Giro del mondo in 26 articoli – Il magico Solstizio d’estate di Stonehenge

Continuiamo il viaggio di ThePassword alla scoperta di alcuni luoghi e celebrazioni uniche facendo un viaggio un po’ più a nord, a circa 14 ore in auto da Torino.
Il nostro itinerario oggi ci porta a Salisbury, nella contea del Wiltshire, dove sorge uno dei siti preistorici più conosciuti e misteriosi della storia dell’umanità: stiamo parlando di Stonehenge.

Il vero mistero riguarda la sua stessa edificazione che ancora non è stata stabilita con certezza.
È certo che sia stato costruito in due momenti differenti come testimoniano la struttura circolare esterna, un recinto circolare di terra detto “henge” datato circa 5000 anni fa al quale furono aggiunte le celeberrime pietre verticali nel tardo neolitico – tra il 3000 e il 2500 a.C.
La cosa più sorprendente è che queste pietre pesano mediamente 25 tonnellate, e gli scienziati ritengono che le “bluestones” provengano dalle colline di Preseli a sud ovest del Galles, a circa 200 miglia da Stonehenge.
È tuttora ignota la funzione originale del sito, ma sono in molti a ritenere che si trattasse di un punto di osservazione astronomica, altri un luogo sacro per i culti druidici (non a caso Goffredo Monmounth ha raccontato nel suo ciclo arturiano che sia stato Merlino a trasportare i massi, e com’è ben noto questo è il più famoso druido della letteratura).

download

Quest’ultimo elemento sembra accattivare maggiormente l’attenzione di milioni di visitatori annui che vi si recano per cogliere l’aurea magica che aleggia sulle antichissime rocce.
Il momento migliore per cogliere la magia è il Solstizio d’estate, il giorno della luce e del fuoco in cui viene festeggiato il momento in cui il sole raggiunge l’emisfero nord con il minimo dell’inclinazione e dunque la luce trionfa sull’oscurità.
È un giorno ritenuto speciale per molte culture in cui si tengono festeggiamenti volti alla celebrazione di prosperità, purezza e amore, e Stonehenge si trasforma in principale meta di pellegrinaggio in cui una folla numerosa si accalca per vedere il sorgere del sole dietro la Heel Stone.

Sulla base di prove archeologiche si ritiene che la Heel Stone, un trilite a porta situato a nord-est del sito, sia il luogo ideale in cui cogliere il sole cadere sull’altare centrale offrendo il “segno celeste” del passaggio dalla primavera all’estate. Ed è proprio per cogliere quel momento ritenuto carico di magia che a Stonehenge si raduna ogni anno un autentico movimento spirituale collettivo i cui partecipanti salutano l’alba con danze tribali e suonando tamburi.
Il solstizio d’estate è percepito come un evento così significativo che per permettere a tutti i “pellegrini” di sentire appieno la forte carica energetica del plesso è permesso loro in via eccezionale di toccare le antichissime rocce del sito, e sono in molti ad aver raccontato di aver percepito una particolare energia spirituale al solo contatto.

tonehenge durante la notte


I principali frequentatori a questo evento unico sono Druidi, Pagani e praticanti della religione Wicca poiché, secondo le loro usante, possono percepire una connessione diretta con le forze della natura e della madre terra.

Ilaria Cavallo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...