La Contea: un progetto di My Hobbit Life

Se siete fan del “Signore degli Anelli” avrete già immaginato, almeno una volta, di trovarvi in una verde contea, con attorno a voi tante persone allegre e gentili pronte ad offrirvi birra e ogni sorta di buon cibo. Una tale visione potrebbe essere il sogno di molti – lettori fantasy e non – e c’è una buona notizia: un luogo simile esiste già, e si sta espandendo.

Si trova in Abruzzo, precisamente nel paese di Bucchianico, si tratta della Contea Gentile. L’ideatore è Nicolas Gentile, un geologo e pasticcere di 37 anni che ha deciso di realizzare il suo personale sogno di vivere nel modo in cui aveva letto essere tipico dei mezzuomini descritti da Tolkien. Ispirato, quindi, dai valori e dallo stile di vita che sentiva suoi, ha comprato un terreno di due ettari nel 2018. Al momento la Contea presenta la “Casa Gentile” e una area naturale in cui è all’opera la cura e la piantumazione di alberi vecchi e nuovi, la costruzione di staccionate, ponticelli e nuovi sentieri.

La Contea è diventata il luogo in cui l’ospitalità e la vita di campagna in comune sono protagoniste. La famiglia Gentile ha ospitato svariati eventi: la prima festa diventata nota è stata la celebrazione del compleanno di Bilbo Baggings, che ha attirato – e richiama ancora – numerosi fan della saga. Le porte sono aperte ai visitatori a prescindere dagli eventi. Tutti possono godersi la quotidianità della famiglia Gentile: vestiti da contadini, natura, serenità.

un post della pagina ufficiale del progetto (@_myhobbitlife_)

Come si può vedere seguendo la sua pagina Instagram, il progetto sta crescendo. Vengono ospitate sempre più persone e per rendere l’esperienza aperta al maggior numero possibile, l’obiettivo è creare una vera piccola Contea, alla cui realizzazione manca solo la costruzione delle case. È iniziata una raccolta fondi a tal fine pochi giorni fa e, per pubblicizzarla, Nicolas e un gruppo di amici vestiti come i personaggi della storia hanno percorso a piedi 200 km, da Bucchianico al vulcano Vesuvio, “il monte Fato”, attirando l’attenzione sul sogno che potrebbe ormai esser vicino all’esaudirsi.

A causa dei diritti d’autore il termine “Hobbit” non è usato nel progetto ufficiale. Le case non saranno perfettamente uguali a quelle dei film, ma costruite con la medesima logica: le finestre e le porte rotondeggianti e semi-sotterranee, saranno loro ad ospitare i visitatori in quello che non sarà un semplice villaggio per le vacanze. Ciò che conta di più è in realtà la parte non materiale, l’aria che si respirerà, l’atmosfera, che sarà quella per cui l’Hobbit Gentile ha iniziato il folle progetto fin dall’inizio e ha condiviso con più persone possibili.

Anna Franzutti

Foto di copertina: https://www.vanillamagazine.it/hobbiton-la-contea-esiste-e-in-nuova-zelanda/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...