7 buoni motivi per cui imparare a suonare uno strumento musicale

Quanto può influire la musica sulla nostra vita di tutti i giorni? Considerato che tanti di noi ne ascoltano nei momenti più disparati della giornata e che tutto attorno a noi può essere usato come uno strumento musicale, dagli oggetti più semplici, sfruttati come percussioni, alle nostre corde vocali, perché mai dovremmo scomodarci a studiare musica?

1. Imparare cose nuove

Sembra scontato ma qualunque nuova attività, anche la più insolita o la meno gradita, può insegnarci qualcosa di inaspettato. Le difficoltà tecniche e lo scoraggiamento dovuto ai piccoli fallimenti saranno sempre dietro l’angolo, ma ogni nuovo successo e soddisfazione, nel vedere finalmente i risultati del proprio impegno, saranno in grado di ripagare tutto (o quasi).

2. Sviluppare l’autodisciplina

Se, come molti, siete persone super-organizzate in grado di raggiungere qualunque obiettivo vi siate prefissati, saltate pure questo punto. Se invece, come chi scrive, talvolta fate fatica a finire ciò che avete iniziato o vi fate prendere dalla pigrizia, imparare a suonare uno strumento sarà la cura perfetta per voi. Senza pazienza e costanza, purtroppo, ottenere risultati che vi soddisfino sarà un po’ più difficile (anche se non del tutto impossibile). Ponetevi dei piccoli obiettivi quotidiani – anche qualora si tratti di suonare solo cinque note in tutto – e abituatevi a rispettarli: sarà un ottimo addestramento (utilissimo in tantissimi altri ambiti della vostra vita), ve lo possiamo assicurare.

3. “Attenzione, concentrazione, ritmo e…”

Come recita il ritornello di questa vecchissima canzone, più tenterete di mettervi alla prova suonando brani sempre più complessi e più dovrete tenere conto di molti elementi: intonazione, ritmo, precisione etc. Non abbiate fretta, prendetelo come un gioco – ma siate precisi – e vedrete che la vostra concentrazione, così come la capacità di gestire più fattori contemporaneamente e di usare i vostri sensi per percepire il mondo intorno a voi, migliorerà senza (troppo) sforzo; ricordate che la musica nasce dal silenzio, non potete pretendere di saper parlare se non siete in grado prima di ascoltare.

4. Migliorare il gioco di squadra

Non importa a quale famiglia appartenga il vostro strumento o quale sia il vostro genere preferito, dalla classica all’heavy metal: suonare significa essere parte di una squadra. Vi siete mai chiesti perché si insista così tanto sull’andare a tempo e l’essere intonati? Perché non siete soli. Mai. Che suoniate per voi stessi nella vostra stanza o che siate parte di un’orchestra o di una band e vi troviate su un palcoscenico di fronte a centinaia di persone, ci sarà sempre qualcuno (voi stessi in primis) ad ascoltarvi. E se è possibile commuoversi di fronte a melodie eseguite in perfetta armonia o farsi trascinare da un ritmo coinvolgente, è sicuro che la minima discrepanza, il più piccolo segnale che stiate cercando di “farvi i fatti vostri” invece che muovervi insieme agli altri si sentono. Eccome se si sentono.

5. Combattere la timidezza e sconfiggere la paura

Se fate parte di quei pochi fortunati sempre a loro agio in qualunque contesto e dotati di un’autostima della consistenza di un diamante,  di certo avrete delle difficoltà a immaginarvi quanto coraggio serva per esibirsi di fronte a qualcuno; tanto agli inizi, all’odiatissimo saggio di fine anno della scuola con i parenti che richiamano su di te le attenzioni più indesiderate e imbarazzanti della Terra, quanto più avanti, in un teatro gremito di gente e pieno di professionisti pronti a comparare ogni tuo passo alla loro personale idea di perfezione.

Ansia prima, dopo e durante, consapevolezza di essersi dimenticati non solo l’attacco del brano ma persino il proprio nome, e terrore di fare la figuraccia più grande della nostra intera esistenza di fronte a tutte le paia d’occhi e orecchie intenti a fissarci. E’ una lotta senza esclusione di colpi, ma ricordate che ogni passo falso, ogni sconfitta, ogni stupido errore può aiutarci a crescere. La perfezione non esiste, possiamo solo tentare di essere il più soddisfatti possibile del nostro lavoro e sapere che sì, ci abbiamo provato, e dopo ogni caduta ci rialzeremo sempre.

6. Ricevere e trasmettere emozioni

Inutile girarci attorno, la musica ha accompagnato l’uomo da sempre, possiede un fascino tutto suo e può veicolare praticamente qualunque genere di sensazione. Certo, per i principianti sarà difficile far combaciare questo concetto con le stecche che si prendono nove note sì e una (forse) no… ma più si andrà avanti e più lo si potrà percepire distintamente. Trasportare tutto ciò dall’interno di noi stessi all’esterno, verso chi ascolta, sarà sempre la più grande sfida, e riuscirci sarà una vera soddisfazione.

7. ….Divertirsi!

Ultimo, ma non per importanza, viene il motivo che deve guidare e sorreggere il vostro percorso musicale. Non l’autocompiacimento, né le aspettative altrui. A meno che non suoniate per lavoro (e anche lì, senza passione non andrete mai da nessuna parte), la musica vi accompagnerà attraverso moltissime esperienze, vi porterà a conoscere un sacco di gente nuova e, soprattutto, vi permetterà di crescere e migliorare facendo qualcosa che vi piaccia.

Valentina Guerrera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...