50 anni marciando

Sedersi in un bar, ordinare un caffè, salire sul pullman e scegliere un posto a sedere, camminare per strada, andare al cinema, frequentare l’università, scegliere per quale candidato votare, immaginare il proprio futuro.
Sono e sembrano banalità della vita quotidiana, di una normalità per cui cinquant’anni fa migliaia di statunitensi e di afroamericani si sono riuniti per partecipare ad una lunga marcia in Alabama. Partenza Selma, arrivo Montgomery. La marcia per i diritti civili dei cittadini afroamericani iniziò il 7 marzo 1965, ma all’altezza dell’ Edmund Pottes Bridge i manifestanti vennero caricati dalle forze di polizia statunitensi, rendendo tristemente nota l’inizio di quella manifestazione civile e pacifica come Bloody Sunday.
Centinaia i feriti dai manganelli, dagli insulti, dall’opposizione insensata e razzista alla loro richiesta di eguaglianza dei diritti.
Le violenze subite quella domenica non fermarono il bisogno di affermare la propria esistenza e i propri diritti; la settimana successiva la marcia riprese ed attraversò quel fatidico Edmund Pottes Bridge per poi tornare indietro, simboleggiando in questo modo la capacità di superare il dolore e la sofferenza per il bene di tutti.

La terza marcia partì il 17 marzo 1965, 54 miglia (87 km) percorsi a piedi da Selma a Montgomery, una marcia ordinata e protetta dall’esercito e dalla guardia nazionale dell’Alabama, oltre che dalla legge e dalla sentenza emessa dal giudice federale Johnson, il quale ritenne, finalmente, che il Primo emendamento andasse applicato anche agli afroamericani.

Il 25 marzo 1965, 25.000 manifestanti raggiunsero la capitale dell’Alabama  e ascoltarono la risposta di Martin Luther King alla loro domanda:

How long? Not long.

50 anni dopo quella lunga e faticosa marcia per l’eguaglianza civile di statunitensi di colore e non, gli Stati Uniti vivono ancora episodi di violenza contro gli afroamericani. I casi di Ferguson e del Wisconsin arrivano a ricordarci che forse questa marcia non dovrebbe essere celebrata solo come un evento del passato, ma che debba continuare ancora oggi.

How long?

Si spera ancora non molto.

 

Cecilia Marangon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...