Gaga: una danza per tutti

Gaga è il rivoluzionario linguaggio del corpo che il coreografo israeliano Ohad Naharin ha ideato e sviluppato a partire dagli anni Novanta. Sebbene il codice corporeo sia nato come riscaldamento quotidiano della rinomata compagnia di danza contemporanea Batsheva Dance Company, ad oggi il metodo Gaga rappresenta tanto altro. Il training consiste in un’inesauribile ricerca di sensazioni e immagini attraverso cui tanto un danzatore quanto una persona comune può avvicinarsi al proprio mondo interiore. Il metodo si presenta quindi più simile ad una terapia, non limitandosi ad essere solo il codice di movimento di una delle compagnie più attive a livello internazionale e di cui proprio Naharin è stato direttore artistico e primo coreografo fino al 2018.

Gaga vanta di un idioma tutto suo, formato da vocaboli inventati dallo stesso Ohad durante il suo percorso in qualità di ballerino, insegnante e coreografo. Secondo il sistema da lui congeniato, ad ogni termine Gaga corrisponde un solo concetto riguardante una qualità di movimento (come collapsed into movement per assecondare la forza di gravità prima di prendere a muoversi) o una precisa immagine psico-fisica (come cold shower per immaginare di essere sotto una doccia fredda ed associare movimenti rapidi e minuti).
Già da questi esempi si evince che Gaga non è una tecnica e non comprende passi da imparare, poiché l’estetica viene completamente abbandonata (gli specchi non mai sono consentiti) a favore di sensazioni individuali che prendono forma attraverso il corpo.

https://www.gagapeople.com/en/

È lo stesso Ohad ad aver affermato che fu proprio il lavoro con le persone “normali” (vale a dire prive di un backgroud coreico) ad aver incoraggiato la sua ricerca. Quando il metodo era ancora in via di definizione, alcuni membri dello staff della Batsheva avevano espresso il desiderio di prendere parte alla lezioni di Naharin e così ne nacque una nuova varietà destinata a persone “comuni”.
Ad oggi esistono diverse modalità: Gaga/people per non danzatori, Gaga/dancers per ballerini professionisti, Gagadim dedicato esclusivamente ai bambini ed infine Gaga/seated da svolgersi interamente da seduti.

Il ritrovarsi di fronte a non danzatori di ogni età ha offerto a Ohad l’opportunità di trovare un corrispettivo concreto e universalmente comprensibile al suo immaginario corporale. Da questa esperienza deriva la genesi di molte delle figure Gaga che sono poi entrate a far parte del linguaggio. Si riporti come esempio l’espressione spaghetti in boiling water, che suggerisce la condizione senza forza del corpo paragonato agli spaghetti che bollono nell’acqua, un’immagine di cui tutti possono fare esperienza.

Ma quindi in cosa consiste una classe di Gaga? Un’ora e quindici minuti in cui tutti i partecipanti si muovono ininterrottamente seguendo la voce dell’insegnante (di genere posizionato al centro della stanza) che guida l’intera sessione a partire dalla grammatica dell’idioma.

Da marzo 2020 le lezioni Gaga sono fruibili anche online, non solo per affrontare la profonda crisi in cui verte il mondo della danza a livello globale, ma anche per dare l’opportunità ad un numero sempre più ampio di persone di poter intraprendere l’incredibile viaggio tra mente e corpo che Gaga offre.

Federica Siani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...