Intervista a Stefano “Kaneda” Gargano, autore di Due Cuori e una Gatta e non solo!

Stefano Gargano, in arte Kaneda, è la mente e la matita dietro a Due Cuori e una Gatta, il webcomic con protagonista La Gatta. Lo abbiamo incontrato per una conoscere meglio il suo lavoro.

pwd
Kaneda saluta così The Password e i suoi lettori

Sono 10 anni che racconti sul web le gioie e i dolori dell’avere un gatto in casa. Come descriveresti questa lunga e “gattosa” avventura, tra blog e case editrici?
Il fumetto narra storie di vita reale (a dire il vero leggermente romanzate…) che capitano tra le mura di casa. Due Cuori e una Gatta è riassumibile nella frase “una vita di coppia con una morbidissima terza incomoda” e sono appunto undici anni ormai che, grazie a mia moglie, ho iniziato a disegnare questo fumetto. La passione per il fumetto c’è sempre stata, ma come lettore. Intorno ai 33 anni (non è mai troppo tardi per fare qualcosa) ho deciso di provare a realizzare una storia tutta mia. Ho quindi frequentato un corso di fumetto organizzato dal Comune di Milano per avere almeno un’infarinatura delle tecniche di base. E’ stato l’esame finale del corso che ha fatto nascere “Due Cuori e una Gatta”. Era necessario realizzare una breve storia di quattro pagine. Io avrei voluto realizzare una storia fantasy di ampio respiro, ma il progetto si rivelava assolutamente al disopra delle mie capacità di allora. Fu proprio mia moglie Veronica che mi suggerì invece di realizzare alcune strisce con le cose divertenti che faceva la nostra Gatta in casa. Io ero appassionato di strisce, i testi li avrebbe “scritti” la gatta e i disegni sarebbero stati sicuramente più semplici da realizzare. Da allora il fumetto è decollato, riuscendo a raggiungere una buona nicchia di fedelissimi lettori che oggi si raccolgono sulla pagina Facebook ufficiale, che ha raggiunto quasi i 13.000 fan. Nel frattempo sono riuscito anche a pubblicare sette libri per Shockdom e per Fazi editore con la raccolta delle migliori strisce. Sicuramente un risultato di tutto rispetto per un appassionato di fumetto.

La Gatta del fumetto è la tua gatta, giusto?
Assolutamente sì. la Gatta è la versione “fumettata” di Pallina, il felino di casa. Devo dire che  sono riuscito a riportare perfettamente su carta il suo carattere. Una pigrona alla quale piace dormire, mangiare e comandare. E bacchettarmi quando non la servo bene secondo il suo insindacabile giudizio!

Ti è mai capitato che un lettore ti dicesse essersi ritrovato in una delle situazioni disegnate da te ma con il proprio felino? In fondo i padroni umani (anzi “stupidi umani”) delle tue strisce sono senza nome proprio per permettere a chiunque di ritrovarsi nelle varie situazioni, o sbaglio?
A dire il vero i personaggi sono senza nome perché non volevo dare una vera descrizione della mia vita privata. Volevo mettere i personaggi ed esasperare le situazioni ma non creare un blog grafico sulla mia vera vita come altri autori di webcomic facevano dieci anni fa. E poi, diciamolo, la protagonista è una sola: la Gatta. E “La Gatta” è proprio il nome con il quale è oggi conosciuta. Comunque hai ragione tu. Tra i miei lettori è pieno di “due cuori con uno o più gatti” che si riconoscono nelle vicende descritte nel fumetto e che mi scrivono, mi raccontano le loro peripezie e mi mandano le foto dei loro felini. Noi “stupidi umani” siamo molti di più di quanto pensiamo. E i nostri “padroni felini” sono tutti severissimi!

Con Due Cuori e una Gatta ti sei diviso tra più case editrici, con molti volumi editi da Shockdom e Sua Felinità con Fazi Editore, ma questo non è il tuo unico fumetto. Ci dici qualcosa sulle tue serie e mini serie e soprattutto su DarK?
L’appetito vien mangiando, si dice. In effetti iniziando a disegnare, mi sono venute in mente altre storie, nuovi personaggi e ho spesso realizzato altre serie e miniserie tra le quali mi piace ricordare Goldfish & Silver Cat, strisce alla “Tom & Jerry” con protagonisti un gatto e un pesce rosso. Poi, Cose dell’altro mondo nei quali gli alieni Prot e Zorg visitano il nostro pianeta, prendendo in giro le trasmissioni televisive come Voyager e Mistero e le varie mitologie legate agli UFO. In tempi molto recenti ho ripreso la mia idea iniziale di realizzare un fumetto fantasy ed è nato quindi dai toni molto scuri e per niente umoristici. Dopotutto stiamo parlando del Medioevo! Al momento ho finito il primo lungo episodio che è possibile leggere su Facebook e sto scrivendo il seguito. Non è rapido da realizzare come le strisce, quindi i lettori dovranno avere ancora un po’ di pazienza.

Se interessati a seguirlo, visitate la Pagina Facebook Due cuori e una Gatta.

Emilia Scarnera