TOward2030 – Il Goal 10: Ridurre le disuguaglianze

Il Goal 10 dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile (programma d’azione “per le persone, il pianeta e la prosperità” sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU), ha l’obiettivo di ridurre le disuguaglianze tra i Paesi e al loro interno.

Non si parla solo di disuguaglianze di tipo economico, sebbene a livello globale si registri una notevole disparità nella distribuzione della ricchezza tra i diversi Paesi del mondo: il decimo obiettivo dell’Agenda, infatti, vuole concentrarsi su ogni tipo di disuguaglianza, anche quelle che riguardano “età, sesso, disabilità, etnia, origine, religione, status economico o altro”, come riporta il progetto stesso.

https://www.globalgoals.org/10-reduced-inequalities

L’Agenda 2030 ha suddiviso questo goal in dieci target (fonte ASViS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile) che fanno riferimento a tutte le forme di discriminazione e disuguaglianza che si prendono in considerazione. Ecco cosa ci chiede l’Agenda per il 2030, come riportato dal documento ufficiale!

10.1 Raggiungere e sostenere progressivamente la crescita del reddito del 40% più povero della popolazione a un tasso superiore alla media nazionale.
10.2 Potenziare e promuovere l’inclusione sociale, economica e politica di tutti, indipendentemente da età, sesso, disabilità, razza, etnia, origine, religione o condizione economica o di altro tipo;
10.3 Garantire pari opportunità e ridurre le disuguaglianze di risultato, anche eliminando leggi, politiche e pratiche discriminatorie e promuovendo leggi, politiche e azioni appropriate al riguardo;
10.4 Adottare politiche, soprattutto fiscali, salariali e di protezione sociale, e raggiungere progressivamente una maggiore uguaglianza;
10.5 Migliorare la regolamentazione e il monitoraggio delle istituzioni e dei mercati finanziari globali e rafforzarne l’attuazione;
10.6 Garantire una maggiore rappresentanza e voce per i paesi in via di sviluppo nel processo decisionale nelle istituzioni economiche e finanziarie internazionali globali al fine di fornire istituzioni più efficaci, credibili, responsabili e legittime;
10.7 Facilitare la migrazione e la mobilità delle persone in modo ordinato, sicuro, regolare e responsabile, anche attraverso l’attuazione di politiche migratorie pianificate e ben gestite;
10.A Attuare il principio del trattamento speciale e differenziato per i paesi in via di sviluppo, in particolare i paesi meno sviluppati, in conformità con gli accordi dell’Organizzazione mondiale del commercio;
10.B Promuovere l’aiuto pubblico allo sviluppo e i relativi flussi finanziari, compresi gli investimenti esteri diretti, agli Stati dove il bisogno è maggiore, in accordo con i loro piani e programmi nazionali;
10.C Ridurre a meno del 3% i costi di transazione delle rimesse dei migranti ed eliminare i corridoi di rimessa con costi superiori al 5%.

(Fonte dei target: https://www.globalgoals.org/10-reduced-inequalities)

GOAL 10

GOAL 10 – Via Plana 10, Torino
Fabio Petani
Amylum, triticum & oryza sativa

L’artista dell’opera di street art che celebra il Goal10 nell’ambito del progetto TOward2030 della città di Torino, in collaborazione con Lavazza, è Fabio Pletani, torinese. Pur non provenendo dal mondo del writing e della street art, Pletani ha praticato il muralismo urbano come estensione della pittura.

Nelle sue opere, spesso rappresentanti elementi naturali e botanici, forme e volumi si integrano e sovrappongono fra loro, in un insieme di linee e immagini: in Amynum, dove si ritrovano queste caratteristiche, l’artista voleva trasmettere un senso di armonia e serenità.
In quest’opera, come egli stesso ha dichiarato

[…] le forme geometriche interagiscono con gli elementi botanici in modo tale da creare uno scorcio di quello che è l’alchimia. Tra di loro si mischiano, modificandosi: quando la pianta incontra una delle parti geometriche muta, da incisione diventa sagoma o viceversa.

Il fine principale del mio lavoro è quello di ricercare l’equilibrio armonico che accolga l’occhio dell’osservatore e lo immerga in uno spazio dove la natura detta i tempi e lo distoglie momentaneamente dalla frenesia che ci circonda.

(Fonte: https://www.lavazza.it/it/landing/toward-2030/goal-10.html)

Elena D’Elia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...