Dietro le quinte dell’Eurovision

Il 10, il 12 e il 14 maggio andrà in onda la sessantaseiesima edizione dell’Eurovision Song Contest, orgogliosamente ospitata dalla nostra Torino presso il Pala Olimpico. Non tutti sono a conoscenza che il vero Contest sia iniziato effettivamente il 30 aprile scorso, aperto esclusivamente alla stampa accreditata e agli addetti ai lavori: «The Password», in quanto membro ufficiale dell’Online Press Center, ha avuto la possibilità di partecipare alle conferenze stampa e di vedere in anteprima le prove generali delle esibizioni.

Curiosità sulle delegazioni

Per quanto riguarda i Paesi partecipanti all’edizione 2022, si sono verificate non poche polemiche, in particolar modo legate all’esclusione della Russia in seguito all’offensiva condotta ai danni dell’Ucraina, rimasta in gara con il brano Stefania dei Kalush Orchestra. Un totale di ben quaranta delegati, ognuno pronto a condividere le proprie emozioni con il pubblico.

Tra essi, la cantante greca Amanda Geōrgiadī Tenfjord, la quale in conferenza stampa ha dichiarato di dedicare la propria esibizione alla nonna, la sua prima sostenitrice. Michael Ben David, delegato di Israele, spiega di avere particolarmente a cuore la questione russo-ucraina per via delle radici materne nel territorio e di parte della famiglia attualmente in pericolo. Non solo, il cantante dimostra un’energia incontenibile ed è orgoglioso di rappresentare non solo il proprio Paese, ma anche la comunità LGBTQ+ di cui fa parte.

La Macedonia del Nord sarà rappresentata dalla cantante Andrea Koevska, cresciuta nel quartiere di Harlem a New York e laureata presso la facoltà di musica dell’Università di Skopjen, entrambe importanti esperienze formative per la sua arte e che consentono ai media di etichettarla come la “futura Billie Eilish”. Nel corso della conferenza stampa, Andrea ha risposto a una nostra domanda sul suo percorso universitario, disponibile qui (min. 13:45).

La questione linguistica quest’anno salta particolarmente all’occhio per via di alcune scelte originali: la Francia presenta un brano femminista interamente in lingua bretone, interpretato da Alvan e la girlband Ahez dal titolo Fulenn, termine che significa “luccichio” ma anche “donna bellissima”. Non solo, il cantante romeno WRS decide di omaggiare la Spagna cantando il ritornello di Llámame in castigliano, lingua da lui molto amata in quanto confida di esser stato un giovane consumatore di telenovelas insieme alla mamma e alla nonna. Il Portogallo, rappresentato dalla band Maro con la canzone Saudade Saudade, una parola non traducibile alla perfezione in Inglese e particolarmente simbolica della cultura lusitana.

Per la prima volta, sul palco dell’Eurovision Song Contest si esibirà anche un giovane calciatore: si tratta di Jérémie Makiese, cantante belga grande fan di Michael Jackson (a cui verrà dedicata una piccola citazione durante la performance), dichiara di non poter immaginare la sua vita senza la passione per la musica e per il pallone, due carriere inseparabili.

https://www.imago-images.com/bild/st/0158355886/s.jpg

Italy everywhere

Oltre ad essere lo stato ospitante, l’Italia è in un certo senso la vera protagonista di ESC2022.
A partire dallo slogan “The sound of beauty che richiama la bellezza dell’arte e della moda nazionale, moltissimi cantanti sono legati o hanno una passione per il Bel Paese. Achille Lauro è certamente l’emblema della fratellanza tra Italia e San Marino, nazione di cui farà le veci con il brano Stripper, un inno rock all’amore anticonformista tra un uomo stripper e una cowgirl. E se vi steste domandando se ci sconvolgerà sul palco con una performance fuori dagli schemi, preparatevi a un toro meccanico, fuochi d’artificio e al ritorno di Boss Doms, chitarrista e producer del brano.

Altro volto noto agli italiani è quello di Emma Muscat, maltese ed ex concorrente di Amici di Maria De Filippi, in gara con I am What I am. La band Reddi, che porterà in alto la bandiera danese con il brano The Show, dichiara invece di essere grande fan dei Måneskin e di tifare segretamente per la sanremese Brividi.

L’Austria verrà rappresentata da Pia Maria e Lum!x, giovane DJ di successo che nel 2019 ha remixato Monster con Gabry Ponte, confessa di essere rimasto colpito dal fascino di Superga e Piazza Vittorio. Altrettanto fiera della parentela tra la città sabauda e la propria nazione è Vladana, cantante montenegrina che si autodefinisce “Vladana The Savoia”: non molti sanno, infatti, che la Regina Elena, moglie di Vittorio Emanuele II, era anche principessa del Montenegro. Inoltre, la sua canzone Breathe è sfortunatamente figlia del periodo pandemico, poiché scritta in seguito alla morte della madre dell’artista a causa del Covid-19.

Infine, le strade di Torino sono state “abbracciate” da vari artisti per diffondere liberamente la propria musica e farsi conoscere dai cittadini. Oltre agli Eugenio in Via di Gioia, che da mesi scaldano i cuori sabaudi intonando Eurovision in Turin per le vie della città, i finlandesi The Rasmus sono tornati per un giorno cantanti di strada, aggirandosi per il centro storico con strumenti musicali alla mano. Dalla Norvegia, invece, i Subwoolfer hanno optato per un flashmob in Piazza Vittorio e una canzone ironica dedicata a Torino con un video TikTok girato in svariate zone comunali (fun fact: nella loro biografia di Instagram scrivono “Mamma mia, Torino capitale!”).

https://www.eurofestivalnews.com/wp-content/uploads/2022/05/Subwoolfer-e-Citi-zeni.jpg

Blanco e Mahmood, anticipazioni sulla loro performance

Nel corso della finale del 14 maggio si esibiranno Mahmood e Blanco con Brividi, canzone sulla difficoltà di esprimere i propri sentimenti nelle relazioni e, in un certo senso, dedicata all’amore universale. Durante le prove generali Mahmood dava consigli a Blanco su come scaldare la voce seguendo al meglio le istruzioni della loro vocal coach. La loro sarà un’esibizione molto intima, con chiaro-scuri luminosi a contrasto con gli outfit, simile a quella di Sanremo, ma più suggestiva. Per rispettare il regolamento che prevede canzoni di massimo tre minuti, il brano è stato riarrangiato rispetto alla versione originale: per l’occasione Mahmood inizierà a cappella e il ritornello finale subirà un piccolo taglio.

https://www.eurofestivalnews.com/wp-content/uploads/2022/05/Mahmood-Blanco-Torino-Eurovision.jpg

La settimana dell’Eurovision Song Contest 2022 è ufficialmente aperta e non resta che lasciarci sorprendere dalla musica internazionale, pronti a confrontarci con stili, lingue e cantanti nuovi, facendo il tifo per la nostra canzone preferita e celebrando la fratellanza e l’unione con gli altri Paesi.  

Giulia Calvi

Crediti immagini di copertina : Eurovision world

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...