“In a Heartbeat”: un corto, due ragazzi e un cuore

Chi è particolarmente interessato ai lavori di animazione e alla sua community online, sicuramente in questo ultimo anno e mezzo si è imbattuto almeno una volta in “In a Heartbeat“.

in-a-heartbeat.-poster

Il corto animato è stato finanziato tramite Kickstarter, arrivando a raccogliere 14mila dollari rispetto ai 3mila richiesti inizialmente. Il corto fa parte del progetto di tesi di Beth David e Esteban Bravo, due studenti del Ringlind College of Art and Design. Inizialmente era prevista la sua uscita in primavera ma il ritardo non è stato così lungo, alla fine, dato che è stato pubblicato gratuitamente su Youtube il 31 luglio. Il corto era così atteso da già una ben nutrita fanbase tanto da vantare, in appena una settimana dalla sua pubblicazione su Youtube, ben 19 milioni di visualizzazioni.

Il motivo del successo? Sicuramente l’estetica e l’eccellente qualità dell’animazione che non ha nulla da invidiare ai famosi corti Pixar. Una nota di merito va anche alla colonna sonora molto dolce, che accompagna i quattro minuti del corto “muto”. Ma non solo. “In a Heartbeat” porta avanti un tema ben preciso, senza confusione alcuna: l’amore omosessuale, ma in una maniera nuova e speciale. Il protagonista di questo corto è un timido ragazzino dai ricci rossi che ha una cotta per un suo compagno di scuola. Il protagonista probabilmente farebbe a meno di dichiararsi, ma il suo cuore letteralmente prende vita e non è dello stesso avviso. Degna di nota è sicuramente l’età dei protagonista, dato che solitamente questo tipo di storie, quando vengono proposte, riguardano personaggi adulti. La cosa meravigliosa di questo corto è che potremmo immaginarci i protagonisti di qualsiasi sesso e non cambierebbe niente, perché è proprio questo il punto: l’amore è amore. L’amore ci fa agitare, ci fa fare figuracce, ci fa mettere davanti alle nostre paure, ci può spezzare il cuore… e può farci felici.

Di certo questo successo non può che riconfermare le incredibili potenzialità del web per i progetti indipendenti o “indie”, ma fa anche riflettere su come certi temi più che attuali non vengono assolutamente toccati dalle grandi case produttrici. Questione di coraggio o forse è giunto il momento per tutti di venire a patti su certi temi? L’amore è amore e basta…un heartbeat.

Il corto animato è disponibile su Youtube cliccando qui.

Emillia Scarnera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...