Lontananza fisica e ciao ciao intimità? Ecco che arriva in soccorso il sexting

Siamo finalmente giunti alla riapertura dell’Italia, ma abbiamo ancora freschi i segni di quello che verrà ricordato come uno dei momenti più bui della nostra vita: la quarantena.
Siamo stati perlopiù chiusi in casa, le uscite erano ridotte al minimo necessario, le uniche forme di vita con cui abbiamo avuto un contatto sono stati i nostri genitori o i coinquilini, il gatto, la cassiera del supermercato più vicino a casa, abbiamo indossato o più o meno sempre gli stessi vestiti e il nostro hairstyle è ancora completamente fuori controllo.

Vedete anche voi una certa somiglianza con la povera Raperonzolo chiusa nella torre?
«Almeno Raperonzolo aveva un bel principe» obbietterà qualcuno, ma quanto ce ne ha messo a trovarne uno disposto a scalare quella torre solo per lei! È vero, un po’ di sano romanticismo e tante coccole sono mancati a tutti in questi lunghissimi mesi, ma se non altro noi, a differenza della Principessa Capellona, ne abbiamo di metodi per conoscere un bel principe o per tenerci un po’ più vicino al cuore quello che abbiamo già, e una buona soluzione ce l’abbiamo letteralmente a portata di mano.

Eh sì, perché per il sexting bastano uno smartphone e tutta la fantasia di cui disponiamo. Non è un’attività illecita: si tratta dello scambio di contenuti multimediali legati alla sfera del sesso in modo più o meno esplicito (questo lo decide chi lo pratica). La quarantena è stata una pacchia per le coppie conviventi, ma per tutti quei poveretti che si sono trovati a vivere lontani o che sono single questi giorni di solitudine sono stati una sorta di castità forzata.
Ed ecco che il sexting poteva rivelarsi un ottimo alleato per combattere la lontananza fisica, permetterci di conoscere qualche lato nascosto del nostro carattere o rinfrescare una storia di vecchia data.

Ma non temete, amici, anche se ora siamo più liberi potete ancora pensare di adottare questa pratica con chi più vi aggrada. Come per il sesso in generale, non esiste un manuale del galateo da seguire per intavolare una conversazione hot, ma forse qualche nozione basilare per i curiosi alle prime armi c’è.

Innanzi tutto dovete sentirvi pienamente a vostro agio con voi stessi e l’altra persona, l’intimità è una base che deve essere più che solida per lasciarsi davvero andare. Inoltre, assicuratevi che la predisposizione al sexting sia reciproca, non lanciatevi troppo presto nella condivisione di contenuti espliciti se non sentite una certa apertura all’argomento dall’altro capo del telefono.

Se si percepisce una certa insistenza indesiderata dall’altra parte o vi vengono impartite richieste che non vi sentite di soddisfare, ricordatevi che siete liberi di lasciar perdere quella conversazione. Quello non è sexting, è altro. Quando il gioco ha avuto inizio lasciate viaggiare la fantasia a briglie sciolte.

C’è chi preferisce dare vita ad una fantasia nascosta, chi si scambia immagini o video personali, chi preferisce un po’ di sano talk dirty, e molto gettonati sono anche i messaggi vocali; una voce suadente può scaldare l’atmosfera più di quanto si pensi.
Mai pensato ad una videochiamata? Non lascia tracce ed è un mezzo eccellente per stimolare molteplici i canali sensoriali (e vedersi in diretta vi darà modo di sentirvi molto vicini).

Il vero vantaggio è che potete farlo senza togliervi di dosso il pigiama o mentre vi guardate una puntata della vostra serie TV preferita (chissà, potrebbe essere proprio quella a stimolarvi). Regola d’oro: nel sexting tutto è concesso purché sia consapevole, consenziente e fatto con le migliori intenzioni e prestando molta attenzione quando si invia una foto privata: una volta finita nel web è incancellabile.

Superiamo i tabù: i messaggi hot esistono dall’alba dei tempi, mandarne qualcuno al proprio partner – che sia l’amore della vita o l’avventura di una notte – non fa di noi degli spregiudicati sporcaccioni.

Ilaria Cavallo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...