La Nuova Officina della Danza. Una realtà torinese dal gusto internazionale

La Nuova Officina della Danza è un’associazione attiva sul nostro territorio regionale sotto la direzione artistica di Silvana Ranaudo ed è riconosciuta in tutto il mondo come centro di assoluta eccellenza della danza contemporanea. Il passaparola sull’associazione cresce di anno in anno, facendo aumentare le richieste e, di conseguenza, anche la sua visibilità e quella della città di Torino.

La Nuova Officina della Danza nasce nel 2007 dalla chiusura de l’Officina della Danza, la prima associazione fondata da Silvana Ranaudo, che già proponeva corsi di danza classica, tecnica moderna, capoeira e tip-tap per tutte le età. Solo quando la Ranaudo decise di rinnovare la sua proposta, iniziò un lento percorso di ricerca che, poco più tardi, avrebbe fatto conoscere alla realtà torinese le importanti innovazioni coreiche in atto nel panorama internazionale. I primi passi della nuova associazione sono stati mossi con il contributo di maestri dal calibro di Max Stone, Ganin Loringett, Steve LaChance, Virgilio Piztalis, fino ad instaurare consolidate collaborazioni (ancora valide) con svariate compagnie rinomate tra cui Kidd Pivot, Batsheva Dance Company, Hofesh Shechter e non solo.

L’ICD Program (International Contemporary Dance Program), che la NOD formula per aspiranti danzatori almeno maggiorenni, è suddiviso in tre trimestri durante i quali sono studiate varie tecniche coreiche con un ricambio settimanale o bisettimanale, a discrezione dell’insegnante e della direzione artistica. Ciò significa per lo studente essere incessantemente stimolato da stili e repertori molto eterogenei tra loro, spaziando da Pina Bausch a William Forsythe, da Kidd Pivot a Ohad Naharin. A questa variegata offerta formativa si aggiunge lo studio della tecnica classico-accademica con l’insegnante Veli Pekka Peltokallio.

La missione che si propone la NOD è quella di creare uno spazio protetto ma professionale in cui il danzatore possa ricevere strumenti di aggiornamento, evoluzione e consapevolezza per mezzo del quale sviluppare un’identità artistica, nel totale rispetto del corpo di ogni individuo. Inoltre, la NOD, essendo capace di attirare danzatori provenienti da ogni parte del mondo, permette un continuo scambio, avvicinamento e dialogo non solo di linguaggi coreici, ma di culture così diverse tra loro.

Da poco la sede della Nuova Officina della Danza si è spostata in Via Mantova 34 (Torino) con tre sale ampie e luminose pronte ad ospitare la programmazione futura, che prevede anche l’inserimento di lezioni pomeridiane rivolte ai ragazzi dai 12 anni. Peraltro il 1 luglio è iniziato il Summer Program, riportando, finalmente, a Torino i migliori danzatori e coreografi internazionali, rimasti per quasi un anno forzatamente lontani dal nostro Paese.  

Se sei un danzatore professionista o ancora dilettante, se sei un esperto o solo curioso di questa realtà torinese, ma così squisitamente internazionale, non ti resta che visitare il sito www.nuovaofficinadelladanza.org o scrivere alla mail: dancenod@gmail.com.

Federica Siani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...