Distorsioni mediatiche

La disinformazione è ormai parte della società ed è l’ingrediente principale di questi ultimi mesi nella propaganda russa.

Riceviamo una quantità talmente grande di informazioni al giorno d’oggi che non sappiamo più distinguere il vero dal falso. I tweet e le storie che scorriamo annoiati, i titoli contraddittori dei giornali e i video manipolati ci attirano e al contempo ci confondono.

A parlarne è la nostra redattrice Maria Ottaviano nel suo articolo “Distorsioni mediatiche”.

#socialmedia #fakenews #disinformazione #misinformazione #disinformation #verità #propaganda #guerraucraina #ThePassword #ThePasswordUnito #unito

CocaWeb: Internet è così pericoloso?

In un mondo in cui web e nuovi media sono sempre più accessibili è normale nutrire una certa diffidenza verso questi territori così vasti e potenzialmente pericolosi. È intervenuto a riguardo il senatore di Forza Italia Andrea Cangini, che durante un’intervista tenuta nel corso del TG1 ha presentato il suo nuovo libro “CocaWeb”, lanciando un duro attacco al mondo di Internet che, a detta sua, provocherebbe dipendenze paragonabili a quelle causate dalle sostanze stupefacenti.
Ma le cose sono davvero così?
Il nostro redattore Marco Badini ci racconterà cosa è stato detto in questa intervista, proponendo anche il punto di vista opposto a quello del senatore, quello di chi il Web lo conosce più che bene.

#web #giovani #dipendenze #socialmedia #videogiochi

Photo dump: verso una nuova estetica social 

Scorrendo la home di Instagram non potete non esservi imbattuti in una delle ultime tendenze social. Stiamo parlando dei “photo dumps”: sequenze di foto o video spontanei, all’apparenza scelti casualmente, senza editing e una connessione logica precisa tra loro. Da Dua Lipa a Emma Chamberlain, l’autenticità sui social fa tendenza e diventa qualcosa da ostentare e di cui andare fieri.

A partire da un podcast di @clorindasgromo, influencer marketing manager, la nostra redattrice Rebecca ha scritto una riflessione su questo fenomeno e sul perché in realtà sia molto più “pericoloso” di quanto sembri.

Scopri di più nel suo nuovo articolo al link in bio!

#photodump #social #socialtrend #comunicazione #marketing #socialmedia #socialnetwork #autenticità #editing #instagram #positivitàtossica #toxicpositivity #instagramaesthetic #genz #digitalstrategy #content #contentcreator #thepassword #thepasswordunito #unito

@clorindasgromo @socialmedia.and.me

Social network e stereotipi

4 febbraio 2004, 21 marzo 2006 e 6 ottobre 2010: nell’ordine i giorni della creazione di Facebook, Twitter ed Instagram. Al loro arrivo tutti erano convinti che sarebbero stati in grado di annullare le distanze tra le persone e di aiutarle a legarsi tramite la condivisione di contenuti. Dopo anni, a conti fatti, il risultato del loro utilizzo smentisce le previsioni e correla all’utilizzo dei social l’alimentazione sempre più frequente di atteggiamenti lesivi tra gli utenti.

Perché accade tutto questo? Forse perché ad essere importante non è il mezzo in sé, quanto l’uso che se ne fa? Forse perché la creazione di una realtà virtuale ci ha disorientati a tal punto da non farci più percepire il reale peso delle emozioni che proviamo nella vita?

Con il suo nuovo articolo Valerio Abrami ci porta ad approfondire una tematica importante, con l’obiettivo di darci dei consigli per non far diventare nocivi degli strumenti nati come portatori di opportunità.

#socialmedia #socialnetwork #stereotipi #pregiudizi #hatespeech #haters #internet #thepassword #thepasswordunito #unito

Missing White Woman Syndrome e l’ossessione social per la vittima “perfetta”

Nel 2004 la giornalista americana Gwen Ifill conia il termine “Missing white woman syndrome” (Sindrome da donna bianca scomparsa) per indicare l’ossessione mediatica verso un certo tipo di vittima “perfetta”: donna, giovane e bianca.

Il recente caso Gabby Petito ha ampiamente dimostrato che questo tipo di attenzione da parte della stampa è prevalente e si è ovviamente allargata anche ai social.

Ci sono conseguenze tangibili e negative? A quanto pare si: la MWWS allontanerebbe l’attenzione da casi ugualmente importanti che meriterebbero lo stesso livello di allerta.

L’articolo è della nostra Daniela Carrabs.

#MWWS #GabbyPetito #GwenIfill #USA #influencer #social #socialmedia #crime #truecrime #vittima #vittimaperfetta #Twitter #TikTok #Italia #transfobia #TheVision #thepassword #thepasswordunito #unito

Poparazzi e BeReal, una nuova generazione di social

Sui social le vite patinate e perfette, opportunamente filtrate ed editate, hanno stancato. Gli stessi influencer spesso rompono la finzione e si mostrano vulnerabili, umani, autentici.

A questo sentito bisogno di spontaneità hanno saputo rispondere due nuovi social network: @poparazziapp e @bereal_app , capaci di scalare in poche settimane le classifiche degli store in America.

Come funzionano? Cosa si posta su questi nuovi social? E perché l’approvazione social(e) non è più solo una questione di likes e followers?

Ne parla Rebecca Boazzo nel suo nuovo articolo!

#socialnetwork #socialmedia #social #poparazzi #poparazziapp #bereal #spontaneità #selfie #influencer #amici #trend #genz

TAG
@poparazziapp @bereal_app @poparazziambassadors

L’indignazione al tempo dei social

L’indignazione è sempre esistita, ma oggi con la rete sembra essersi amplificata, fino ad arrivare a quello che è stato definito come uno “stato di perenne indignazione”.
Un piccolo fatto che nella realtà è trascurabile e insignificante, online può infatti scatenare una guerra di opinioni polarizzate.
Ma perché questo sentimento trova terreno fertile negli algoritmi dei social e in che modo può essere sfruttato positivamente?

A queste e altre domande cercherà di rispondere Rebecca Boazzo, nel suo nuovo articolo per The Password.

#indignazione #socialmedia #socialnetwork #guiasoncini #leradellasuscettibilita #grrreaction #marsilioeditore #perbenismo #slacktivism #politicallycorrect

Social media e vita reale: un confine al limite

Avete notato come i social influiscano sulla nostra emotività? Quanto una foto può influenzarci? Quanto i messaggi che non arrivano, il telefono che non squilla, possa rendere ansiosi o tristi? Avete mai smesso di studiare, lavorare o un attività che state facendo per guardare un social senza nessun motivo?

A tutto questo c’è una spiegazione. Il mondo di internet che ci ha ormai condizionato completamente dovrebbe essere più consapevole, il tutto si riduce ad un “consumo consapevole di informazioni”.

#Thepasswordunito #thepassword #informazioneonline #giornalismo #comunicazioneonline #socialmedia #socialnetwork

I profili social tra attivismo e leggerezza

I social sono un mezzo di diffusione potentissimo ed è giusto sfruttarlo il più possibile per le ragioni giuste. @anna_franzu oggi ci presenta quattro interessanti profili di due coppie torinesi, che utilizzano la loro fama per normalizzare la realtà che vivono ogni giorno. Momo e Raissa ci mostrano le discriminazioni e i pregiudizi che affrontano nella loro vita di coppia mista, rispondendo sempre con ironia e astuzia all’odio. Giulia e il marito Andrea mettono invece in evidenza gli ostacoli che ancora si presentano a chi vive in carrozzina, senza però lasciare che questi siano una ragione per abbandonare il loro sogno: visitare tutte le meraviglie del mondo.
#annafranzutti #thepassword #unito #profili #attivismo #positività #pregiudizi #razzismo #disabilità #viaggiare #ironia #tiktok
@raissarussi @mibayed @_giulia_lamarca @ted

#CancelEminem

Ennesima polemica fuoriuscita dalla #cancelculture. Oggi la questione si è consumata tra #tiktok e #twitter, dove i membri della #generazionez hanno trovato nuovo spunto per la loro indignazione. Stavolta a finire sotto accusa sono i testi di #eminem, accusati di misoginia e di istigazione alla violenza domestica. Chi sta leggendo ed è fan di Slim Shady si starà chiedendo dove sia la novità. Ebbene, la novità stavolta consiste nell’intenzione di voler cancellare definitivamente qualsiasi traccia della carriera di Eminem, intenzione proveniente da una fascia di utenti sempre più impegnata in polemiche di questo genere. @antonioruggiero, in questo articolo, ci parla di cosa è successo.

#eminem #tiktok #genz #zoomers #thepasswordunito #unito #linkinbio