Amici… a prima vista: gli scienziati dicono che è possibile

L’amore è il sentimento più coinvolgente che l’essere umano conosce e sul quale più favole sono state scritte. Ma chi è lì, pronto a confortarci quando il nostro cuore si spezza?

Non possiamo spiegare perché, d’improvviso, accade che una persona ci attrae come fossimo calamite e diventa speciale per noi, nonostante sia appena entrata nella nostra vita: ed è proprio questa magia che ha reso l’amore da sempre poetico e affascinante.

Ma ci siamo mai chiesti perché quando il mondo sembra caderci addosso, quando ci sentiamo vuoti perché chi credevamo nostra certezza ci ha lasciati, troviamo proprio quella mano e quel sorriso pronto a farci sentire meno soli?

Ci siamo mai interrogati sulla magia che si cela dietro il sentimento dell’Amicizia?

Ci ha pensato un gruppo di psicologi della personalità in studi recenti: è possibile il colpo di fulmine “amicale”? Esiste un innamoramento in versione amicizia? Le risposte si trovano nel lavoro pubblicato sulla rivista “Social Psychological and Personality Science”: e sono affermative!

Secondo alcuni scienziati della Columbia University, il mistero è svelato dalla neurochimica: l’incantesimo che sembra verificarsi quando, chiacchierando con una persona per la prima volta, sono immediate le risate e la complicità, dipende da alcune reazioni chimiche ed ormonali dell’amigdala e della corteccia cingolata anteriore. La prima si attiva quando percepiamo un pericolo per la nostra sopravvivenza: è considerata, infatti, la parte del cervello che gestisce la paura; ed un amico, del resto, è proprio un rifugio quando ci sentiamo disorientati, soli, indifesi. La seconda, invece, fa riferimento all’area cerebrale che ci aiuta a prendere decisioni e ad attribuire un valore ed un significato a oggetti e persone: un’azione spesso inconsapevole e irrazionale e legata ai bisogni interiori, più profondi, che si fanno lenti del mondo con cui guardiamo alla realtà e al mondo e di conseguenza anche alle persone che incontriamo.

Dopo questa prima connessione, basata su giudizi poco meditati e guidati dall’istinto, solo il tempo potrà dirci se quel “colpo di fulmine” non consiste soltanto nel piacere di pochi istanti o se abbiamo trovato una vera amicizia duratura: lo studio, però, afferma che nel 70% dei casi la prima impressione è proprio quella giusta!

Francesca Ranieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...