoprire la magia di un passato lontano.”

Ricostruzione del Paese di Halloween di “Nightmare Before Christmas”

Il MUFANT vuole essere una realtà attiva, con l’organizzazione di eventi quali presentazioni e proiezioni. Per le giornate del 5, 6, 7 giugno 2020 è in programma Loving The Alien, un festival di fantasy e fantascienza, giochi, cosplay e letteratura, che si terrà al MUFANT e nell’area antistante: sarà infatti inaugurato nei giorni del festival il Parco del Fantastico, parte di un progetto più grande di rigenerazione urbana supportato dal Comune di Torino. Il tema del festival sarà l’Alieno e l’Altrove, in qualunque significato essi vengano declinati: partner principale del progetto è infatti la Coperativa Sociale Altra Mente di Torino. Al festival saranno presenti stand, presentazioni, performance teatrali e artistiche, postazioni da gioco e videogioco, interessanti workshop (di scrittura, disegno e sceneggiatura) e la mostra principale Una guerra di manga: Sailor Moon vs. Goldrake.

Molto interessante è la presenza di una biblioteca del fantascientifico di circa 10.000 titoli all’interno della mostra, che concede libri in consultazione e che in futuro entrerà nella rete delle biblioteche civiche torinesi.

Un’intera sezione del MUFANT è dedicata ai robot

Il MUFANT è aperto dal giovedì alla domenica dalle 15.30 alle 19.00. Si trova in via Reiss Romoli 49 bis e per raggiungerlo è necessario un piccolo viaggio di c.a. 40 minuti sul pullman 52 partendo dalla stazione Porta Nuova. Il costo del biglietto per gli studenti è di 6 euro e l’ingresso è compreso nell’Abbonamento Musei Torino Piemonte (eccetto per le giornate con eventi in programma).

Silvia Gemme

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...